L’accozzaglia contro i diritti dei migranti

La stretta sui migranti arriva chiarissima e trova tutti d'accordo: dal Partito Democratico, al Movimento 5 Stelle, alla Lega Nord. Eppure una soluzione alternativa esiste. Basta essere realistici e non dimenticare l'umanità.
o-MIGRANTI-MORTI-facebook

Tro­va le dif­fe­ren­ze.

Movi­men­to 5 stelle:

schermata-2016-12-31-alle-10-13-30

Par­ti­to Democratico:
schermata-2016-12-31-alle-11-09-45

D’al­tra par­te non è la pri­ma vol­ta che, in que­sta legi­sla­tu­ra, si alza un coro una­ni­me (dal Par­ti­to Demo­cra­ti­co, al M5S, alla Lega), rivol­to sem­pre con­tro i cit­ta­di­ni stra­nie­ri. Era già suc­ces­so, infat­ti, per la can­cel­la­zio­ne del rea­to di immi­gra­zio­ne clan­de­sti­na, rite­nu­to da tut­ti gli ope­ra­to­ri del set­to­re una fat­ti­spe­cie inu­ti­le, uno spre­co imma­ne di tem­po e di risorse.

Eppu­re, nono­stan­te la leg­ge dele­ga appro­va­ta dal Par­la­men­to, l’al­lo­ra mini­stro del­l’In­ter­no, Ange­li­no Alfa­no, dichia­rò che, pur «con­sa­pe­vo­le» del­le «voci auto­re­vo­li» e del­le «ragio­ni tec­ni­ca­men­te vali­de a soste­gno di una abro­ga­zio­ne », esi­ste­va­no «moti­vi di oppor­tu­ni­tà fin trop­po evi­den­ti. […] E’ meglio non attua­re la dele­ga ed evi­ta­re di tra­smet­te­re all’opi­nio­ne pub­bli­ca mes­sag­gi nega­ti­vi per la per­ce­zio­ne di sicu­rez­za in un momen­to par­ti­co­la­ris­si­mo per l’Italia e l’Europa». E il Par­ti­to Demo­cra­ti­co muto.

Si espres­se­ro allo stes­so modo Bep­pe Gril­lo e Gian­ro­ber­to Casa­leg­gio quan­do in com­mis­sio­ne Giu­sti­zia fu appro­va­to un emen­da­men­to pro­po­sto dai sena­to­ri M5s Mau­ri­zio Buc­ca­rel­la e Andrea Ciof­fi allo stes­so fine: «Non sia­mo d’ac­cor­doscri­ve­va­no Gril­lo e Casa­leg­gio — sia nel meto­do che nel meri­to. […] Nel meri­to que­sto emen­da­men­to è un invi­to agli emi­gran­ti del­l’A­fri­ca e del Medio Orien­te a imbar­car­si per l’I­ta­lia. Il mes­sag­gio che rice­ve­ran­no sarà da loro inter­pre­ta­to nel modo più sem­pli­ce “La clan­de­sti­ni­tà non è più un rea­to”».

Secon­do me, se chie­des­si­mo a Mat­teo Sal­vi­ni cosa ne pen­sa, sco­pri­rem­mo che è del­la stes­sa idea: più espul­sio­ni, più CIE, man­te­ni­men­to del rea­to di immi­gra­zio­ne clan­de­sti­na. Ricor­dia­mo­ce­ne, quan­do si par­le­rà anco­ra di accoz­za­glie. E vi dia­mo un indi­zio: la pro­po­sta di apri­re un CIE in ogni regio­ne risa­le a qual­che anno fa, e al mini­stro Maro­ni:

schermata-2016-12-31-alle-11-09-53

Negli scor­si anni i CIE (Cen­tri di Iden­ti­fi­ca­zio­ne ed Espul­sio­ne) sono sta­ti ogget­to di tan­tis­si­me denun­ce (dovu­te anche alla man­can­za di tra­spa­ren­za) e anche di con­se­guen­ti sen­ten­ze aven­ti a ogget­to la ille­git­ti­ma deten­zio­ne. Ulti­ma, in ordi­ne di tem­po, la sen­ten­za del­la CEDU rife­ri­ta al cen­tro di acco­glien­za di Lam­pe­du­sa, che «defi­ni­sce inam­mis­si­bi­le qua­lun­que for­ma di deten­zio­ne o  pri­va­zio­ne del­la liber­tà per­so­na­le de fac­to sot­trat­te al con­trol­lo dell’autorità giu­di­zia­ria».

Per quan­to riguar­da le espul­sio­ni, inve­ce, abbia­mo già spie­ga­to le ragio­ni che ren­do­no dif­fi­ci­li le ese­cu­zio­ni con­cre­te dei rim­pa­tri, e cioè i man­ca­ti accor­di con i pae­si di pro­ve­nien­za e la rilut­tan­za degli stes­si ad accet­tar­li: il caso di Anis Amri è in que­sto sen­so esem­pla­re, dato che la Tuni­sia non ne ha rico­no­sciu­to la cit­ta­di­nan­za, ren­den­do ine­se­gui­bi­le il rim­pa­trio. La solu­zio­ne, come ripe­tia­mo da tem­po, deve segui­re due linee d’a­zio­ne. La pri­ma è quel­la di ren­de­re pos­si­bi­le l’in­gres­so in Ita­lia per moti­vi di lavo­ro supe­ran­do la Bos­si-Fini, il che asciu­ghe­reb­be la quan­ti­tà di richie­ste d’a­si­lo, con­vo­glian­do sul bina­rio cor­ret­to le legit­ti­me aspi­ra­zio­ni dei migran­ti che non pos­so­no defi­nir­si rifu­gia­ti. La secon­da è quel­la di con­ce­de­re comun­que una oppor­tu­ni­tà a colo­ro ai qua­li non sarà rico­no­sciu­ta una for­ma di pro­te­zio­ne, per­met­ten­do­gli (dopo aver già tra­scor­so mesi nel siste­ma di acco­glien­za, aver impa­ra­to la lin­gua, maga­ri aver svol­to dei pri­mi per­cor­si lavo­ra­ti­vi) di con­ti­nua­re a cer­ca­re lavo­ro rego­lar­men­te: è meglio ave­re per­so­ne che sog­gior­na­no rego­lar­men­te oppu­re irre­go­la­ri che ven­go­no sfrut­ta­ti dai capo­ra­li e dal­la cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta? Magi­ca­men­te la neces­si­tà di ese­gui­re rim­pa­tri si limi­te­rà a un nume­ro ridot­tis­si­mo di casi, sui qua­li lavo­ra­re attra­ver­so i pro­gram­mi di rim­pa­trio volontario. 

Infi­ne, ma qui il discor­so si fa più com­ples­so, dob­bia­mo schie­rar­ci con chia­rez­za per una rivi­si­ta­zio­ne del­la cate­go­ria del “rifu­gia­to”, amplian­do­la a colo­ro che scap­pa­no da luo­ghi nei qua­li non è più pos­si­bi­le vive­re, sia­no ter­re­ni col­pi­ti dal­la deser­ti­fi­ca­zio­ne o vil­lag­gi col­pi­ti da allu­vio­ni. Arri­ve­ran­no tut­ti qui? No. E basta con que­sto mito. I rifu­gia­ti ten­do­no a fer­mar­si nel pri­mo luo­go che repu­ta­no sicu­ro, per­ché sono costret­ti a lascia­re le pro­prie case ma — come qual­sia­si per­so­na costret­ta a scap­pa­re — voglio­no allon­ta­nar­si il meno pos­si­bi­le dai pro­pri affetti.

Fonte: Global Trends 2015, UNHCR
Fon­te: Glo­bal Trends 2015, UNHCR
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.