I post di Possibile più letti nel 2016

Per ripercorrere questo lunghissimo anno insieme (sono 856 le pubblicazioni sul sito di Possibile) abbiamo selezionato i dieci post più letti del 2016. Buona ri-lettura!

Il post che sta­te leg­gen­do è la pub­bli­ca­zio­ne n°856 sul sito di Pos­si­bi­le, nel 2016: una pro­du­zio­ne di con­te­nu­ti, opi­nio­ni e appro­fon­di­men­ti asso­lu­ta­men­te ecce­zio­na­le, per la qua­le dob­bia­mo rin­gra­zia­re i tan­tis­si­mi che han­no volu­to con­tri­bui­re, sem­pre con post ori­gi­na­li e di inte­res­se, per la comu­ni­tà di Pos­si­bi­le e non solo.

Per riper­cor­re­re que­sto anno insie­me abbia­mo sele­zio­na­to i die­ci post più let­ti. Si va dal­la scuo­la all’im­mi­gra­zio­ne, dai refe­ren­dum (costi­tu­zio­na­le e sul­le tri­vel­le) ai lavo­ra­to­ri auto­no­mi, alla disci­pli­na del­l’o­mi­ci­dio stra­da­le, per chiu­de­re, al nume­ro die­ci, con una sor­pre­sa asso­lu­ta.

Come pote­te con­sta­ta­re, le chiac­chie­re e i con­ve­gni sul­la sini­stra stan­no a zero (let­tu­re). Le cose, pri­ma di tutto.

Buo­na ri-lettura!
1469890900015.jpeg scuola__cgil__iniziato_esodo_docenti_primaria_da_puglia1. Chi ripa­re­rà le lacri­me di mia figlia? Let­te­ra Aper­ta a Mat­teo Ren­zi sul­la cosid­det­ta buo­na scuo­la, Anto­nio Capodieci

 

 

 

 

Schermata 2016 03 18 alle 09.48.33

2. Quan­do un uomo con la ruspa incon­tra un uomo con i dati, Ste­fa­no Catone

 

 

 

c2086fdbfe7b66936161e075cb7888d83. L’Italia in guer­ra, a sua insa­pu­ta, Andrea Maestri

 

 

 

 

 

Schermata 2016 12 15 alle 18.29.504. #SaveA­lep­po

 

 

 

 

 

Schermata 2016 11 29 alle 13.33.245. Il pron­tua­rio per rispon­de­re a tut­te le bufa­le referendarie

 

 

 

 

breaking bad pizza

6. Il pastic­cio tota­le del­la nuo­va disci­pli­na sull’omicidio stra­da­le, Giam­pao­lo Coriani

 

 

 

daniela fregosi7. I lavo­ra­to­ri auto­no­mi stan­no sem­pre bene, Maria­tol­mi­na Ciriello

 

 

 

 

 

 

nardella firenze scontri8. No, Nar­del­la: è igno­bi­le sfa­scia­re la veri­tà, Giu­lio Cavalli

 

 

 

 

Referendum NoTriv9. Refe­ren­dum NoTriv: 7 fal­si moti­vi con cui voglio­no con­vin­cer­ci ad anda­re al mare inve­ce di vota­re, Gior­gio Maran con la col­la­bo­ra­zio­ne di Gian­lu­ca Ruggieri

 

 

 

TEATRO10. Rifor­ma del­la Liri­ca: l’intero Pae­se si impo­ve­ri­sce per sem­pre, pochi ne beneficiano

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?