Al fianco di Mimmo Lucano

In nessuna delle tante occasioni di confronto è stata presente l’ombra del sospetto nell’operato di Lucano. Una persona così è quella che è, non ci pareva e non ci pare possibile che un orizzonte vasto come quello proposto dal Sindaco di Riace potesse contenere le industrie inquinanti della corruzione, del malaffare, della combine amministrativa. Bassezze e sistemi di lucro completamente assenti nel sistema di vita e nella proiezione dell’immagine di Domenico Lucano.

Era il 13 Mag­gio 2016 quan­do Bea­tri­ce Bri­gno­ne, Depu­ta­ta di Pos­si­bi­le, Ste­fa­no Cato­ne, auto­re de “Nes­sun Pae­se è un’Isola” e i Comi­ta­ti Cala­bre­si di Pos­si­bi­le, furo­no ospi­ti di Dome­ni­co Luca­no a Ria­ce. In quel­la data per­cor­rem­mo un viag­gio nel mon­do dell’accoglienza del­la Locri­de.

Bei ricor­di, sem­pre pre­sen­ti nel­le riu­nio­ni e nel­le con­si­de­ra­zio­ni che costan­te­men­te fac­cia­mo, in pub­bli­co o nei nostri incon­tri. In nes­su­na del­le tan­te occa­sio­ni di con­fron­to è sta­ta pre­sen­te l’ombra del sospet­to nell’operato di Luca­no. Una per­so­na così è quel­la che è, non ci pare­va e non ci pare pos­si­bi­le che un oriz­zon­te vasto come quel­lo pro­po­sto dal Sin­da­co di Ria­ce potes­se con­te­ne­re le indu­strie inqui­nan­ti del­la cor­ru­zio­ne, del malaf­fa­re, del­la com­bi­ne ammi­ni­stra­ti­va. Bas­sez­ze e siste­mi di lucro com­ple­ta­men­te assen­ti nel siste­ma di vita e nel­la pro­ie­zio­ne dell’immagine di Dome­ni­co Lucano.

È par­ti­gia­no come pochi altri. Al di qua del­le ten­ta­zio­ni eco­no­mi­che e dei com­pro­mes­si tipi­ci di tut­ta una serie di Ammi­ni­stra­zio­ni Comu­na­li di que­sto ter­ri­to­rio, con­dot­te sul filo del­la pre­va­ri­ca­zio­ne e del man­ca­to rispet­to del­le rego­le. In una real­tà come Ria­ce, dove il ter­ri­to­rio, un deser­to occu­pa­zio­na­le, è sta­to quan­to­me­no per­cor­so da fre­mi­ti ideo­lo­gi­ci che lo han­no rige­ne­ra­to, non c’è fran­ca­men­te spa­zio per volon­tà diver­se dal per­se­gui­men­to del pro­get­to pri­mi­ti­vo, ma for­tis­si­mo e fon­da­to nei fini, dell’accoglienza.

Ciò che pen­sia­mo è che sia in cor­so, già da ora, un pro­get­to di acca­par­ra­men­to del­la costru­zio­ne idea­le di Luca­no. La suc­ces­sio­ne può esse­re una spie­ga­zio­ne del­la volon­tà distru­zio­ne dei pro­po­si­ti uma­ni­ta­ri, di con­vi­ven­za civi­le, di ospi­ta­li­tà per­se­gui­ta con mez­zi e modi pionieristici.

Sare­mo all’Assemblea pub­bli­ca a Ria­ce, non sareb­be con­ce­pi­bi­le un man­ca­to appog­gio a Dome­ni­co Luca­no.

Sil­vio Frascà,

por­ta­vo­ce Comi­ta­to Costa dei Gel­so­mi­ni Possibile

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.