“Buona scuola”: i numeri della Corte dei conti certificano la cattiva gestione

Dalla relazione della Corte dei Conti sul Rendiconto generale dello Stato approvato dal Senato e del disegno di legge di assestamento di bilancio 2017, emerge con chiarezza la mala gestione delle risorse pubbliche per la Scuola rispetto allo scorso anno scolastico.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1509616101235{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Dalla rela­zio­ne del­la Cor­te dei Con­ti sul Ren­di­con­to gene­ra­le del­lo Sta­to appro­va­to dal Sena­to e del dise­gno di leg­ge di asse­sta­men­to di bilan­cio 2017, emer­ge con chia­rez­za la mala gestio­ne del­le risor­se pub­bli­che per la Scuo­la rispet­to allo scor­so anno sco­la­sti­co.

Già da un pri­mo sguar­do appa­re evi­den­te il fal­li­men­to del­la rifor­ma del­la “Buo­na scuo­la”, con risul­ta­ti che stan­no andan­do oltre la più cupa pre­vi­sio­ne che il mon­do del­la Scuo­la, i Sin­da­ca­ti e alcu­ne for­ze poli­ti­che ave­va­no imma­gi­na­to, ancor pri­ma di vede­re l’ex pre­mier Ren­zi elen­car­ne le mera­vi­glie alla lava­gna, con tan­to di ges­set­ti colorati.

Ma vedia­mo i dati: i docen­ti pre­sen­ti nel­le Gra­dua­to­rie ad Esau­ri­men­to (GAE) sono sali­ti a 88.045.

Ricor­dia­mo che nel 2006 l’allora Mini­stro Fio­ro­ni, che le ave­va isti­tui­te con lo sco­po, appun­to, di esau­ri­re le lun­ghe liste di pre­ca­ri, ave­va ipo­tiz­za­to che si sareb­be­ro svuo­ta­te in tre anni men­tre inve­ce i suc­ces­si­vi gover­ni le han­no uti­liz­za­te come refu­gium pec­ca­to­rum in cui ammas­sa­re i pro­ta­go­ni­sti del “ricor­si­fi­cio” in cui da anni ormai si è tra­sfor­ma­to il Miur.

Ren­zi ci ave­va rac­con­ta­to che gra­zie alla “Buo­na scuo­la” sareb­be spa­ri­ta “la sup­plen­ti­te”: non è sta­to così e la situa­zio­ne si è anzi aggra­va­ta, visto che nell’a.s. 2016/17 si è rag­giun­to il nume­ro sba­lor­di­ti­vo di 125.832 con­trat­ti a tem­po deter­mi­na­to, anche gra­zie ad un con­cor­so che ha allun­ga­to all’inverosimile i tem­pi per il com­ple­ta­men­to del­le pro­ve e, soprat­tut­to, al fat­to che non sono sta­ti avvia­ti i cor­si di spe­cia­liz­za­zio­ne per il soste­gno ade­gua­ti alle rea­li neces­si­tà, visti i mol­ti posti in deroga.

Non è dav­ve­ro chia­ro, poi, il dato secon­do cui, dei 750000 docen­ti di ruo­lo aven­ti dirit­to al bonus pre­mia­le, solo 2487 lo abbia­no effet­ti­va­men­te per­ce­pi­to; con­si­de­ra­to che nel­la mag­gior par­te del­le scuo­le è sta­to deli­be­ra­to di asse­gnar­lo a cir­ca un ter­zo dell’organico, qual­co­sa dav­ve­ro non tor­na, for­se i paga­men­ti sono in gra­ve ritardo.

Del resto que­sta misu­ra ci è sem­pre appar­sa un modo sba­glia­to di valo­riz­za­re i docen­ti: cri­te­ri dif­for­mi e attri­bu­zio­ni a que­sto o quel docen­te non cono­sci­bi­li nel­la loro desti­na­zio­ne del dena­ro pub­bli­co da par­te del diri­gen­te sco­la­sti­co han­no crea­to un cli­ma di com­pe­ti­zio­ne e di opa­ci­tà tra col­le­ghi. Ma non sareb­be sta­to meglio (volen­do si fareb­be anco­ra in tem­po) far con­flui­re i 200 milio­ni annui desti­na­ti al bonus pre­mia­le per pochi, insie­me ad altre risor­se, in un aumen­to di sti­pen­dio più digni­to­so per tut­ti dopo 10 anni di bloc­co del­le retri­bu­zio­ni del pub­bli­co impiego?

Aggiun­gia­mo, per una visio­ne d’insieme, che altre 102 scuo­le auto­no­me sono sta­te can­cel­la­te, con dif­fi­col­tà di gestio­ne seris­si­me da par­te dei diri­gen­ti sco­la­sti­ci a gesti­re le sem­pre più nume­ro­se scuo­le in reg­gen­za, spe­cie quan­do col­lo­ca­te su ter­ri­to­ri poco age­vo­li per gli spo­sta­men­ti e che sono sta­ti asse­gna­ti solo 2338 posti in dero­ga per il per­so­na­le ATA già esclu­so dal pia­no di assun­zio­ni straor­di­na­rio e di cui ci sareb­be un enor­me biso­gno per far fun­zio­na­re le scuole.

Que­sti i dati emer­si dal­la rela­zio­ne del­la Cor­te dei Con­ti pre­sen­ta­ta alla VII Com­mis­sio­ne del­la Came­ra nei gior­ni scor­si: rias­su­mo­no il com­ple­to insuc­ces­so di una rifor­ma che ha pro­dot­to lo sgre­to­la­men­to del­la Scuo­la del­la Costi­tu­zio­ne, una Scuo­la che con man­cet­te, meri­to­cra­zia e inge­ren­ze ester­ne non ha nul­la a che fare, una Scuo­la che voglia­mo tor­ni a par­la­re di “rimo­zio­ne degli osta­co­li” per l’uguaglianza dei futu­ri cit­ta­di­ni e cit­ta­di­ne di que­sto Pae­se.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.