Apatici e disinteressati? C’è una generazione che protesta

"Una generazione disinteressata, apatica, tutta concentrata sugli smartphone e incapace di scendere in piazza per difendere i propri diritti.” Sono queste le frasi che giorno dopo giorno sentiamo per descrivere la nostra generazione.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]“Una gene­ra­zio­ne disin­te­res­sa­ta, apa­ti­ca, tut­ta con­cen­tra­ta sugli smart­pho­ne e inca­pa­ce di scen­de­re in piaz­za per difen­de­re i pro­pri dirit­ti.” Sono que­ste le fra­si che gior­no dopo gior­no sen­tia­mo per descri­ve­re la nostra gene­ra­zio­ne. Eppu­re, nono­stan­te si fac­cia di tut­to per nascon­der­ci e mor­ti­fi­car­ci, sia­mo gio­va­ni capa­ci di appas­sio­nar­si, mobi­li­tar­si, alza­re la voce e lot­ta­re. Lo dimo­stra­no le miglia­ia di stu­den­ti e stu­den­tes­se sce­se in piaz­za in tut­ta Ita­lia il 16 novem­bre al gri­do di “Giù la masche­ra: non è que­sto il cam­bia­men­to!”. Una mobi­li­ta­zio­ne con­tro la fal­sa pro­pa­gan­da del gover­no, che si pre­sen­ta come por­ta­to­re di cam­bia­men­to e inve­ce ope­ra con­ti­nui tagli di milio­ni di euro alla scuo­la. Piaz­ze pie­ne di ragaz­zi e ragaz­ze pron­ti ad impe­gnar­si per crea­re una scuo­la inclu­si­va, acco­glien­te e sicu­ra, che sia dav­ve­ro una comu­ni­tà educante.

C’è una gene­ra­zio­ne capa­ce di pren­de­re posi­zio­ne con­tro le poli­ti­che di que­sto gover­no. Sono sei ad oggi i licei che sono sta­ti occu­pa­ti a Roma, con azio­ni poten­ti e impor­tan­ti pre­sen­ta­te da comu­ni­ca­ti che dimo­stra­no l’attenzione di noi gio­va­ni al futu­ro del nostro Pae­se. Occu­pa­zio­ni con­tro le poli­ti­che eco­no­mi­che e socia­li, che accre­sco­no le disu­gua­glian­ze anzi­ché abbat­ter­le, con­tro scel­te disu­ma­ne che mina­no il prin­ci­pio di acco­glien­za e soli­da­rie­tà e con­tro l’ipocrisia del pro­get­to “scuo­le sicu­re”: il con­trol­lo mili­ta­re degli stu­den­ti come sino­ni­mo di sicu­rez­za, a fron­te di sof­fit­ti e cor­ni­ci che crollano.

Da ven­ti anni gli stes­si che ci accu­sa­no di non saper difen­de­re i nostri dirit­ti ci ripe­to­no inces­san­te­men­te che nul­la può cam­bia­re e che i poli­ti­ci sono tut­ti ugua­li. Un’operazione len­ta ma ine­so­ra­bi­le di allon­ta­na­men­to dal­la par­te­ci­pa­zio­ne, che noi di Pos­si­bi­le voglia­mo fer­ma­re. Sia­mo al fian­co dei ragaz­zi mobi­li­ta­ti­si il 16 novem­bre e di tut­ti colo­ro che han­no scel­to di occu­pa­re le loro scuo­le per lan­cia­re un mes­sag­gio poten­tis­si­mo che non può esse­re perso.

Noi ci sia­mo, con­vin­ti che la scuo­la sia il mez­zo per costrui­re una socie­tà più equa.

Scri­ve­te­ci, con­tat­ta­te­ci, con­di­vi­de­te le vostre idee e i vostri sogni: “le cose si cam­bia­no cam­bian­do­le”, assieme.

Luca Coloc­ci­ni

Per il Comi­ta­to Scuo­la di Pos­si­bi­le[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.