A Milano, contro l’odio e l’indifferenza

Pos­si­bi­le par­te­ci­pe­rà con i pro­pri diri­gen­ti e mili­tan­ti e le pro­prie idee alla mani­fe­sta­zio­ne Peo­ple di Mila­no del 2 mar­zo. Non sia­mo davan­ti ad un’immigrazione incon­trol­la­ta: le migra­zio­ni sono con­trol­la­te da mafie, capo­ra­li e traf­fi­can­ti di esse­ri uma­ni e que­sto è il frut­to avve­le­na­to del proi­bi­zio­ni­smo migra­to­rio. Que­sti i pun­ti del­la nostra pro­po­sta poli­ti­ca, che rite­nia­mo fon­da­men­ta­li per non fer­mar­ci alla giu­sta pro­te­sta con­tro la disu­ma­ni­tà, l’odio, l’indifferenza ma rea­liz­za­re una con­tro­nar­ra­zio­ne effi­ca­ce, di meri­to, rigo­ro­sa e seria.
1. È neces­sa­ria, oggi più che mai, una rifor­ma orga­ni­ca del Testo Uni­co Immi­gra­zio­ne: si può par­ti­re dal­la pro­po­sta di leg­ge atto Came­ra 4551/2017 (che Pos­si­bi­le ha scrit­to in un anno di lavo­ro insie­me ad ASGI, Cgil, Cisl, Uil Immi­gra­zio­ne, SIMM, CESTIM, Cen­tro inter­di­sci­pli­na­re scien­ze per la pace dell’università degli stu­di di Pisa);
2. È neces­sa­rio intro­dur­re il visto d’ingresso (ed il cor­ri­spon­den­te per­mes­so di sog­gior­no) per ricer­ca lavo­ro, per con­sen­ti­re di arri­va­re in Ita­lia in modo lega­le e sicu­ro a chi lascia il pro­prio pae­se per ragio­ni economiche;
3. È neces­sa­rio intro­dur­re una clau­so­la di rego­la­riz­za­zio­ne per­ma­nen­te e di libe­ra con­ver­ti­bi­li­tà dei per­mes­si di sog­gior­no: la sicu­rez­za si costrui­sce favo­ren­do la rego­la­ri­tà del soggiorno;
4. È neces­sa­rio ripri­sti­na­re la pro­te­zio­ne uma­ni­ta­ria: dal 5 otto­bre 2018 (entra­ta in vigo­re del decre­to Sal­vi­ni) oltre 23.000 per­so­ne già inte­gra­te sono sta­te tra­sfor­ma­te in irregolari;
5. È neces­sa­rio appro­va­re un pac­chet­to di leg­gi anti­fa­sci­ste e anti­raz­zi­ste per raf­for­za­re stru­men­ti e tute­le per le vit­ti­me dei rea­ti d’odio (isti­tu­zio­ne dell’osservatorio nazio­na­le sul web, per moni­to­ra­re e com­bat­te­re effi­ca­ce­men­te i rea­ti d’odio com­mes­si con l’uso del­la rete; intro­du­zio­ne del­la pro­ce­du­ra di sospen­sio­ne e scio­gli­men­to di grup­pi, asso­cia­zio­ni e par­ti­ti di carat­te­re fasci­sta o raz­zi­sta; intro­dur­re il rea­to di pro­pa­gan­da fasci­sta e nazifascista);
6. È neces­sa­rio ria­pri­re nel pae­se e nel­le isti­tu­zio­ni il dibat­ti­to sul­la rifor­ma del­la cit­ta­di­nan­za con l’intro­du­zio­ne del­lo Ius Soli e l’abolizione dell’istituto del­la revo­ca del­la cit­ta­di­nan­za intro­dot­to dal decre­to Salvini;
7. È neces­sa­rio can­cel­la­re il rea­to di clan­de­sti­ni­tà, che anche la magi­stra­tu­ra addi­ta da anni come un osta­co­lo al per­se­gui­men­to di rea­ti più gra­vi come il traf­fi­co di esse­ri uma­ni, la ridu­zio­ne in schia­vi­tù, il caporalato;
8. È neces­sa­rio appro­va­re a livel­lo euro­peo la rifor­ma orga­ni­ca del Rego­la­men­to di Dubli­no appro­va­ta dal Par­la­men­to UE il 16 novem­bre 2017 a lar­ga mag­gio­ran­za, per intro­dur­re un siste­ma di asi­lo euro­peo basa­to su mec­ca­ni­smi di soli­da­rie­tà e respon­sa­bi­li­tà con­di­vi­sa, nel rispet­to dei dirit­ti uma­ni fondamentali;
9. È neces­sa­rio intro­dur­re nel­le scuo­le medie e supe­rio­ri l’insegnamento di cul­tu­ra civi­ca ed edu­ca­zio­ne alla cit­ta­di­nan­za (atto Came­ra 3876/2016): un inve­sti­men­to a lun­go ter­mi­ne per pre­pa­ra­re le nuo­ve gene­ra­zio­ni al rico­no­sci­men­to e alla pro­mo­zio­ne dei dirit­ti uma­ni, del­la tol­le­ran­za e del pluralismo;
10. È neces­sa­rio rifor­ma­re il ser­vi­zio pub­bli­co radio­te­le­vi­si­vo per intro­dur­re con­te­nu­ti infor­ma­ti­vi, for­ma­ti­vi e divul­ga­ti­vi rispet­to­si del plu­ra­li­smo cul­tu­ra­le, reli­gio­so, filo­so­fi­co e del­le differenze.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.