#Arabiainaudita, un anno di conflitto in Yemen

Come ricorda Altreconomia, si celebra oggi un anno dalle prime bombe sganciate dall'Arabia Saudita sullo Yemen. Bombe che hanno causato e continuano a causare morti e distruzioni in un conflitto che la cronaca - perlomeno quella nostrana - ha di fatto dimenticato, nonostante le responsabilità italiane e del governo italiano. Un conflitto condotto senza alcun mandato internazionale.

Si cele­bra oggi un anno dal­le pri­me bom­be sgan­cia­te dal­l’A­ra­bia Sau­di­ta sul­lo Yemen. Bom­be che han­no cau­sa­to e con­ti­nua­no a cau­sa­re mor­ti e distru­zio­ni in un con­flit­to (con­dot­to sen­za alcun man­da­to inter­na­zio­na­le) che la cro­na­ca — per­lo­me­no quel­la nostra­na — ha di fat­to dimen­ti­ca­to, nono­stan­te le respon­sa­bi­li­tà ita­lia­ne e del gover­no italiano.

I part­ner inter­na­zio­na­li del­l’A­ra­bia Sau­di­ta han­no get­ta­to ben­zi­na sul fuo­co, som­mer­gen­do la regio­ne di armi nono­stan­te fos­se sem­pre più evi­den­te che quel­le armi sta­va­no faci­li­tan­do il com­pi­men­to di cri­mi­ni agghiac­cian­ti e che suc­ces­si­ve for­ni­tu­re avreb­be­ro potu­to esse­re usa­te per com­met­ter­ne altri. (James Lynch, vice­di­ret­to­re del pro­gram­ma Medio Orien­te e Afri­ca del Nord di Amne­sty International).

Le respon­sa­bi­li­tà nostre e del gover­no sca­tu­ri­sco­no dal fat­to che l’I­ta­lia risul­ta esse­re tra gli espor­ta­to­ri di siste­mi d’ar­ma ver­so l’A­ra­bia Sau­di­ta. Com­mer­cio che si è pro­trat­to anche a con­flit­to in cor­so. E siste­mi d’ar­ma che sap­pia­mo esse­re sta­ti impie­ga­ti diret­ta­men­te in Yemen.

Per tut­to lo scor­so anno, gli Usa e il Regno Uni­to — di gran lun­ga i prin­ci­pa­li for­ni­to­ri di armi all’A­ra­bia Sau­di­ta, pae­se gui­da del­la coa­li­zio­ne — e altri sta­ti tra cui l’I­ta­lia, han­no con­ti­nua­to ad auto­riz­za­re tra­sfe­ri­men­ti di quel gene­re di armi che sono sta­te usa­te per com­met­te­re e faci­li­ta­re gra­vi vio­la­zio­ni e gene­ra­re una cri­si uma­ni­ta­ria sen­za pre­ce­den­ti. (Amne­sty Inter­na­tio­nal)

Il Par­la­men­to euro­peo ha già con­dan­na­to, nel­le set­ti­ma­ne scor­se, que­sto tipo di esportazioni.

Da par­te nostra, abbia­mo posto otto doman­de chia­ris­si­me al gover­no Ren­zi. Tor­nia­mo oggi a ripe­ter­le (#Ara­biai­nau­di­ta è il nome del­la cam­pa­gna). Per­ché è neces­sa­ria chia­rez­za sul­le rela­zio­ni che il nostro Pae­se costrui­sce — ricor­dia­mo non solo l’A­ra­bia Sau­di­ta, ma anche l’Egit­to, e l’Eri­trea, per fare alcu­ni esem­pi -, e per­ché è neces­sa­rio bloc­ca­re imme­dia­ta­men­te l’e­spor­ta­zio­ni di armi che distrug­go­no le vite dei cit­ta­di­ni yeme­ni­ti.

LEGGI LE OTTO DOMANDE AL GOVERNO RENZI

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.