#LaFrattura. Storia recente della separazione tra Sud e Nord

Mai come prima nella storia del secondo novecento il Sud è stato tenuto così distante dal Nord. Una distanza che aumenta anno dopo anno e che ci consegna la fotografia di una Italia ferma a due velocità: un Nord statico e un Sud in dinamica negativa.

Mai come pri­ma nel­la sto­ria del secon­do nove­cen­to il Sud è sta­to tenu­to così distan­te dal Nord. Una distan­za che aumen­ta anno dopo anno e che ci con­se­gna la foto­gra­fia di una Ita­lia fer­ma a due velo­ci­tà: un Nord sta­ti­co e un Sud in dina­mi­ca nega­ti­va. Lo dice il dato recen­te sul Pil, che vede il Sud atte­star­si sui 17mila euro a testa, il Nord sui 33mila. Un diva­rio di qua­si il 50 per cen­to che tra­dot­to in ter­mi­ni meta­fo­ri­ci indi­ca che un bam­bi­no meri­dio­na­le ha la metà del­le oppor­tu­ni­tà eco­no­mi­che di un coe­ta­neo set­ten­trio­na­le.

Que­sta dif­fe­ren­za è aggra­va­ta dal­la lon­ta­nan­za sto­ri­ca tra i ser­vi­zi pre­sen­ti al Nord (i tra­spor­ti in testa) e quel­li del Sud. Una distan­za che nes­su­na inau­gu­ra­zio­ne auto­stra­da­le può com­pen­sa­re, per­ché quel che man­ca in Cala­bria, per resta­re sul ter­ri­to­rio del­la cele­bre auto­stra­da, sono le stra­de per rag­giun­ge­re gli ospe­da­li, sono i tre­ni per rag­giun­ge­re gli altri Sud così vici­ni e così lon­ta­ni. Quan­do par­lia­mo di ritar­do del Meri­dio­ne, com­met­tia­mo l’errore di pen­sa­re a que­sta por­zio­ne d’Italia come a un tutt’uno. La veri­tà è un’altra: noi meri­dio­na­li sia­mo dei sepa­ra­ti in casa. Non pos­sia­mo rag­giun­ger­ci facil­men­te, né noi né le nostre mer­ci. Per una mela del Tren­ti­no è più faci­le arri­va­re a Bari di un can­no­lo sici­lia­no. Assur­do, ma è così. La logi­sti­ca spez­za­ta è una del­le basi del man­ca­to svi­lup­po inte­gra­to meri­dio­na­le. Un favo­re fat­to ai gran­di siste­mi (anche cri­mi­na­li) che con­trol­la­no l’import/export.

Que­sti esem­pi si accom­pa­gna­no ad altri: la cre­sci­ta demo­gra­fi­ca nega­ti­va, la spe­ran­za di vita che si abbas­sa per man­can­za di cure medi­che, la disoc­cu­pa­zio­ne galop­pan­te, l’abban­do­no sco­la­sti­co, l’emi­gra­zio­ne gio­va­ni­le, la recru­de­scen­za mafio­sa. Fat­to­ri che mes­si in fila dise­gna­no una frat­tu­ra epo­ca­le aggra­va­ta dal­le misu­re dei nuo­vi gover­ni che ten­do­no a favo­ri­re le eco­no­mie regio­na­li più for­ti, facen­do sal­ta­re il prin­ci­pio del­la sus­si­dia­rie­tà. Misu­re che voglio­no nascon­de­re con la reto­ri­ca più cini­ca la veri­tà di un Sud che oscil­la tra la ras­se­gna­zio­ne e la rab­bia. Di un Sud che cer­ca il pro­prio futu­ro sem­pre più fuo­ri da que­sto Paese.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.