Una Coalizione Civica per Padova

Una formula che vuole sfidare i personalismi, ovvero l’atteggiamento da “padroni di casa” con il quale Massimo Bitonci e i suoi fedelissimi (che si ripresenteranno alle prossime elezioni) hanno gestito la cosa pubblica nelle sue varie espressioni. Una sfida alla filosofia dell’uomo solo al comando, che mira a restituire la politica della città ai suoi cittadini.

A Pado­va, l’amministrazione del sin­da­co leghi­sta Mas­si­mo Biton­ci (elet­to nel 2014) si è con­clu­sa anti­ci­pa­ta­men­te lo scor­so novem­bre, a segui­to del­le dimis­sio­ni in bloc­co dei con­si­glie­ri comu­na­li di oppo­si­zio­ne e di alcu­ni con­si­glie­ri che ave­va­no lascia­to la mag­gio­ran­za. Il gra­dua­le e poi defi­ni­ti­vo ed irre­ver­si­bi­le sfal­da­men­to dall’interno del­la giun­ta, a cui è segui­to il com­mis­sa­ria­men­to, è il risul­ta­to di due anni e mez­zo di una gestio­ne accen­tra­tri­ce fat­ta di poli­ti­che per­lo­più non con­di­vi­se (per non dire impo­ste) all’interno del­la mag­gio­ran­za. Que­sta è sta­ta la bru­sca chiu­su­ra di una pagi­na poli­ti­ca assai brut­ta per Pado­va, che ha visto non solo il venir meno a mol­te pro­mes­se elet­to­ra­li, ma anche un sus­se­guir­si di poli­ti­che fal­li­men­ta­ri e sba­glia­te (l’elenco com­ple­to sareb­be piut­to­sto lun­go), per non par­la­re di cer­te dichia­ra­zio­ni del­lo stes­so sin­da­co che non han­no biso­gno di commenti.

Quan­do in otto­bre ci fu un impor­tan­te segna­le di cri­si nel­la giun­ta (la per­di­ta del­la mag­gio­ran­za in con­fe­ren­za dei capi­grup­po), il movi­men­to civi­co Pado­va 2020 lan­ciò un appel­lo alla cit­ta­di­nan­za e alle altre for­ze poli­ti­che dell’opposizione affin­ché ci si met­tes­se subi­to al lavo­ro ad una pro­po­sta poli­ti­ca alter­na­ti­va, ante­po­nen­do ai sim­bo­li di par­ti­to la ste­su­ra par­te­ci­pa­ta di un nuo­vo pro­gram­ma per la cit­tà: la crea­zio­ne di una Coa­li­zio­ne Civi­ca, fon­da­ta sui valo­ri del rico­no­sci­men­to dei dirit­ti fon­da­men­ta­li di ogni per­so­na, del rispet­to dell’ambien­te e del­lo stop al con­su­mo di suo­lo, non­ché del­la gestio­ne pub­bli­ca dei beni comu­ni e del­la spe­ri­men­ta­zio­ne di nuo­ve for­me di par­te­ci­pa­zio­ne demo­cra­ti­ca.

L’appello ha rac­col­to subi­to le ade­sio­ni sia di Sini­stra Ita­lia­na che del nostro comi­ta­to pado­va­no di Pos­si­bi­le, in quan­to ci è sem­bra­to natu­ra­le pren­de­re par­te ad un per­cor­so che nel meto­do, nel­lo spi­ri­to e nel­la sostan­za (oltre che nel nome) è in linea con quel­lo del­la Coa­li­zio­ne Civi­ca per Bolo­gna e con altre espe­rien­ze ana­lo­ghe nate in occa­sio­ne del­le ulti­me ammi­ni­stra­ti­ve. Abbia­mo quin­di innan­zi­tut­to lavo­ra­to insie­me per arric­chi­re quell’appello (pote­te leg­ge­re qui il testo fina­le), per poi inau­gu­ra­re i lavo­ri con la pri­ma (par­te­ci­pa­tis­si­ma) assem­blea di lan­cio del­la Coa­li­zio­ne Civi­ca per Pado­va, il 19 dicembre.

Que­sto per­cor­so si pre­fig­ge un obiet­ti­vo mol­to sem­pli­ce: met­te­re al cen­tro i biso­gni rea­li dei cit­ta­di­ni par­ten­do dai con­te­nu­ti e dal­le pro­po­ste con­cre­te. È un per­cor­so aper­to, par­te­ci­pa­to, che met­te al cen­tro le per­so­ne (più che le sigle) che deci­do­no di pren­der­vi par­te e di con­tri­bui­re con le pro­prie idee ed azio­ni. Il pro­gram­ma ver­rà infat­ti redat­to sul­la base del­le pro­po­ste ela­bo­ra­te all’interno di vari grup­pi di lavo­ro tema­ti­ci, ai qua­li si sono già iscrit­te più di 200 per­so­ne e che han­no già ini­zia­to a riu­nir­si in que­sti giorni.

È una for­mu­la che vuo­le sfi­da­re i per­so­na­li­smi, ovve­ro l’atteggiamento da “padro­ni di casa” con il qua­le Mas­si­mo Biton­ci e i suoi fede­lis­si­mi (che si ripre­sen­te­ran­no alle pros­si­me ele­zio­ni) han­no gesti­to la cosa pub­bli­ca nel­le sue varie espres­sio­ni, con la logi­ca accen­tra­tri­ce di cui sopra. Una sfi­da alla filo­so­fia dell’uomo solo al coman­do, che mira a resti­tui­re la poli­ti­ca del­la cit­tà ai suoi cit­ta­di­ni.

Ma è una sfi­da anche ad un man­tra tri­ste­men­te dif­fu­so nel cen­tro­si­ni­stra pado­va­no degli ulti­mi anni, che reci­ta: “in fon­do Pado­va è una cit­tà di destra, per vin­ce­re biso­gna esse­re un po’ di destra”. Un’impostazione pigra e dan­no­sa che, nono­stan­te sia tra le cau­se prin­ci­pa­li del­la cla­mo­ro­sa scon­fit­ta del 2014 (quan­do a vin­ce­re fu la destra, quel­la vera), in mol­ti si osti­na­no tut­to­ra ad appli­ca­re – pen­san­do, anche qui, di poter “rico­strui­re il cen­tro­si­ni­stra” insie­me a pez­zi di centrodestra.

Tut­to que­sto acca­de nell’ormai dif­fu­so sce­na­rio che evi­den­zia anche a Pado­va un diva­rio tra il voto “mode­ra­to” del cen­tro sto­ri­co e quel­lo “esa­spe­ra­to” dei quar­tie­ri peri­fe­ri­ci — come per le comu­na­li del 2014, così anche in occa­sio­ne al refe­ren­dum del­lo scor­so 4 dicembre.

Ser­ve quin­di una pro­po­sta poli­ti­ca inno­va­ti­va, vin­cen­te ed alter­na­ti­va; che sia non un cami­net­to di sigle, ma uno spa­zio tra­spa­ren­te mes­so a dispo­si­zio­ne dei cit­ta­di­ni, nel qua­le si ela­bo­ri­no con­te­nu­ti e si pren­da­no deci­sio­ni col­let­ti­va­men­te, in modo auto­no­mo e alla luce del sole, al di sopra di ogni voce di cor­ri­do­io e chiac­chie­ric­cio poli­ti­co-media­ti­co; una pro­po­sta che ante­pon­ga il pro­gram­ma ai soli­ti, tri­sti toto­no­mi; che par­ta da una visio­ne del­la cit­tà e non da una som­ma­to­ria poli­ti­ci­sta di casel­le da riem­pi­re ed inte­res­si da accontentare.

Que­sto è lo spi­ri­to e lo sco­po del­la Coa­li­zio­ne Civi­ca che stia­mo con­tri­buen­do a costrui­re, que­sto è ciò che ci impe­gnia­mo a fare in vista del­le ele­zio­ni comu­na­li del 2017, per scri­ve­re insie­me una nuo­va e bel­la pagi­na poli­ti­ca per la nostra città.

Car­lo Alber­to Lentola

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.