Vicini a Don Ciotti in questo splendido 21 marzo

Non si può non osservare con il cuore gonfio le immagini che ci arrivano in queste ore da tutte le città d'Italia per la giornata in ricordo delle vittime (innocenti, anche se nella legge la parola "innocenti" hanno voluto dimenticarsela) di mafia. Solo a Locri sono in 25mila a manifestare per le vie della città in nome di una cultura della legalità che, come dice Don Ciotti, " non è solo rispetto delle leggi ma la possibilità di andare avanti con principi di solidarietà, e per dare un futuro migliore sopratutto ai nostri giovani".

Non si può non osser­va­re con il cuo­re gon­fio le imma­gi­ni che ci arri­va­no in que­ste ore da tut­te le cit­tà d’I­ta­lia per la gior­na­ta in ricor­do del­le vit­ti­me (inno­cen­ti, anche se nel­la leg­ge la paro­la “inno­cen­ti” han­no volu­to dimen­ti­car­se­la) di mafia. Solo a Locri sono in 25mila a mani­fe­sta­re per le vie del­la cit­tà in nome di una cul­tu­ra del­la lega­li­tà che, come dice Don Ciot­ti, ” non è solo rispet­to del­le leg­gi ma la pos­si­bi­li­tà di anda­re avan­ti con prin­ci­pi di soli­da­rie­tà, e per dare un futu­ro miglio­re sopra­tut­to ai nostri giovani”.

Le mani­fe­sta­zio­ni di oggi non sono solo un gri­do con­tro le mafie ma sono soprat­tut­to por­ta­tri­ci di un’i­dea di futu­ro che ren­da con­ve­nien­te il rispet­to del­le rego­le, che ren­da insop­por­ta­bi­li i truc­chi del malaf­fa­re (e la cor­ru­zio­ne e le dro­ghe sono cen­tra­li, che si voglia rico­no­sce­re o no) e che tro­vi cor­ri­spon­den­za nel­le scel­te poli­ti­che di gover­no. È piut­to­sto alie­nan­te leg­ge­re oggi il pro­flu­vio di reto­ri­ca intor­no a quel Grat­te­ri che ven­ne “boc­cia­to” come mini­stro e poi come “con­su­len­te”; è dif­fi­cil­men­te com­pren­si­bi­le che men­tre il fon­da­to­re di Libe­ra don Ciot­ti sul pal­co di Locri par­li dei rap­por­ti tra mafia e mas­so­ne­ria il gover­no appa­ia piut­to­sto titu­ban­te nel­l’ot­te­ne­re gli elen­chi dal­le log­ge mas­so­ni­che; fa sor­ri­de­re ama­ro vede­re i fami­glia­ri del­le vit­ti­me di mafia coc­co­la­ti da uno Sta­to ceri­mo­nie­re che pro­met­te di “non lasciar­li soli” men­tre la con­di­zio­ne dei testi­mo­ni di giu­sti­zia con­ti­nua a languire.

Intan­to regi­stria­mo che la sot­to­cul­tu­ra para­ma­fio­sa che ha scrit­to sui muri che Don Ciot­ti è “uno sbir­ro” e che la mafia dà lavo­ro ha otte­nu­to esat­ta­men­te l’ef­fet­to oppo­sto: l’on­da­ta di indi­gna­zio­ne e soli­da­rie­tà oggi ha tra­vol­to anche loro. E noi, oggi, sia­mo vici­ni a Lui­gi Ciot­ti anco­ra di più.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.