La presunzione di onestà

Il fisco, si sa, è anti­pa­ti­co a tut­ti. Pur­trop­po però il nostro Pae­se ha un tas­so di eva­sio­ne fisca­le altis­si­mo ed è per que­sto moti­vo che la nor­ma­ti­va si è evo­lu­ta in sen­so restrit­ti­vo, con i vari red­di­to­me­tri e spe­so­me­tri, con gli stu­di di set­to­re, con gli accer­ta­men­ti indut­ti­vi, e soprat­tut­to con l’attri­bu­zio­ne di gran par­te degli one­ri pro­ba­to­ri in capo al con­tri­buen­te.

In linea gene­ra­le, l’Amministrazione finan­zia­ria è tenu­ta alla alle­ga­zio­ne dei fat­ti costi­tu­ti­vi del­la mag­gio­re pre­te­sa van­ta­ta, cui adem­pie moti­van­do ade­gua­ta­men­te l’atto impo­si­ti­vo. Inve­ce, il con­tri­buen­te deve alle­ga­re (e, suc­ces­si­va­men­te, pro­va­re, se con­te­sta­ti) i fat­ti modi­fi­ca­ti­vi, impe­di­ti­vi ed estin­ti­vi del­la pre­te­sa fisca­le o i fat­ti che fon­da­no i pro­pri diritti.

Vie­ne sostan­zial­men­te inver­ti­to l’onere pro­ba­to­rio ordi­na­rio, secon­do il qua­le chi vuo­le far vale­re una pre­te­sa in giu­di­zio deve dar­ne la pro­va, e ciò in ragio­ne del­la mate­ria e dell’interesse collettivo.

Per­so­nal­men­te sono sta­to spes­so cri­ti­co nei con­fron­ti di mol­ti prov­ve­di­men­ti in que­sta mate­ria, alcu­ni dei qua­li peral­tro sono cadu­ti nel nul­la o si sono rive­la­ti inu­ti­li o a rischio di inco­sti­tu­zio­na­li­tà, ma non ho mai dubi­ta­to del­la neces­si­tà di con­tem­pe­ra­re ade­gua­ta­men­te l’interesse pub­bli­co con quel­lo del pri­va­to cit­ta­di­no, anche con­si­de­ran­do la dif­fi­col­tà e la com­ples­si­tà pro­ba­to­ria dell’accertamento di una con­dot­ta come l’evasione fiscale.

Ora, a leg­ge­re i vir­go­let­ta­ti dei quo­ti­dia­ni, il vice­pre­mier Di Maio avreb­be dichia­ra­to: “Abo­li­re­mo tut­ti gli stru­men­ti come lo spe­so­me­tro e il red­di­to­me­tro e inse­ri­re­mo l’in­ver­sio­ne del­l’o­ne­re del­la pro­va. Per­ché sie­te tut­ti one­sti ed è one­re del­lo Sta­to pro­va­re il con­tra­rio”, aggiun­gen­do che que­sto tipo di misu­re han­no “reso schia­vi quel­li che pro­du­co­no valo­re”. “Noi — ha aggiun­to — incro­ce­re­mo tut­ti i dati del­la P.A.” per dimo­stra­re l’evasione.

Non solo, quin­di, si ipo­tiz­za una flat tax che abbas­se­rà note­vol­men­te le tas­se ai ric­chi, ma con l’inversione (del­la già avve­nu­ta inver­sio­ne) degli one­ri pro­ba­to­ri, si ren­de­rà più dif­fi­ci­le, ogget­ti­va­men­te, rile­va­re e puni­re l’evasione, con una pre­sun­zio­ne di “one­stà” che, quan­to meno sta­ti­sti­ca­men­te, appa­re poco cal­zan­te ai nostri con­tri­buen­ti in gene­ra­le.

Anche facen­do la tara alla evi­den­te ricer­ca di con­sen­so con dichia­ra­zio­ni spot, que­ste ulti­me non pos­so­no non pre­oc­cu­pa­re, per gli stes­si moti­vi per cui pre­oc­cu­pa la flat tax.

Il con­tri­buen­te mode­sto che omet­te un paga­men­to sarà cer­ta­men­te puni­to, per­ché sarà rela­ti­va­men­te sem­pli­ce la pro­va del suo erro­re o del­la sua vio­la­zio­ne.

Di con­tro, chi pre­di­spo­ne sofi­sti­ca­ti siste­mi di fal­se fat­tu­ra­zio­ni e giri immen­si di dena­ro off sho­re, ed ogni rife­ri­men­to a fat­ti acca­du­ti e a sen­ten­ze defi­ni­ti­ve è pura­men­te casua­le, mol­to pro­ba­bil­men­te, se ver­ran­no a man­ca­re que­sti equi­li­bri, la farà fran­ca, per­ché non baste­rà incro­cia­re i dati del­la P.A..

Se la nor­ma­ti­va venis­se modi­fi­ca­ta in que­sto sen­so sen­za accu­ra­te con­si­de­ra­zio­ni su quel cita­to con­tem­pe­ra­men­to di inte­res­si pub­bli­ci e pri­va­ti, rischie­reb­be di venir meno anche la pro­gres­si­vi­tà degli accer­ta­men­ti fisca­li, con pie­no suc­ces­so di quel­li che toc­ca­no chi tira a cam­pa­re con una par­ti­ta iva o una pic­co­la o media impre­sa, e pro­ba­bi­le impu­ni­tà per i gran­di evasori.

Un “cam­bia­men­to” che dan­neg­ge­reb­be tut­ti e che sareb­be dav­ve­ro meglio evitare.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.