Capo Colonna: la devastazione sbatte contro i sigilli apposti dalla Procura di Crotone

“Una rapina!”, l’ha definita così il dottore Capoccia, Procuratore della Repubblica a Crotone. Ed è esattamente così che l’abbiamo vissuta noi fino a ieri. Un tentativo, ancora lontano dal definirsi scongiurato del tutto, di depauperare non solo la storia e l’ambiente, ma anche la cultura e l’identità di un intero Paese.

Ieri sera è arri­va­ta la noti­zia che auspi­ca­va­mo di leg­ge­re: il cam­mi­no — che sem­bra­va ine­so­ra­bi­le — del costruen­do Mari­ne Park Vil­la­ge a Sci­fo si è fermato.

E’ anda­to a sbat­te­re, un’al­tra vol­ta, con­tro i sigil­li appo­sti dal­la Pro­cu­ra di Cro­to­ne con un decre­to urgen­te di seque­stro pre­ven­ti­vo del can­tie­re. I lavo­ri, nel­le ulti­me set­ti­ma­ne, com­pli­ce anche il bac­ca­no media­ti­co e isti­tu­zio­na­le (con un sopral­luo­go del­lo stes­so Civa­ti, pre­ce­du­to da un’in­ter­ro­ga­zio­ne par­la­men­ta­re) che abbia­mo fat­to, ave­va­no subi­to una quan­to meno sospet­ta acce­le­ra­zio­ne. E inve­ce è arri­va­to il “pit stop” che ci augu­ria­mo sia un defi­ni­ti­vo “game over”. Vole­va­no fare pre­sto, pre­stis­si­mo. Così che, for­se, si potes­se dire “ormai, non si può far più nulla”.

civati interrogazione scifo
L’in­ter­ro­ga­zio­ne con la qua­le Pos­si­bi­le chie­de con­to al governo

Pare che miras­se a que­sto sco­po anche lo stes­so Sovrin­ten­den­te, che in una recen­te infor­ma­ti­va al Mini­ste­ro dei Beni cul­tu­ra­li scri­ve­va (for­se per soste­ne­re l’inevitabilità dell’abuso) che “tut­ti i bun­ga­low era­no ormai sta­ti rea­liz­za­ti”, quan­do inve­ce sol­tan­to uno di que­sti risul­ta­va par­zial­men­te costrui­to, qua­le ripa­ro per gli attrez­zi del can­tie­re. Fal­so ideo­lo­gi­co in atto pub­bli­co. Lo inqua­dra­no così i magi­stra­ti inqui­ren­ti ponen­do il rea­to a cari­co del Sovrin­ten­den­te di Crotone.

Nel prov­ve­di­men­to giu­di­zia­rio, Mari­ne Park Vil­la­ge non sareb­be altro che una lot­tiz­za­zio­ne abu­si­va in un’area sot­to­po­sta a tri­pli­ce vin­co­lo pae­sag­gi­sti­co e archeo­lo­gi­co, di cui è la stes­sa Pro­cu­ra del­la Repub­bli­ca a ricor­da­re la “strug­gen­te bel­lez­za rima­sta fino ad oggi intat­ta e iden­ti­ca a quel­la che gli anti­chi gre­ci scel­se­ro come luo­go di fon­da­zio­ne di Kro­ton”.

I rea­ti ipo­tiz­za­ti non si limi­ta­no alla vio­la­zio­ne di nor­me urba­ni­sti­che e pae­sag­gi­sti­che ma si esten­de­reb­be­ro a con­dot­te di abu­so d’ufficio dei pub­bli­ci ammi­ni­stra­to­ri che a vario tito­lo sono inter­ve­nu­ti, o non inter­ve­nu­ti, nel­la vicen­da del­le auto­riz­za­zio­ni rila­scia­te ai fra­tel­li Sca­li­se per la rea­liz­za­zio­ne di un agri­tu­ri­smo che di fat­to è un vero e pro­prio vil­lag­gio turi­sti­co.

Dif­fe­ren­za non di poco con­to per valu­ta­re le cir­co­stan­ze di rea­to la fa la scel­le­ra­tez­za nel rila­scio di con­ces­sio­ni e nul­la osta e per­si­no per quan­ti­fi­ca­re i dan­ni fin qui perpetrati.

Civati a Capocolonna il 9 febbraio 2017
Civa­ti a Capo Colon­na il 9 feb­bra­io 2017

“Una rapi­na!”, l’ha defi­ni­ta così il dot­to­re Capoc­cia, Pro­cu­ra­to­re del­la Repub­bli­ca a Cro­to­ne. Ed è esat­ta­men­te così che l’abbiamo vis­su­ta noi fino a ieri. Un ten­ta­ti­vo, anco­ra lon­ta­no dal defi­nir­si scon­giu­ra­to del tut­to, di depau­pe­ra­re non solo la sto­ria e l’ambiente, ma anche la cul­tu­ra e l’identità di un inte­ro Pae­se. Il tut­to, nel nome di un pro­get­to “turi­sti­co” che non può cer­to con­si­de­rar­si com­pa­ti­bi­le con una visio­ne ragio­ne­vo­le e intel­li­gen­te di quel­la che è la rea­le poten­zia­li­tà dei luo­ghi, e che non tie­ne affat­to con­to (un po’ stra­no per degli impren­di­to­ri avve­du­ti) dell’esistenza di infra­strut­tu­re non ade­gua­te nem­me­no per i resi­den­ti (figu­ria­mo­ci per sod­di­sfa­re i clien­ti dei resort di lus­so). E che non tie­ne con­to, ma per que­sto potrem­mo attri­bui­re mio­pia alla poli­ti­ca che i pro­ces­si li deve anti­ci­pa­re e favo­ri­re, del fat­to che se c’è un set­to­re del turi­smo che con­ti­nua a cre­sce­re è esat­ta­men­te quel­lo di chi va alla ricer­ca di luo­ghi rari, di chi tro­va sod­di­sfa­zio­ne nel­la cul­tu­ra e nel­la sto­ria dei ter­ri­to­ri , nell’enogastronomia e nel­la bel­lez­za, piut­to­sto che nel cemen­to di una pisci­na di 1000 mq e pro­fon­da 4 metri e mez­zo. Nean­che doves­se­ro far­ci le olimpiadi!

Duran­te gli Sta­ti Gene­ra­li ho ricor­da­to alcu­ne paro­le di Giu­sep­pe Civa­ti e mi sen­to di riba­dir­le anche ora: biso­gna insi­ste­re sem­pre su quel­lo che si ritie­ne giusto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.