Di bufale Facebook e post-truth, pagliuzze e travi

bufale-facebook

Si fa ulti­ma­men­te un gran par­la­re del­le bufa­le onli­ne, e di come (più o meno scien­te­men­te) que­ste pos­sa­no influen­za­re l’opi­nio­ne pub­bli­ca.
C’è chi si spin­ge a far­ne un pro­ble­ma di demo­cra­zia e rite­ne­re i colos­si come Face­book e Goo­gle diret­ta­men­te respon­sa­bi­li del­le infor­ma­zio­ni e dei con­te­nu­ti vei­co­la­ti tra­mi­te le loro piattaforme.

Una discus­sio­ne che inve­ste gran­di orga­ni di stam­pa e figu­re di spic­co del mon­do dei media e del­la poli­ti­ca, e che è gros­so­la­na e far­loc­ca tan­to quan­to quel­le che si leg­go­no pro­prio sui forum e nel­le bache­che vitu­pe­ra­te da que­sti novel­li pala­di­ni del­la veri­tà e del­la cor­ret­ta informazione.

Una discus­sio­ne che ha il gran­de pre­gio di esse­re sia sba­glia­ta nel meri­to che vizia­ta dagli ambien­ti da cui proviene.

Per­ché qua abbia­mo orga­ni di stam­pa che da anni spac­cia­no per pre­ci­se rico­stru­zio­ni le veli­ne che arri­va­no loro da pro­cu­re e palaz­zi del pote­re e si riten­go­no gior­na­li indi­pen­den­ti. Abbia­mo gior­na­li­sti che rive­la­no gran­di cospi­ra­zio­ni ordi­te da reti di troll prez­zo­la­ti che non fan­no un plis­sè quan­do i loro arti­co­li ven­go­no pub­bli­ca­men­te smen­ti­ti in manie­ra per­si­no grot­te­sca.
Abbia­mo mini­stri che si ergo­no a difen­so­ri del­la cor­ret­ta infor­ma­zio­ne, che dimen­ti­ca­no però di sede­re in con­si­glio dei mini­stri con col­le­ghi che han­no fat­to pro­pa­gan­da usan­do auten­ti­che bufa­le su mala­ti di can­cro e bam­bi­ni dia­be­ti­ci, o che da anni spa­ra­no cifre a caso sui temi del lavo­ro per giu­sti­fi­ca­re i loro fallimenti.

Con che fac­cia (sen­za tira­re in bal­lo Gia­chet­ti) que­ste per­so­ne voglio­no spie­gar­ci com’è che si dovreb­be gesti­re e valu­ta­re la cor­ret­tez­za del­le infor­ma­zio­ni a cui ogni gior­no sia­mo esposti?

La real­tà, per chi vuo­le trat­ta­re l’argomento seria­men­te, è che il siste­ma dell’informazione ha subi­to un cam­bia­men­to pro­fon­do che va affron­ta­to per garan­tir­ne la demo­cra­ti­ci­tà. Ma que­sto non riguar­da tan­to le bufa­le, quan­to la capa­ci­tà che ogni cit­ta­di­no dovreb­be ave­re di saper­le distin­gue­re in mez­zo al flus­so con­ti­nuo di con­te­nu­ti a cui è espo­sto. E riguar­da chi detie­ne il con­trol­lo del­le fon­ti di que­sto flus­so, e l’accesso agli algo­rit­mi che lo governano.

Ma que­sto vor­reb­be dire par­la­re di edu­ca­zio­ne, di scuo­la, di cul­tu­ra, stru­men­ti per dare vera liber­tà e ugua­glian­za a cia­scu­no di noi in un futu­ro (che è già pre­sen­te) che sarà sem­pre più gover­na­to dall’accesso alle informazioni.

Ma que­sto vor­reb­be dire par­la­re di demo­cra­zia e di con­trol­lo pub­bli­co, col­let­ti­vo, sui veri con­trol­lo­ri di que­sto futu­ro, gli algo­rit­mi che gover­na­no moto­ri di ricer­ca e social network.

Lascia­mo­li alle loro chiac­chie­re da bar sul­le chiac­chie­re da bar, e pen­sia­mo­ci noi. Costruia­mo­li assie­me, que­sti #gior­ni­mi­glio­ri.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.