Basta colate di cemento sulla Liguria: Toti blocchi il “Piano casa”

12193174_1030959873602456_277786558_oA Gio­van­ni Toti, pre­si­den­te del­la Regio­ne Liguria

Il nuo­vo “pia­no casa” pre­sen­ta­to dal pre­si­den­te del­la Ligu­ria, Gio­van­ni Toti, rischia di ave­re con­se­guen­ze deva­stan­ti sul ter­ri­to­rio ligu­re e per­ciò su tut­ti i cit­ta­di­ni che lo abi­ta­no.

Il suo­lo con­su­ma­to in pros­si­mi­tà di cor­si d’acqua tra La Spe­zia e Ven­ti­mi­glia cor­ri­spon­de al 19,2%, con­tro una media nazio­na­le del 5,2%: qua­si il 10% degli abi­tan­ti del­la Ligu­ria, di con­se­guen­za, vive con l’incubo che nuo­ve inon­da­zio­ni si abbat­ta­no sul­le pro­prie abitazioni.

Il pia­no casa di Toti, attra­ver­so l’ampliamento del­le dero­ghe, la mor­ti­fi­ca­zio­ne dei pote­ri dei sin­da­ci di difen­de­re il ter­ri­to­rio e il man­ca­to con­tra­sto degli abu­si edi­li­zi, met­te­rà a repen­ta­glio la sicu­rez­za di trop­pe per­so­ne, apren­do feri­te in un ter­ri­to­rio già fra­gi­le e mar­to­ria­to.

Il nuo­vo pia­no casa del­la Regio­ne Ligu­ria va fer­ma­to imme­dia­ta­men­te.

METTI UNA FIRMA PER CHIEDERE A TOTI DI RITIRARE IL PIANO CASA!

 

«Il Pia­no Casa del pre­si­den­te Toti è para­dos­sa­le e apre la stra­da a nuo­ve e ulte­rio­ri cola­te di cemen­to. Le ulti­me tra­ge­die ligu­ri, pro­vo­ca­te dal­le sem­pre più nume­ro­se cala­mi­tà natu­ra­li, sono aggra­va­te anche da una cemen­ti­fi­ca­zio­ne incon­trol­la­ta e irri­spet­to­sa del ter­ri­to­rio», ha dichia­ra­to Luca Pasto­ri­no, par­la­men­ta­re di Pos­si­bi­le e sin­da­co di Boglia­sco (Geno­va), pre­oc­cu­pa­to per gli effet­ti poten­zial­men­te cata­stro­fi­ci del pia­no pre­sen­ta­to da Gio­van­ni Toti.

Anche Gian Anto­nio Stel­la, dal­le pagi­ne del Cor­rie­re, ha volu­to ricor­da­re «che il suo­lo con­su­ma­to a meno di 150 metri di distan­za dai cor­si d’acqua cor­ri­spon­de al 6,9% nel Vene­to, al 7,2% in Pie­mon­te, all’8% in Tren­ti­no ma sale da La Spe­zia a Ven­ti­mi­glia addi­rit­tu­ra al 19,2%: qua­si il qua­dru­plo del­la media ita­lia­na: 5,2%. Va da sé che ad ogni nubi­fra­gio c’è il rischio di un disa­stro. E lo con­fer­ma un’altra tabel­la, quel­la del­le popo­la­zio­ni espo­ste al “rischio ele­va­to” di allu­vio­ni. Tol­ta l’Emilia-Romagna sol­ca­ta dal Po la cui peri­co­lo­si­tà è nota da seco­li, la Ligu­ria è secon­da con il 9,9% degli abi­tan­ti che vive nell’incubo-certezza di nuo­ve inon­da­zio­ni: il tri­plo che in Cala­bria o in Sar­de­gna (e tut­ti abbia­mo in men­te Olbia), il quin­tu­plo che in Pie­mon­te o in Lom­bar­dia, il decu­plo che in Tren­ti­no». Ed ecco per­ché Stel­la si sca­glia con­tro un pia­no fol­le, peg­gio­re del già con­te­sta­to pia­no Bur­lan­do: «I sin­da­ci pote­va­no pri­ma oppor­si qua e là all’applicazione del­le vec­chie rego­le bur­lan­dia­ne? Ora non più. Dal­le dero­ghe era­no pri­ma esclu­si gli abu­si edi­li­zi con­do­na­ti per non pre­mia­re i fur­bet­ti del mat­to­ne? Ora non più. Gli amplia­men­ti (oggi sali­ti fino al 35%) non si pote­va­no appli­ca­re pri­ma nei die­ci par­chi ligu­ri? Ora (sal­vo ecce­zio­ni) non più».

«”La squal­li­da inva­sio­ne del cemen­to ave­va il vol­to camu­so e infor­me del­l’uo­mo nuo­vo Cai­sot­ti”: così scri­ve Ita­lo Cal­vi­no rac­con­tan­do (in La spe­cu­la­zio­ne edi­li­zia, 1963) la deva­sta­zio­ne del­la Ligu­ria. Il pre­si­den­te Toti è pro­prio sicu­ro di voler pre­sta­re il suo, di vol­to, al rin­no­var­si, all’ag­gra­var­si fata­le di que­sta deva­sta­zio­ne?», dichia­ra Toma­so Mon­ta­na­ri. «E i vol­ti del­le vit­ti­me, di quel­li che anne­ghe­ran­no nel­le allu­vio­ni che saran­no cau­sa­te anche da que­sta scel­le­ra­ta deci­sio­ne, che vol­ti saran­no? Come non chie­der­se­lo, oggi? Come non diven­ta­re, final­men­te, respon­sa­bi­li? Basta con la Ligu­ria e i ligu­ri affo­ga­ti nel cemento!».

«Mi appel­lo ai cit­ta­di­ni ita­lia­ni – con­clu­de Pasto­ri­no -, così atti­vi e pro­di­ghi quan­do si trat­ta di dover rispon­de­re alle nume­ro­se cam­pa­gne di soli­da­rie­tà per­ché si uni­sca­no a chi come noi chie­de uno stop alle nuo­ve cemen­ti­fi­ca­zio­ni che altro non fan­no che muta­re l’as­set­to natu­ra­le del­l’am­bien­te per fini uni­ca­men­te affaristici».

PARTECIPA ALLA CAMPAGNA! FIRMA LA PETIZIONE!

[con­tact-for­m‑7 404 “Non trovato”] 
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.