Armi italiane in Yemen: otto domande a Matteo Renzi

La situazione in Yemen è esplosiva, soprattutto da quando la coalizione guidata dall’Arabia Saudita (senza alcun mandato o copertura della comunità internazionale) ha deciso di procedere a bombardamenti su città e villaggi. Si parla di oltre 20.000 morti (tra cui diverse centinaia bambini) e di oltre l’80% della popolazione senza accesso ai servizi essenziali. Senza dimenticare i bombardamenti sugli ospedali.

ArabiaInauditaLa situa­zio­ne in Yemen è esplo­si­va, soprat­tut­to da quan­do la coa­li­zio­ne gui­da­ta dall’Arabia Sau­di­ta (sen­za alcun man­da­to o coper­tu­ra del­la comu­ni­tà inter­na­zio­na­le) ha deci­so di pro­ce­de­re a bom­bar­da­men­ti su cit­tà e vil­lag­gi. Si par­la di oltre 20.000 mor­ti (tra cui diver­se cen­ti­na­ia bam­bi­ni) e di oltre l’80% del­la popo­la­zio­ne sen­za acces­so ai ser­vi­zi essen­zia­li. Sen­za dimen­ti­ca­re i bom­bar­da­men­ti sugli ospe­da­li.

Una con­di­zio­ne gra­vis­si­ma ed inac­cet­ta­bi­le: lo ha sot­to­li­nea­to Ban Ki-moon, nei mesi scor­si ave­va espres­so pre­oc­cu­pa­zio­ne la stes­sa Fede­ri­ca Moghe­ri­ni, e lo riba­di­sco­no mol­te pre­se di posi­zio­ne di atto­ri inter­na­zio­na­li (Agen­zie ONU e ONG che ope­ra­no sul campo).

Mat­teo Ren­zi inve­ce non ha mai pre­so posi­zio­ne espli­ci­ta a riguar­do, nem­me­no duran­te la sua visi­ta uffi­cia­le di fine 2015 a Riyad.

Nei mesi scor­si dall’Italia sono par­ti­te bom­be (alme­no sei cari­chi) alla vol­ta dell’Arabia Sau­di­ta. Abbia­mo avu­to con­fer­ma che tali ordi­gni sia­no sta­ti usa­ti diret­ta­men­te in Yemen. Da tem­po, diver­si par­la­men­ta­ri e la socie­tà civi­le che si occu­pa di con­trol­lo del­le armi chie­do­no con­to al Gover­no di que­ste spe­di­zio­ni, rice­ven­do rispo­ste vaghe ed eva­si­ve (tan­to che la Rete Disar­mo sta pre­sen­tan­do in diver­se Pro­cu­re d’Italia degli espo­sti per vio­la­zio­ne del­la leg­ge 185/90 che impe­di­reb­be di ven­de­re armi a Pae­si in con­flit­to arma­to, oltre che per vio­la­zio­ne del Trat­ta­to Inter­na­zio­na­le sugli arma­men­ti che anche l’Italia ha ratificato).

La pros­si­ma set­ti­ma­na il Par­la­men­to Euro­peo sarà chia­ma­to a vota­re (spe­ria­mo posi­ti­va­men­te) una Riso­lu­zio­ne rela­ti­va allo Yemen, che com­pren­de un emen­da­men­to favo­re­vo­le ad un embar­go di armi ver­so i sau­di­ti.

Ma il tem­po pas­sa e i mor­ti aumen­ta­no e, sia per il silen­zio del Gover­no sia per la for­ni­tu­ra diret­ta di armi, il nostro Pae­se si sta ren­den­do com­pli­ce di quel­la che è con­si­de­ra­ta una del­le più gra­vi cri­si uma­ni­ta­rie attua­li. Non si può atten­de­re oltre e dun­que rivol­gia­mo al Gover­no di Mat­teo Ren­zi alcu­ne sem­pli­ci doman­de per cui chie­dia­mo rispo­ste chia­re.

1) Chie­dia­mo al Gover­no di chia­ri­re tipo­lo­gia di armi, valo­re e desti­na­ta­ri fina­li del­le auto­riz­za­zio­ni rila­scia­te tra il 2012 e il 2014 all’e­spor­ta­zio­ne ver­so Pae­si coin­vol­ti nel­la coa­li­zio­ne Sau­di­ta che sta bom­bar­dan­do lo Yemen;

2) In par­ti­co­la­re chie­dia­mo al Gover­no di det­ta­glia­re tut­ti i sin­go­li e spe­ci­fi­ci tipi di siste­mi mili­ta­ri auto­riz­za­ti e il perio­do (anno/mese) di con­se­gna di cia­scu­na del­le espor­ta­zio­ni ripor­ta­te nel­la “Tabel­la del­le auto­riz­za­zio­ni” a Ara­bia Sau­di­ta, Emi­ra­ti Ara­bi Uni­ti, Bah­rain, Kuwait, Qatar e Egit­to all’interno del­la Rela­zio­ne al Par­la­men­to ex Leg­ge 185/90;

3) Chie­dia­mo al Gover­no di sape­re per qua­le moti­vo non sia­no sta­te sospe­se le for­ni­tu­re di armi all’Arabia Sau­di­ta e ai suoi allea­ti dopo che, nel mar­zo 2015, si era resa evi­den­te (per loro stes­sa ammis­sio­ne) la par­te­ci­pa­zio­ne ad un con­flit­to arma­to (fat­to che impli­ca la proi­bi­zio­ne all’export mili­ta­re secon­do l’articolo 1 del­la leg­ge 185/90);

4) Poi­ché tali spe­di­zio­ni non sono sta­te sospe­se chie­dia­mo al Gover­no infor­ma­zio­ni pre­ci­se su quan­te e qua­li nuo­ve auto­riz­za­zio­ni sia­no sta­te rila­scia­te ad azien­de ita­lia­ne nel cor­so del 2015 e di que­ste pri­me set­ti­ma­ne del 2016; per cia­scu­na azien­da e per cia­scun spe­ci­fi­co tipo di siste­ma mili­ta­re chie­dia­mo sia­no espli­ci­ta­ti quan­ti­tà e valo­re, e qua­li con­se­gne si sia­no effet­ti­va­men­te rea­liz­za­te nel 2015 ver­so Ara­bia Sau­di­ta, Emi­ra­ti Ara­bi Uni­ti, Bah­rain, Kuwait, Qatar e Egit­to (cioè quel­li del­la coa­li­zio­ne sun­ni­ta che è inter­ve­nu­ta in Yemen sen­za man­da­to internazionale);

5) Chie­dia­mo a Mat­teo Ren­zi il moti­vo per cui non abbia mini­ma­men­te affron­ta­to la que­stio­ne yeme­ni­ta (e del­le for­ni­tu­re di arma­men­ti) nel­la sua visi­ta di fine 2015 in Ara­bia Sau­di­ta;

6) Chie­dia­mo al Mini­stro degli Este­ri Gen­ti­lo­ni (il MAECI ha il man­da­to di valu­ta­re l’export mili­ta­re ita­lia­no) di spie­ga­re i moti­vi per cui le con­se­gne all’Arabia Sau­di­ta sia­no pro­se­gui­te nel cor­so del 2015 nono­stan­te gli impe­di­men­ti del­la 185/90. Non accet­te­re­mo le rispo­ste eva­si­ve già for­ni­te al Par­la­men­to (come, ad esem­pio, che per l’Arabia Sau­di­ta pos­sia­mo non rispet­ta­re la Leg­ge per­ché “ci aiu­ta con­tro il terrorismo”);

7) Chie­dia­mo al Gover­no che sen­so abbia invia­re bom­be all’Arabia Sau­di­ta nel gior­no stes­so in cui il Par­la­men­to Euro­peo asse­gna­va per accla­ma­zio­ne il Pre­mio Sakha­rov al dis­si­den­te sau­di­ta Raif Bada­wi (ricor­dan­do che le gra­vi vio­la­zio­ni dei dirit­ti uma­ni sono impe­di­men­to pre­scrit­to dal­la Leg­ge per le ven­di­te di armi);

8) Chie­dia­mo al Gover­no di rispon­de­re alle richie­ste del­la socie­tà civi­le in meri­to alla per­di­ta di tra­spa­ren­za nel­le Rela­zio­ni al Par­la­men­to pre­vi­ste dal­la leg­ge 185/90. Ad esem­pio, dalla Rela­zio­ne pub­bli­ca­ta nel 2015 si può cono­sce­re solo il siste­ma mili­ta­re di ogni sin­go­la auto­riz­za­zio­ne e l’a­zien­da a cui è sta­ta rila­scia­ta, ma non si può rico­strui­re (nem­me­no incro­cian­do tut­te le tabel­le) il desti­na­ta­rio fina­le di cia­scu­na di que­ste. Tut­te cose chia­ra­men­te espli­ci­ta­te, inve­ce, nel­le pri­me Rela­zio­ni del gover­no Andreot­ti e — sep­pur a fati­ca — rico­strui­bi­li fino all’av­ven­to del Gover­no Ren­zi (cui si pos­so­no attri­bui­re ulti­me due Relazioni).

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.