Calabria: per il finto cambiamento #bastaunSì

A Crotone i comitati “Basta un SI” hanno un riferimento d’eccezione. Di quelli che fanno capire esattamente il senso della riforma costituzionale e di quella parolina tanto ripetuta nella narrazione renziana: “cambiamento”.
senato

Lo ave­va anti­ci­pa­to Huf­fing­ton­po­st qual­che set­ti­ma­na fa ed è diven­ta­to uffi­cia­le lo scor­so venerdì.

A Cro­to­ne i comi­ta­ti “Basta un SI” han­no un rife­ri­men­to d’eccezione. Di quel­li che fan­no capi­re esat­ta­men­te il sen­so del­la rifor­ma costi­tu­zio­na­le e di quel­la paro­li­na tan­to ripe­tu­ta nel­la nar­ra­zio­ne ren­zia­na: “cam­bia­men­to”.

Enzo Scul­co (ex con­si­glie­re regio­na­le del­la Mar­ghe­ri­ta, con­dan­na­to a quat­tro anni per con­cus­sio­ne e inter­det­to per­pe­tua­men­te dai pub­bli­ci uffi­ci), con il suo ondi­va­go movi­men­to ter­ri­to­ria­le par­ti­to da Cro­to­ne e dif­fu­so­si nell’“area vasta” (nel sen­so let­te­ra­le più che isti­tu­zio­na­le), dopo aver occu­pa­to con la figu­ra di Puglia­no l’assessorato all’ambiente nel­la Giun­ta di cen­tro­de­stra di Sco­pel­li­ti e ora con la figlia Flo­ra Scul­co un seg­gio regio­na­le con la mag­gio­ran­za di cen­tro­si­ni­stra, e dopo  aver vin­to il bal­lot­tag­gio ponen­do la coa­li­zio­ne e l’attuale Sin­da­co Puglie­se come alter­na­ti­va neces­sa­ria al PD, si met­te, giu­sta­men­te, a “capo” dei comi­ta­ti pro-rifor­ma.

“Nes­sun cal­co­lo poli­ti­co. Non lo fac­cia­mo per ave­re qual­co­sa in cam­bio”, han­no spe­ci­fi­ca­to, rispon­den­do alle voci che par­la­no di un accor­do con Mat­teo Ren­zi per assi­cu­rar­si un posto in pri­ma fila nel pros­si­mo Par­la­men­to. Con buo­na pace del prin­ci­pio di sovra­ni­tà popo­la­re e di rappresentatività.

D’altra par­te, lo sfor­zo di moti­va­re le ragio­ni del sì è rac­chiu­so in due espres­sio­ni: “sia­mo rifor­mi­sti e voglia­mo il cam­bia­men­to” e  “ci affa­sci­na l’idea di un Sena­to che por­te­reb­be a Roma la voce del ter­ri­to­ri”.

In que­ste affer­ma­zio­ni sta tut­to il peso di una scel­ta di cam­po reci­pro­ca: di Enzo e Flo­ra Scul­co ver­so Ren­zi e vice­ver­sa. Una par­ti­ta su cui scom­met­te­re, più che un’idea di Pae­se e un voto con­sa­pe­vo­le sul­la Costituzione

Ecco tut­ta la leg­ge­rez­za di una poli­ti­ca auto­re­fe­ren­zia­le, impe­gna­ta nel­la con­ser­va­zio­ne e nel­la costru­zio­ne di nuo­vi gio­chi di pote­re su cui inve­sti­re un gruz­zo­lo elet­to­ra­le. Una poli­ti­ca ben sal­da­ta al biso­gno e anche al desi­de­rio di alcu­ni di “con­ta­re”.

Que­sto spie­ghe­reb­be per­ché il Sin­da­co di Cro­to­ne Ugo Puglie­se, espres­sio­ne del pro­get­to “scul­chia­no”,  il 23 apri­le, duran­te la cam­pa­gna elet­to­ra­le, in occa­sio­ne di un con­fron­to tra can­di­da­ti a sin­da­co orga­niz­za­to dal­le asso­cia­zio­ni del ter­zo set­to­re, a doman­da spe­ci­fi­ca si distin­se dagli altri per un No con­vin­to alla rifor­ma costi­tu­zio­na­le. Come del resto la sua coa­li­zio­ne, nel­le inten­zio­ni pro­pa­gan­da­te, si carat­te­riz­zò per la con­trap­po­si­zio­ne net­ta al PD e alle sue poli­ti­che.

Ruo­li, insom­ma. Stra­te­gie di occu­pa­zio­ne come a Risi­ko, piut­to­sto che politica.

Quel­la carat­te­riz­za­zio­ne for­te­men­te ter­ri­to­ria­le dei Demo­kra­ti­ci di Scul­co, esa­spe­ra­ta per  giu­sti­fi­ca­re per­si­no gli spo­sta­men­ti da uno schie­ra­men­to all’altro, sareb­be peral­tro il con­tra­rio del sen­so vero di una rifor­ma accentratrice.

In que­sta posi­zio­ne c’è un pen­sie­ro o giu­di­zio poli­ti­co? O si trat­ta sola­men­te del ten­ta­ti­vo di strin­ge­re la pre­sa del PD pro­vin­cia­le e sdo­ga­na­re tut­ti i limi­ti di un movi­men­to di con­fi­ne in vista dei pros­si­mi appun­ta­men­ti elettorali?

La man­can­za di respon­sa­bi­li­tà  ver­so i cit­ta­di­ni a cui era sta­ta pro­po­sta una linea ora­mai smen­ti­ta nei fat­ti, e ora anche sul refe­ren­dum, è tut­ta inte­gra in quel­le ragio­ni che richia­ma­no la magia di un “Sena­to vici­no al ter­ri­to­rio”. Un’idea che non va oltre gli slo­gan e oltre se stes­si. Mani­fe­sta­ta sen­za che si sia ten­ta­to, nean­che  lon­ta­na­men­te, di inda­ga­re se dav­ve­ro la rifor­ma miglio­re­rà o peg­gio­re­rà il peso del­le “peri­fe­rie” d’Italia.

Quel­lo che con­ta è quan­to pez­zo di pote­re si potreb­be otte­ne­re ora che “basta un sì”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.