Capo Colonna: la devastazione sbatte contro i sigilli apposti dalla Procura di Crotone

“Una rapina!”, l’ha definita così il dottore Capoccia, Procuratore della Repubblica a Crotone. Ed è esattamente così che l’abbiamo vissuta noi fino a ieri. Un tentativo, ancora lontano dal definirsi scongiurato del tutto, di depauperare non solo la storia e l’ambiente, ma anche la cultura e l’identità di un intero Paese.

Ieri sera è arri­va­ta la noti­zia che auspi­ca­va­mo di leg­ge­re: il cam­mi­no — che sem­bra­va ine­so­ra­bi­le — del costruen­do Mari­ne Park Vil­la­ge a Sci­fo si è fermato.

E’ anda­to a sbat­te­re, un’al­tra vol­ta, con­tro i sigil­li appo­sti dal­la Pro­cu­ra di Cro­to­ne con un decre­to urgen­te di seque­stro pre­ven­ti­vo del can­tie­re. I lavo­ri, nel­le ulti­me set­ti­ma­ne, com­pli­ce anche il bac­ca­no media­ti­co e isti­tu­zio­na­le (con un sopral­luo­go del­lo stes­so Civa­ti, pre­ce­du­to da un’in­ter­ro­ga­zio­ne par­la­men­ta­re) che abbia­mo fat­to, ave­va­no subi­to una quan­to meno sospet­ta acce­le­ra­zio­ne. E inve­ce è arri­va­to il “pit stop” che ci augu­ria­mo sia un defi­ni­ti­vo “game over”. Vole­va­no fare pre­sto, pre­stis­si­mo. Così che, for­se, si potes­se dire “ormai, non si può far più nulla”.

civati interrogazione scifo
L’in­ter­ro­ga­zio­ne con la qua­le Pos­si­bi­le chie­de con­to al governo

Pare che miras­se a que­sto sco­po anche lo stes­so Sovrin­ten­den­te, che in una recen­te infor­ma­ti­va al Mini­ste­ro dei Beni cul­tu­ra­li scri­ve­va (for­se per soste­ne­re l’inevitabilità dell’abuso) che “tut­ti i bun­ga­low era­no ormai sta­ti rea­liz­za­ti”, quan­do inve­ce sol­tan­to uno di que­sti risul­ta­va par­zial­men­te costrui­to, qua­le ripa­ro per gli attrez­zi del can­tie­re. Fal­so ideo­lo­gi­co in atto pub­bli­co. Lo inqua­dra­no così i magi­stra­ti inqui­ren­ti ponen­do il rea­to a cari­co del Sovrin­ten­den­te di Crotone.

Nel prov­ve­di­men­to giu­di­zia­rio, Mari­ne Park Vil­la­ge non sareb­be altro che una lot­tiz­za­zio­ne abu­si­va in un’area sot­to­po­sta a tri­pli­ce vin­co­lo pae­sag­gi­sti­co e archeo­lo­gi­co, di cui è la stes­sa Pro­cu­ra del­la Repub­bli­ca a ricor­da­re la “strug­gen­te bel­lez­za rima­sta fino ad oggi intat­ta e iden­ti­ca a quel­la che gli anti­chi gre­ci scel­se­ro come luo­go di fon­da­zio­ne di Kro­ton”.

I rea­ti ipo­tiz­za­ti non si limi­ta­no alla vio­la­zio­ne di nor­me urba­ni­sti­che e pae­sag­gi­sti­che ma si esten­de­reb­be­ro a con­dot­te di abu­so d’ufficio dei pub­bli­ci ammi­ni­stra­to­ri che a vario tito­lo sono inter­ve­nu­ti, o non inter­ve­nu­ti, nel­la vicen­da del­le auto­riz­za­zio­ni rila­scia­te ai fra­tel­li Sca­li­se per la rea­liz­za­zio­ne di un agri­tu­ri­smo che di fat­to è un vero e pro­prio vil­lag­gio turi­sti­co.

Dif­fe­ren­za non di poco con­to per valu­ta­re le cir­co­stan­ze di rea­to la fa la scel­le­ra­tez­za nel rila­scio di con­ces­sio­ni e nul­la osta e per­si­no per quan­ti­fi­ca­re i dan­ni fin qui perpetrati.

Civati a Capocolonna il 9 febbraio 2017
Civa­ti a Capo Colon­na il 9 feb­bra­io 2017

“Una rapi­na!”, l’ha defi­ni­ta così il dot­to­re Capoc­cia, Pro­cu­ra­to­re del­la Repub­bli­ca a Cro­to­ne. Ed è esat­ta­men­te così che l’abbiamo vis­su­ta noi fino a ieri. Un ten­ta­ti­vo, anco­ra lon­ta­no dal defi­nir­si scon­giu­ra­to del tut­to, di depau­pe­ra­re non solo la sto­ria e l’ambiente, ma anche la cul­tu­ra e l’identità di un inte­ro Pae­se. Il tut­to, nel nome di un pro­get­to “turi­sti­co” che non può cer­to con­si­de­rar­si com­pa­ti­bi­le con una visio­ne ragio­ne­vo­le e intel­li­gen­te di quel­la che è la rea­le poten­zia­li­tà dei luo­ghi, e che non tie­ne affat­to con­to (un po’ stra­no per degli impren­di­to­ri avve­du­ti) dell’esistenza di infra­strut­tu­re non ade­gua­te nem­me­no per i resi­den­ti (figu­ria­mo­ci per sod­di­sfa­re i clien­ti dei resort di lus­so). E che non tie­ne con­to, ma per que­sto potrem­mo attri­bui­re mio­pia alla poli­ti­ca che i pro­ces­si li deve anti­ci­pa­re e favo­ri­re, del fat­to che se c’è un set­to­re del turi­smo che con­ti­nua a cre­sce­re è esat­ta­men­te quel­lo di chi va alla ricer­ca di luo­ghi rari, di chi tro­va sod­di­sfa­zio­ne nel­la cul­tu­ra e nel­la sto­ria dei ter­ri­to­ri , nell’enogastronomia e nel­la bel­lez­za, piut­to­sto che nel cemen­to di una pisci­na di 1000 mq e pro­fon­da 4 metri e mez­zo. Nean­che doves­se­ro far­ci le olimpiadi!

Duran­te gli Sta­ti Gene­ra­li ho ricor­da­to alcu­ne paro­le di Giu­sep­pe Civa­ti e mi sen­to di riba­dir­le anche ora: biso­gna insi­ste­re sem­pre su quel­lo che si ritie­ne giusto.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.