Grillo utilizza il caso Amri per colpire tutti gli stranieri

Data la mancanza di collaborazione della Tunisia, né Italia né Germania sono riuscite a espellere Amri. Ora Grillo dice un'ovvietà, ma scadendo nel populismo secondo il quale dovremmo proteggerci dalle migrazioni.
Schermata-2016-12-23-alle-17.59.32

Se si dice di non esse­re né di destra né di sini­stra (il che spes­so nascon­de l’es­se­re di destra), è neces­sa­rio sol­le­ti­ca­re lo sto­ma­co di entram­be le ani­me, a momen­ti alter­ni. Non è un caso, per­ciò, che il com­men­to di Bep­pe Gril­lo alla noti­zia del­l’uc­ci­sio­ne di Anis Amri, auto­re del­l’at­ten­ta­to di Ber­li­no, abbia quel­l’im­pron­ta lì, chia­ra­men­te di destra, lega­ta alla peg­gior pro­pa­gan­da, distan­te dal­la real­tà e — di con­se­guen­za — con­trad­di­to­ria per definizione.

Il tito­lo è già tut­to un pro­gram­ma: «Ora è il momen­to di pro­teg­ger­ci». Dopo aver rin­gra­zia­to i due poli­ziot­ti ita­lia­ni che han­no inter­cet­ta­to l’at­ten­ta­to­re que­sta not­te (un rin­gra­zia­men­to anche da par­te nostra), Gril­lo si lan­cia nel­l’in­vet­ti­va più sem­pli­ce: tut­to «que­sto acca­de per­chè la situa­zio­ne migra­to­ria è ormai fuo­ri con­trol­lo. Nel 2015 con gli sbar­chi sono arri­va­ti in 153.842, i richie­den­ti asi­lo sono sta­ti 83.970, 71.000 sono sta­ti esa­mi­na­ti e il 55% di que­sti han­no rice­vu­to dinie­go: dove sono fini­ti loro e quel­li non esa­mi­na­ti e che non han­no fat­to richie­sta? L’I­ta­lia e l’Eu­ro­pa sono un cola­bro­do».

Sia­mo di fron­te a una serie di argo­men­ti asso­lu­ta­men­te stru­men­ta­li. In pri­mo luo­go, il nume­ro degli sbar­chi del 2015 è infe­rio­re sia agli sbar­chi del 2014 che agli sbar­chi del 2016 (descri­ven­do un feno­me­no strut­tu­ra­le e non emer­gen­zia­le, per­ciò), ma a Gril­lo fa mol­to como­do cita­re il 2015 per­ché nel 2015 non era anco­ra atti­vo l’ap­proc­cio “hotspot” e di con­se­guen­za su mol­ti migran­ti che vole­va­no pro­se­gui­re ver­so il nord euro­pa l’I­ta­lia chiu­de­va un occhio: que­sti non face­va­no doman­da di asi­lo e pro­se­gui­va­no nel pro­prio cam­mi­no. Una bel­la fet­ta del­la dif­fe­ren­za tra per­so­ne sbar­ca­te e richie­den­ti asi­lo nel 2015 nasce da que­sto equi­vo­co. Al momen­to, inve­ce, tut­te le per­so­ne che arri­va­no sul­le nostre coste ven­go­no regi­stra­te (con tan­to di impron­te, e apren­do nume­ro­se cri­ti­ci­tà sul rispet­to dei dirit­ti) e a tut­te con­vie­ne fare richie­sta d’a­si­lo, per­ché non han­no altro modo di per­ma­ne­re rego­lar­men­te in Ita­lia, dato che gli ingres­si per lavo­ro sono di fat­to bloc­ca­ti dal­la Bos­si-Fini, la qua­le non fa altro che river­sa­re sul­le richie­ste d’a­si­lo e nel­l’ir­re­go­la­ri­tà anche per­so­ne che sono venu­te in Ita­lia per cer­ca­re legit­ti­ma­men­te lavo­ro.

I nume­ri sono dav­ve­ro fuo­ri con­trol­lo? In Tur­chia sono pre­sen­ti 2,5 milio­ni di pro­fu­ghi, in Paki­stan 1,6 milio­ni, in Liba­no (un pae­se pic­co­lis­si­mo) oltre un milio­ne. La Ger­ma­nia, nel 2015, ha rice­vu­to 476mila doman­de d’a­si­lo, l’Un­ghe­ria 177mila, la Sve­zia 162mila, l’Au­stria 88mila. L’I­ta­lia 84mila, come dice Gril­lo. Dal­l’I­ta­lia inve­ce sono espa­tria­ti alme­no 101mila ita­lia­ni nel 2014, che si sono iscrit­ti all’A­na­gra­fe dei resi­den­ti all’estero. Alme­no, appun­to, per­ché la sola Ger­ma­nia nel 2014 ha rice­vu­to 70mila ingres­si di ita­lia­ni per ricer­ca lavo­ro.

Ma tor­nia­mo a Amri. Sbar­ca­to in Ita­lia nel feb­bra­io 2011 sen­za docu­men­ti, dichia­rò di esse­re mino­ren­ne (pur non essen­do­lo) garan­ten­do­si un’ac­co­glien­za miglio­re e facen­do richie­sta d’a­si­lo. Il 24 otto­bre, ospi­te di un cen­tro di acco­glien­za, minac­cia e pic­chia, insie­me ad altri, il custo­de del cen­tro, per poi dare fuo­co a dei mate­ras­si. Amri vie­ne con­dan­na­to a quat­tro anni di deten­zio­ne, distin­guen­do­si anche in que­sta cir­co­stan­za per com­por­ta­men­ti vio­len­ti. Le auto­ri­tà ita­lia­ne dispon­go­no per­ciò l’e­spul­sio­ne, ma que­sta non avvie­ne, e per un moti­vo sem­pli­ce: non si tro­va l’ac­cor­do con le auto­ri­tà tuni­si­ne, le qua­li sosten­go­no che Amri non sia un cit­ta­di­no tuni­si­no. Tut­to ciò dimo­stra le dif­fi­col­tà nel­l’e­se­gui­re i rim­pa­tri, soprat­tut­to in casi in cui nes­su­na del­le par­ti (l’e­spul­so e lo sta­to di ori­gi­ne) ha inte­res­se nel­l’e­se­cu­zio­ne del prov­ve­di­men­to. Lo stes­so pro­ble­ma vie­ne riscon­tra­to dal­la Ger­ma­nia: vie­ne emes­so un prov­ve­di­men­to di espul­sio­ne, ma Amri non vie­ne rim­pa­tria­to per le mede­si­me ragioni.

In un con­te­sto in cui non c’è modo di entra­re rego­lar­men­te in Ita­lia per ricer­ca di lavo­ro, e in cui le espul­sio­ni dovu­te al riget­to del­la doman­da d’a­si­lo sono sia dif­fi­ci­li da ese­gui­re che nume­ro­se, ecco l’al­za­ta di inge­gno popu­li­sta di Gril­lo, da scri­ve­re a carat­te­ri cubitali:

Chi ha dirit­to di asi­lo resta in Ita­lia, tut­ti gli irre­go­la­ri devo­no esse­re rim­pa­tria­ti subi­to a par­ti­re da oggi.

Faci­le a dir­si ma dif­fi­ci­le — a vol­te impos­si­bi­le — a far­si, esat­ta­men­te come dimo­stra il caso di Amri! Il prov­ve­di­men­to di espul­sio­ne era sta­to emes­so sia dal­l’I­ta­lia che dal­la Ger­ma­nia, ma la Tuni­sia ha fat­to — in buo­na o in cat­ti­va fede — tut­to il pos­si­bi­le per non ren­der­lo ese­gui­bi­le.

Al con­tra­rio, dob­bia­mo fare in modo che chi vuo­le cer­ca­re lavo­ro in Ita­lia pos­sa far­lo in manie­ra rego­la­re (maga­ri con un per­mes­so di ricer­ca lavo­ro, come avvie­ne ovun­que), ridu­cen­do così la mas­sa di richie­ste d’a­si­lo da esa­mi­na­re e di con­se­guen­za i dinie­ghi. E anche nel caso in cui si per­ve­nis­se a un dinie­go, per­ché non con­ce­de­re un per­mes­so di ricer­ca lavo­ro a una per­so­na che maga­ri si è inte­gra­ta bene  dopo un anno — e rot­ti — di per­ma­nen­za nei cen­tri di accoglienza?

Que­sto sì che per­met­te­reb­be di ridur­re nume­ri­ca­men­te i prov­ve­di­men­ti di espul­sio­ne e per­ciò di lavo­rar­ci con mag­gio­ri ener­gie per­ché sia­no resi effet­ti­vi. Il resto è solo popu­li­smo, che non fa altro che il gio­co di chi vuo­le che vi sia­no per­so­ne che sono costret­te a vive­re al di fuo­ri del­la lega­li­tà, con il rischio che rica­da­no in zone di ille­ga­li­tà, che sia lo sfrut­ta­men­to nei cam­pi, che sia­no per­cor­si di radicalizzazione.

L’ul­ti­ma con­si­de­ra­zio­ne riguar­da il fat­to che di Amri tut­ti sape­va­no tut­to, e che era sta­to segna­la­to in più e più occa­sio­ni. Sape­va­no tut­to sia il gover­no ita­lia­no che quel­lo tede­sco che, addi­rit­tu­ra, il gover­no ame­ri­ca­no. Il NY Times ha scrit­to che Amri rien­tra­va nel­la “no fly list” degli Sta­ti Uni­ti, che ave­va fat­to ricer­che onli­ne su come costrui­re una bom­ba e che era entra­to in con­tat­to alme­no una vol­ta con lo Sta­to isla­mi­co. E’ que­sta, d’al­tra par­te, la stra­da per com­bat­te­re il ter­ro­ri­smo, non di cer­to asso­ciar­lo ai movi­men­ti migra­to­ri, che dovrem­mo gesti­re meglio, è vero. Altro­ché pro­teg­ger­ci, come dice Grillo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.