Cambiano le rotte, non i principi: la visione del Guardian sulle migrazioni in Europa

Pub­bli­chia­mo la tra­du­zio­ne del­l’edi­to­ria­le del Guar­dian di ieri, un pez­zo mol­to signi­fi­ca­ti­vo, che ci sem­bra impor­tan­te diffondere.

Le migra­zio­ni resta­no al cen­tro del­la cri­si poli­ti­ca e socia­le del­l’Eu­ro­pa. L’in­sta­bi­li­tà in Afri­ca e altro­ve, le guer­re, la per­se­cu­zio­ne, la pover­tà, le ten­den­ze demo­gra­fi­che e l’an­ti­ca urgen­za uma­na nel cer­ca­re una vita miglio­re in regio­ni più sicu­re e più pro­spe­re, signi­fi­ca che que­sta real­tà non sta per cam­bia­re. Due anni dopo che più di un milio­ne di per­so­ne sono venu­te in Euro­pa, il più gran­de arri­vo di immi­gra­ti dal­l’e­ster­no del con­ti­nen­te, le sue isti­tu­zio­ni e gover­ni euro­pei cer­ca­no anco­ra di tro­va­re solu­zio­ni. Anche quan­do ven­go­no ela­bo­ra­te poli­ti­che di buon sen­so, come l’accoglimento con­di­vi­so, per alle­via­re la pres­sio­ne sugli sta­ti “in pri­ma linea”, l’im­ple­men­ta­zio­ne è mol­to lontana.

Lune­dì i lea­der di diver­si sta­ti euro­pei e afri­ca­ni, non tra loro, si sono incon­tra­ti a Pari­gi per cer­ca­re di crea­re una mag­gio­re uni­tà su come affron­ta­re sia l’ur­gen­za uma­ni­ta­ria che le cau­se fon­da­men­ta­li del­le migra­zio­ni. I col­lo­qui sono sta­ti cen­tra­ti sull’arginare i flus­si migra­to­ri più vici­no alla loro fon­te. Ciò ha sen­so, ma solo se ven­go­no rispet­ta­ti i dirit­ti dei migran­ti che han­no biso­gno di pro­te­zio­ne urgen­te. Le stra­te­gie euro­pee non dovreb­be­ro spin­ge­re il pro­ble­ma più lon­ta­no dal­le sue spon­de, piut­to­sto che cer­ca­re di risol­ver­lo.

Le tra­ge­die del Medi­ter­ra­neo sono tut­t’al­tro che fini­te, ma ora i peri­co­li del­le migra­zio­ni si spo­sta­no più a sud, ver­so i deser­ti del Saha­ra e del Sahel. L’UE sta spin­gen­do i gover­ni afri­ca­ni a taglia­re le reti dei traf­fi­can­ti e raf­for­za­re il con­trol­lo sul­le aree di fron­tie­ra più impor­tan­ti. Sono sta­te for­ni­te con­di­zio­ni per l’e­ro­ga­zio­ne di aiu­ti allo svi­lup­po, in par­ti­co­la­re per inco­rag­gia­re la repres­sio­ne dei traf­fi­can­ti. L’UE ha impe­gna­to 640 milio­ni di euro per tali pro­gram­mi solo nel Niger, con alcu­ni risul­ta­ti posi­ti­vi. L’Or­ga­niz­za­zio­ne Inter­na­zio­na­le per le Migra­zio­ni rile­va un for­te calo del nume­ro di per­so­ne che pas­sa­no dal Niger in Libia dal 2016.

Que­ste regio­ni diven­ta­no così la nuo­va fron­tie­ra del­l’Eu­ro­pa con­tro i migran­ti sub-saha­ria­ni ei pro­fu­ghi che si reca­no ver­so il Medi­ter­ra­neo cen­tra­le. Nel 2016, più di 160.000 per­so­ne han­no pre­so que­sta rot­ta ver­so l’Italia, soprat­tut­to tra­mi­te bar­co­ni improv­vi­sa­ti. Un think tank, l’International Cri­si Group, sti­ma che il traf­fi­co di per­so­ne attra­ver­so la Libia gene­ra entra­te annua­li tra 1 e 1,5 miliar­di di dollari.

Eppu­re, bloc­ca­re le rot­te ser­ve a poco per impe­di­re che altre ven­ga­no uti­liz­za­te, a vol­te in cir­co­stan­ze anco­ra più peri­co­lo­se. Recen­te­men­te, ci sono sta­te segna­la­zio­ni di traf­fi­can­ti che abban­do­na­no il loro cari­co uma­no in mez­zo al deser­to. Ciò acca­de quan­do temo­no l’ar­re­sto da par­te del­le for­ze di sicu­rez­za loca­li o se i vei­co­li si rom­po­no. I migran­ti ven­go­no poi lascia­ti a loro stes­si tra le sab­bie, sen­za acqua, cibo o rifu­gio, in tem­pe­ra­tu­re tor­ri­de. Il nume­ro tota­le di deces­si è dif­fi­ci­le da quan­ti­fi­ca­re, pro­prio come per quan­to riguar­da quel­li in mare, ma gli osser­va­to­ri riten­go­no che tale bru­ta­li­tà sia diven­ta­ta più fre­quen­te. Le agen­zie del­le Nazio­ni Uni­te e le ONG han­no suo­na­to cam­pa­nel­li di allarme.

Nei due anni da quan­do l’UE ha lan­cia­to la sua “agen­da per le migra­zio­ni”, ci sono sta­ti dei risul­ta­ti, ma il qua­dro gene­ra­le rima­ne fosco. Dopo che la rot­ta bal­ca­ni­ca è sta­ta inter­rot­ta dal­l’ac­cor­do UE-Tur­chia nel 2016, sfor­zi altret­tan­to con­tro­ver­si si sono con­cen­tra­ti sul lavo­ro con la guar­dia costie­ra libi­ca e per­si­no per osta­co­la­re il lavo­ro del­le ONG, accu­sa­te di crea­re un fat­to­re di attrazione.

L’Eu­ro­pa sta, di fat­to, esten­den­do i suoi pro­ble­mi migra­to­ri ai pae­si afri­ca­ni, dopo aver­li par­zial­men­te ester­na­liz­za­ti in Tur­chia. Tut­ta­via, al cam­bia­re del­le rot­te migra­to­rie, le tra­ge­die uma­ne sem­pli­ce­men­te si spo­sta­no con esse.

L’u­ni­ca solu­zio­ne vera­men­te soste­ni­bi­le e uma­na sareb­be quel­la di crea­re per­cor­si lega­li sicu­ri per i richie­den­ti asi­lo, ma que­sto è sta­to ampia­men­te igno­ra­to da poli­ti­ci ner­vo­si, come acca­de in Ita­lia. Aiu­ta­re a sta­bi­liz­za­re e svi­lup­pa­re pae­si che subi­sco­no un’emorragia del­la loro gio­ven­tù per man­can­za di oppor­tu­ni­tà eco­no­mi­che o di sicu­rez­za fon­da­men­ta­le richie­de indub­bia­men­te un impe­gno a lun­go ter­mi­ne. Ma osta­co­la­re il movi­men­to del­le per­so­ne cer­can­do di costrui­re più bar­rie­re signi­fi­ca che le poli­ti­che euro­pee non rie­sco­no a cor­ri­spon­de­re ai pro­pri valo­ri dichia­ra­ti. Insi­ste­re che i gover­ni o le mili­zie afri­ca­ne resti­tui­sca­no per­so­ne dispe­ra­te a luo­ghi dove la loro vita è in peri­co­lo è per­si­no peggio.

Il reim­pa­trio dei migran­ti che non han­no dirit­to all’asilo è una poli­ti­ca neces­sa­ria. Ma deve esse­re fat­to uma­na­men­te, dopo due pro­ces­si, e solo quan­do il prov­ve­di­men­to è accet­ta­bil­men­te sicu­ro. L’i­dea di sta­bi­li­re “hot spo­ts” del­l’UE in luo­ghi mol­to peri­co­lo­si come la Libia deve esse­re abban­do­na­ta. Nel frat­tem­po biso­gna pre­sta­re mag­gio­re atten­zio­ne a ciò che si acca­den­do nel deser­to, e le risor­se van­no inve­sti­te in ope­ra­zio­ni di sal­va­tag­gio. Il fat­to che mol­te di que­ste tra­ge­die stia­no avve­nen­do lon­ta­no dagli occhi euro­pei non giu­sti­fi­ca l’i­na­zio­ne.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.