Accordata la cassa integrazione per gli operai Pernigotti

Dopo l’errore macroscopico nella compilazione dei moduli per la richiesta della cassa integrazione straordinaria, l’azienda si era accordata con i sindacati per anticipare le somme non erogate: ai circa 35 lavoratori rimasti senza occupazione e non reintegrati dall'azienda è stata assegnata una somma prendendo parte del tfr, delle ferie, delle tredicesime e della quattordicesima di ogni lavoratore.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Il 17 giu­gno è sta­ta ero­ga­ta la cas­sa inte­gra­zio­ne agli ope­rai del­la Per­ni­got­ti che non era­no sta­ti ricol­lo­ca­ti ed era­no sen­za sti­pen­dio da set­te mesi.

Dopo l’errore macro­sco­pi­co nel­la com­pi­la­zio­ne dei modu­li per la richie­sta del­la cas­sa inte­gra­zio­ne straor­di­na­ria, l’azienda si era accor­da­ta con i sin­da­ca­ti per anti­ci­pa­re le som­me non ero­ga­te: ai cir­ca 35 lavo­ra­to­ri rima­sti sen­za occu­pa­zio­ne e non rein­te­gra­ti dal­l’a­zien­da è sta­ta asse­gna­ta una som­ma pren­den­do par­te del tfr, del­le ferie, del­le tre­di­ce­si­me e del­la quat­tor­di­ce­si­ma di ogni lavo­ra­to­re. Alle fami­glie dei lavo­ra­to­ri i sin­da­ca­ti han­no anche attri­bui­to la cifra resi­dua del­la cas­sa di soli­da­rie­tà rac­col­ta a novembre.

Qual­che gior­no fa l’annuncio dell’avvenuta ero­ga­zio­ne del­la CIGS. Un sol­lie­vo per i lavo­ra­to­ri allo stre­mo del­le for­ze economiche.

Alla noti­zia, un mese fa, del­la man­ca­ta asse­gna­zio­ne, noi di Pos­si­bi­le ave­va­mo avvia­to una rac­col­ta fon­di onli­ne, anco­ra oggi atti­va, median­te la qua­le abbia­mo rac­col­to 1078 euro di dona­zio­ni da par­te di comu­ni cit­ta­di­ni che han­no rispo­sto al nostro appel­lo. Abbia­mo deci­so inol­tre di desti­na­re una par­te del 2x1000. Tut­ti i fon­di rac­col­ti ven­go­no inte­ra­men­te ver­sa­ti al Con­to Cor­ren­te aper­to dal­la Cari­tas del­la Dio­ce­si di Tor­to­na, che si era già mobi­li­ta­ta nei mesi scor­si in favo­re degli ope­rai Pernigotti.

È que­sto per noi il sen­so del nostro impe­gno in poli­ti­ca: dedi­car­ci in con­cre­to alle bat­ta­glie giu­ste, al soste­gno di chi è in dif­fi­col­tà, agli esclu­si, agli emar­gi­na­ti. Sem­pre sot­to il segno dell’Uguale.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.