Droghe, Civati: Salvini fa come con migranti? Allora è regalo a illegalità

#

Matteo Salvini, ancora una volta, tratta con il tono da bullo propagandista il contrasto alle droghe. Lo fa addirittura impegnandosi a seguire le stesse politiche che ha attuato contro i migranti. La conseguenza è che, proprio come sta avvenendo sulla gestione dei flussi migratori, finirà per fare un regalo alla criminalità, all’illegalità dello spaccio in questo caso”. Lo dichiara Giuseppe Civati, fondatore di Possibile, commentando le parole del ministro dell’Interno sulle politiche antidroga.

“Lo stile da sceriffo – aggiunge Civati – non produce alcun risultato. I fatti sono chiari: la presunta ‘tolleranza zero’ non serve a combattere l’uso illegale di droghe. È un modello sbagliato, che ha già fallito: serve solo per ‘fare i duri’. Basti pensare alla campagna iniziata contro i negozi di cannabis legale: chiuderli non è legittimo e non ha alcun senso. Le politiche sulla droga devono partire proprio dalla legalizzazione della cannabis, sottraendo un immenso business alle mafie e garantendo anche la qualità della cannabis stessa”.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati