Calcio femminile, una grande occasione per lo sport italiano e per la nostra società

I tan­tis­si­mi com­pli­men­ti alla Nazio­na­le che è appro­da­ta ai cam­pio­na­ti mon­dia­li devo­no cor­ri­spon­de­re a un impe­gno rin­no­va­to per pro­muo­ve­re il cal­cio fem­mi­ni­le.

La Figc ha comin­cia­to a “fare sul serio” con il cal­cio fem­mi­ni­le solo un paio di anni fa, con un ritar­do di più di ven­t’an­ni rispet­to agli altri pae­si euro­pei. Nono­stan­te il ritar­do in Ita­lia abbia­mo cul­tu­ra spor­ti­va e cal­ci­sti­ca e infi­ni­te risor­se che van­no sol­tan­to valo­riz­za­te e dif­fu­se. Spe­ria­mo che il nuo­vo Pre­si­den­te del­la Figc sap­pia rilan­cia­re un pro­get­to com­ples­si­vo per il cal­cio fem­mi­ni­le, che si risol­va­no alcu­ne que­stio­ni aper­te da trop­po tem­po e si dia il giu­sto risal­to a un set­to­re che può cre­sce­re mol­to, soprat­tut­to se accom­pa­gna­to da un’informazione atten­ta e da un accu­ra­to lavo­ro sui media. Le aspet­ta­ti­ve sono mol­te e sono cre­sciu­te, come si può rile­va­re anche da un cam­pio­na­to più for­te, con le gran­di socie­tà che si sono final­men­te mos­se, par­te­ci­pan­do diret­ta­men­te con le loro formazioni.
E anche la poli­ti­ca si è for­se resa con­to che il mon­do del cal­cio fem­mi­ni­le non si può più affron­ta­re con la super­fi­cia­li­tà degli ste­reo­ti­pi e dei luo­ghi comu­ni, ma con curio­si­tà e atten­zio­ni sin­ce­re.

Il cal­cio fem­mi­ni­le è una gran­de occa­sio­ne per lo sport ita­lia­no e per la nostra socie­tà: il momen­to è ora.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.