Alternative: un’arma formidabile per evitare di commettere gli stessi errori

Le alternative ci sono, sono credibili, sono economicamente vantaggiose e hanno uno sguardo verso il futuro che è profondamente diverso rispetto alla logica e i meccanismi che ci hanno condotto a vivere la crisi socio climatica ambientale che stiamo vivendo.

Si può con­ti­nua­re a dir­si che non ci sono alter­na­ti­ve, trac­cheg­gia­re, pren­de­re tem­po, bana­liz­za­re, met­te­re ogni cosa – non solo la pol­ve­re – sot­to il tap­pe­to, oppu­re affron­ta­re la realtà.

Così scri­ve­va Giu­sep­pe Civa­ti. Ecco le alter­na­ti­ve. Chi fa poli­ti­ca sa bene che pri­ma di pren­de­re una deci­sio­ne si devo­no valu­ta­re le alter­na­ti­ve sul tavo­lo. In que­sti anni, sul fron­te del­le que­stio­ni ambien­ta­li e in modo par­ti­co­la­re nell’ambito del­le infra­strut­tu­re e del­le tra­sfor­ma­zio­ni ter­ri­to­ria­li, la logi­ca del­le alter­na­ti­ve non ha mai avu­to spa­zio o vita faci­le. Que­sto per­ché le alter­na­ti­ve non por­ta­no avan­ti gli inte­res­si “di par­te” ma han­no l’ambizione di guar­da­re agli inte­res­si “di tut­ti”. Eppu­re è pro­prio dal­le alter­na­ti­ve che si dovreb­be ripar­ti­re per quel­la “nuo­va nor­ma­li­tà” di cui tut­ti — eco­no­mi­ca­men­te, cli­ma­ti­ca­men­te e social­men­te — abbia­mo biso­gno. Le alter­na­ti­ve ci sono, sono cre­di­bi­li, sono eco­no­mi­ca­men­te van­tag­gio­se e han­no uno sguar­do ver­so il futu­ro che è pro­fon­da­men­te diver­so rispet­to alla logi­ca e i mec­ca­ni­smi che ci han­no con­dot­to a vive­re la cri­si socio cli­ma­ti­ca ambien­ta­le che stia­mo viven­do. C’erano alter­na­ti­ve anche negli anni scor­si, eppu­re abbia­mo, imper­ter­ri­ti, deci­so di non pren­der­le in con­si­de­ra­zio­ne. Pre­sen­za­no, così come la zona di Cre­mo­na – Man­to­va, giu­sto per fare due esem­pi attua­li, sono due ter­ri­to­ri par­ti­co­la­ri: sono inte­res­sa­ti da pro­get­ti deci­sa­men­te impat­tan­ti dal pun­to di vista eco­no­mi­co, ambien­ta­le, socia­le e anche sani­ta­rio note­vo­li. Il pri­mo è una gran­de con­cen­tra­to di cen­tra­li per la pro­du­zio­ne di ener­gia elet­tri­ca inte­res­sa­to dal rad­dop­pio di una cen­tra­le a meta­no, men­tre la situa­zio­ne gene­ra­le dovreb­be impor­re del­le scel­te diver­se anzi alter­na­ti­ve. Qui c’è un ter­ri­to­rio dove lo svi­lup­po eco­no­mi­co potreb­be ave­re del­le alter­na­ti­ve, come il rilan­cio dell’agricoltura e dell’allevamento in una zona che pre­ve­de filie­re eco­no­mi­che inte­res­san­ti e di qua­li­tà. Ecco che qui le alter­na­ti­ve ci sono, e sono sup­por­ta­te dal ter­ri­to­rio e dal­le popo­la­zio­ni inte­res­sa­te, che di soli­to inve­ce non ven­go­no qua­si mai ascol­ta­te riguar­do alle poli­ti­che di tra­sfor­ma­zio­ne ter­ri­to­ria­le. Ieri c’è sta­to un pre­si­dio a Pre­sen­za­no, pro­prio per­ché esi­sto­no del­le alter­na­ti­ve e, guar­da caso, sono anche alter­na­ti­ve soste­ni­bi­li. E oggi è il momen­to di guar­da­re alle alter­na­ti­ve, per­ché lì sta la solu­zio­ne per usci­re dal­le scel­te mono­di­re­zio­na­li che sono sta­te pre­se nel cor­so degli ulti­mi decen­ni. Han­no pre­di­spo­sto anche una peti­zio­ne che vi invi­tia­mo a sot­to­scri­ve­re e soste­ne­re: la tro­va­te qui.

Men­tre Cre­mo­na e Man­to­va sono inte­res­sa­te da un pro­get­to che pre­ve­de­re la costru­zio­ne di una nuo­va auto­stra­da che com­por­te­reb­be, oltre a un con­su­mo di suo­lo impres­sio­nan­te, anche la chiu­su­ra di 230 azien­de agri­co­le. Ma anche qui il ter­ri­to­rio ha stu­dia­to e si è mos­so insie­me per tro­va­re del­le alter­na­ti­ve deci­sa­men­te meno impat­tan­ti da un pun­to di vista ambien­ta­le, ma anche eco­no­mi­co. Quel­la più sen­sa­ta e soste­ni­bi­le è la riqua­li­fi­ca­zio­ne di una stra­da pro­vin­cia­le, la SS10. Ecco, le alter­na­ti­ve ci sono: dif­fi­dia­mo da chi con­ti­nua a soste­ne­re che non ci sono alter­na­ti­ve e che l’unica scel­ta da fare è la stes­sa che ha segna­to que­sti nostri tem­pi. E la cosa inte­res­san­te è che le alter­na­ti­ve sono l’arma più for­mi­da­bi­le che abbia­mo per evi­ta­re di com­met­te­re gli stes­si erro­ri. “Alter­na­ti­ve” e il “buon sen­so” e anche quel vec­chio sug­ge­ri­men­to del Codi­ce Civi­le cir­ca “la dili­gen­za del buon padre di fami­glia”. Tre ingre­dien­ti fon­da­men­ta­li per costrui­re oggi, un futu­ro amico.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.