Ci mancava la “flat tax”: l’Italia alla guerra degli sconti fiscali

L'Italia partecipa attivamente alla distruzione dei fondamenti costitutivi dell'Unione Europea giocando alla guerra dell'ultimo sconto fiscale, a cui tanti partecipano e in cui tutti perdono (gettito), risorse che giocoforza verranno sottratte al welfare.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Domenica, al Qui­ri­na­le, il nuo­vo gover­no giu­ra­va sul­la Costi­tu­zio­ne, la stes­sa che all’ar­ti­co­lo 53 reci­ta “Tut­ti sono tenu­ti a con­cor­re­re alle spe­se pub­bli­che in ragio­ne del­la loro capa­ci­tà con­tri­bu­ti­va. Il siste­ma tri­bu­ta­rio è infor­ma­to a cri­te­ri di pro­gres­si­vi­tà.”

La flat tax in Ita­lia in par­te l’ab­bia­mo già: 27,2 milio­ni di ita­lia­ni paga­no in media 28 euro l’an­no di Irpef. Meri­to di pres­sio­ne fisca­le alta, rego­le baroc­che, nume­ri di adem­pi­men­ti mon­stre ed eva­sio­ne da record. Pro­du­ce una distor­sio­ne che pesa soprat­tut­to sul­la fascia 20mila – 35mila su cui era inter­ve­nu­to il bonus degli 80 euro, con scar­si risul­ta­ti (eufe­mi­smo). Una real­tà che si scon­tra con una poli­ti­ca fat­ta di luo­ghi comu­ni, ideo­lo­gie con­fu­se, la non cono­scen­za dei nume­ri e uno scar­so con­cet­to del diritto.

Non solo è una poli­ti­ca fisca­le vec­chia, ini­qua e dan­no­sa per le finan­ze del­lo Sta­to ma è anche già in uso in Ita­lia: la leg­ge di bilan­cio 2017 infat­ti pre­ve­de un’op­zio­ne di paga­men­to del­le impo­ste a for­fait, in uni­ca solu­zio­ne, di 100mila euro per gli High net worth indi­vi­duals (le per­so­ne con un alto patri­mo­nio) che tra­sfe­ri­ran­no la loro resi­den­za fisca­le in Ita­lia, indi­pen­den­te­men­te dal loro livel­lo red­di­tua­le. L’im­po­sta sosti­tu­ti­va in que­stio­ne va a bene­fi­cio dei red­di­ti pro­dot­ti all’e­ste­ro, per ogni perio­do d’im­po­sta per cui vie­ne eser­ci­ta­ta. Esten­si­bi­le ai fami­lia­ri aggiun­gen­do 25mila euro. L’op­zio­ne si rin­no­va annual­men­te e taci­ta­men­te per ces­sa­re solo dopo quin­di­ci (quin­di­ci!) anni dal pri­mo perio­do d’im­po­sta di validità.

Non fun­zio­na come la flat tax, que­sta è un’im­po­sta capi­ta­ria, ma la valen­za è mol­to simi­le, se ne intui­sce imme­dia­ta­men­te la for­ma di pac­co rega­lo (come se ce ne fos­se biso­gno) incar­ta­to da regi­me fisca­le vantaggioso.

I nume­ri resi noti fino­ra dal­l’A­gen­zia del­le Entra­te par­la­no di cir­ca 160 ‘pape­ro­ni’ che han­no appro­fit­ta­to del­la gene­ro­sa offer­ta del­l’I­ta­lia (anche se i media pre­ve­de­va­no cir­ca un miglia­io di nuo­vi resi­den­ti). Pro­ve­nien­ti pre­va­len­te­men­te dagli sta­ti con­fi­nan­ti, in pri­mis Fran­cia e Sviz­ze­ra. Per un tota­le di 16 milio­ni di euro raci­mo­la­ti dal­le Sta­to Ita­lia­no a fron­te di cen­ti­na­ia di milio­ni sot­trat­ti dal­le cas­se dei pae­si nei qua­li risie­de­va­no precedentemente.

Un cor­to­cir­cui­to, quel­lo degli scon­ti fisca­li ai ric­chi, che aldi­là del­la Bre­xit e del fug­gi fug­gi di per­so­ne e capi­ta­li che potreb­be com­por­ta­re, avan­za ine­so­ra­bi­le anche nei Pae­si meno ‘fiscal friend­ly’. Così se i para­di­si fisca­li nel cuo­re d’Eu­ro­pa riman­go­no tali ecco che gli ‘infer­ni’ e i ‘pur­ga­to­ri’ cam­bia­no per atti­ra­re cit­ta­di­ni facol­to­si (solo con loro però).

Men­tre i mini­stri del­la Repub­bli­ca gira­no il Pae­se in tour elet­to­ra­le (c’è sem­pre un’e­le­zio­ne die­tro l’an­go­lo) pro­met­ten­do l’au­men­to dei sus­si­di e la dimi­nu­zio­ne del­le tas­se, l’I­ta­lia par­te­ci­pa atti­va­men­te alla distru­zio­ne dei fon­da­men­ti costi­tu­ti­vi del­l’U­nio­ne Euro­pea gio­can­do alla guer­ra del­l’ul­ti­mo scon­to fisca­le, a cui tan­ti par­te­ci­pa­no e in cui tut­ti per­do­no (get­ti­to), risor­se che gio­co­for­za ver­ran­no sot­trat­te al welfare.

Ste­fa­no Artu­si[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.