Appello: il caporalato uccide. L’indifferenza pure.

Facciamo appello ad associazioni, sindacati, persone e organizzazioni che ogni giorno vivono e combattono la violazione di diritti umani, le mafie, il caporalato, la tratta e ne sopportano il peso, vedendo calare ogni anno l’indice di dignità e legalità, dunque di democrazia del Paese.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Ade­ria­mo con con­vin­zio­ne all’ap­pel­lo pro­mos­so da Bru­no Gior­da­no, magi­stra­to pres­so la cor­te di cas­sa­zio­ne, e Mar­co Omiz­zo­lo, socio­lo­go, che rilan­cia­mo e invi­tia­mo a firmare:

Anco­ra una stra­ge di lavo­ra­to­ri, schiac­cia­ti non solo da lamie­re accar­toc­cia­te sul­le stra­de ita­lia­ne dopo aver rac­col­to pomo­do­ri per due euro l’ora ma dal­lo sfrut­ta­men­to da par­te di padro­ni, padri­ni e sfrut­ta­to­ri vari. Sono lavo­ra­to­ri ucci­si dal biso­gno, dal­la dispe­ra­zio­ne, da un lavo­ro lascia­to trop­po spes­so nel­le mani del mer­ca­to cri­mi­na­le e dall’indifferenza. Ma anche dal­le lacri­me di coc­co­dril­lo di chi dopo ogni stra­ge invo­ca con­trol­li e (contro)riforme sal­vo ripre­ci­pi­ta­re nell’oblio dopo pochi gior­ni, per poi ripar­lar­ne alla stra­ge suc­ces­si­va, dimen­ti­can­do che nel nostro Pae­se vi è un mor­to sul lavo­ro ogni otto ore e due mila infor­tu­na­ti al gior­no: quin­di ogni gior­no è stra­ge. E ogni gior­no aumen­ta la respon­sa­bi­li­tà di chi non vede, non sen­te, ma par­la  quan­do si con­ta­no i mor­ti. Solo nell’agricoltura sono 430 mila i lavo­ra­to­ri e le lavo­ra­tri­ci sfrut­ta­ti, di cui 130 mila in con­di­zio­ni para­schia­vi­sti­che. E poi c’è l’edilizia, i tra­spor­ti, i ser­vi­zi etc.

Per que­sto non fac­cia­mo appel­lo alle Isti­tu­zio­ni le qua­li cono­sco­no i loro dove­ri e se non li adem­pio­no ne rispon­de­ran­no davan­ti a chi demo­cra­ti­ca­men­te li giu­di­ca e con­trol­la. Voglia­mo inve­ce rivol­ger­ci a uomi­ni e don­ne di buo­na volon­tà che non voglio­no chiu­de­re gli occhi davan­ti a un pro­dot­to sot­to­co­sto sul ban­co di un super­mer­ca­to, die­tro il qua­le c’è una filie­ra che ini­zia con il san­gue di dispe­ra­ti, migran­ti e ita­lia­ni. Chi pro­du­ce, ven­de, com­pra, usa un tale pro­dot­to è l’altro capo del­lo sfrut­ta­men­to. E non può più rima­ne­re indifferente.

Fac­cia­mo appel­lo ad asso­cia­zio­ni, sin­da­ca­ti, per­so­ne e orga­niz­za­zio­ni che ogni gior­no vivo­no e com­bat­to­no la vio­la­zio­ne di dirit­ti uma­ni, le mafie, il capo­ra­la­to, la trat­ta e ne sop­por­ta­no il peso, veden­do cala­re ogni anno l’indice di digni­tà e lega­li­tà, dun­que di demo­cra­zia del Paese.

Non ci stan­che­re­mo di ripe­te­re che lo sfrut­ta­men­to del lavo­ro, il con­trol­lo del ter­ri­to­rio e l’umiliazione del­la per­so­na sono il ter­re­no in cui nasco­no e cre­sco­no le mafie. Così come con­tro le mafie, non basta chie­de­re che tut­te le isti­tu­zio­ni fac­cia­no la loro par­te, ma è neces­sa­rio che cia­scu­no di noi apra gli occhi e com­bat­ta col­let­ti­va­men­te per­ché i dirit­ti non ven­ga­no dopo i prez­zi, le per­so­ne dopo i pro­dot­ti, gli inte­res­si eco­no­mi­ci cri­mi­na­li e ille­ga­li pri­ma del lavo­ro legale.

A que­sto appel­lo, con idee e fat­ti,  si può ade­ri­re scri­ven­do a [email protected]

Bru­no Gior­da­no, magi­stra­to pres­so la cor­te di cassazione
Mar­co Omiz­zo­lo, socio­lo­go[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.