Il vecchio compromesso sconfitto e una politica radicale nuova

Il risultato del secondo congresso di Podemos consegna a Pablo Iglesias la maggioranza assoluta del Consejo Ciudadano, e al movimento un destino (declinato alla castigliana) diverso dalle tesi del fraterno avversario sconfitto, Íñigo Errejón, che sosteneva invece una moderazione delle posizioni più coraggiose e radicali, intravedendo una alleanza ampia con il PSOE.

Pode­mos ha cele­bra­to il suo secon­do con­gres­so, per l’occasione deno­mi­na­to Vista­le­gre 2, al qua­le han­no par­te­ci­pa­to 155.000 votan­ti, il 33,92 degli aven­ti diritto.

Il risul­ta­to con­se­gna a Pablo Igle­sias la mag­gio­ran­za asso­lu­ta del Con­se­jo Ciu­da­da­no, e al movi­men­to un desti­no (decli­na­to alla casti­glia­na) diver­so dal­le tesi del fra­ter­no avver­sa­rio scon­fit­to, Íñi­go Erre­jón, che soste­ne­va inve­ce una mode­ra­zio­ne del­le posi­zio­ni più corag­gio­se e radi­ca­li, intra­ve­den­do una allean­za ampia con il PSOE, par­ti­to al momen­to sen­za gui­da e in una cri­si appa­ren­te­men­te sen­za usci­ta (come già il suo emu­lo gre­co del PASOK e for­se in futu­ro l’italiano Par­ti­to Demo­cra­ti­co), con un tes­se­ra­men­to in pic­chia­ta e giun­to ormai a 189.167, ulti­mo dato dispo­ni­bi­le però al 2016, anno elet­to­ra­le in cui fisio­lo­gi­ca­men­te i nume­ri cre­sco­no o per­lo­me­no ten­go­no, men­tre Pode­mos nel 2017 risul­ta ave­re 457.018 iscritti.

Il pro­ces­so di ine­lu­di­bi­le sgre­to­la­men­to del duo­po­lio par­ti­to­cra­ti­co clas­si­co in Euro­pa, par­ti­ti popo­la­ri e par­ti­ti social­de­mo­cra­ti­ci, sem­bra col­pi­re par­ti­co­lar­men­te for­te o con mag­gior fret­ta quest’ultimi, sia dall’esterno (dall’elettorato) che dall’interno (pro­pri iscritti).

Con l’apertura ormai oltre un decen­nio fa – una vol­ta tan­to, ante­si­gna­na fu l’’Italia, con le pri­ma­rie a Bolo­gna (addi­rit­tu­ra nel 1999) e poi Cala­bria, Puglia e Tosca­na pri­ma del­le nazio­na­li di Pro­di del 2005 – del­la for­mu­la di pri­ma­rie più o meno aper­te per la scel­ta del­la lea­der­ship e del­la col­lo­ca­zio­ne poli­ti­ca clas­si­ci del­la social­de­mo­cra­zia euro­pea, que­sta s’è tro­va­ta aper­ta alla demo­cra­zia più diret­ta e quin­di sguar­ni­ta nei con­fron­ti del­le legit­ti­me riven­di­ca­zio­ne e par­te­ci­pa­zio­ne atti­va del­la pro­pria base. La base ha rispo­sto in mas­sa, e in mas­sa rifiu­ta­to un impian­to ormai non più rispon­den­te né al pro­prio popo­lo né al pro­prio tem­po né, in defi­ni­ti­va, a istan­ze e real issues rispet­ti­va­men­te del pri­mo o del secondo.

Buon ulti­mo a sal­ta­re, rap­pre­sen­tan­te dell’establishment più clas­si­co, ‘cen­tri­sta’ e com­pro­mes­so Manuel Valls, boc­cia­to dal 60% dei votan­ti alle pri­ma­rie fran­ce­si fran­ce­si, e poi a ritro­so Ren­zi, boc­cia­to dal 60% degli ita­lia­ni, Pedro Sán­chez da una per­cen­tua­le simi­le di voto dei dele­ga­ti del con­si­glio fede­ra­le del PSOE e pri­ma anco­ra tut­ta l’incolore accoz­za­glia post(?)-blairiana che ha pro­va­to per due vol­te nel­lo spa­zio d’un solo anno a lan­cia­re la pro­pria OPA cen­tri­sta sul Labour Par­ty, venen­do in entram­bi i casi scon­fit­ta con, nean­che a dir­lo, il 60% dei voti di Jere­my Corbyn.

Fran­ca­men­te si fa ormai fati­ca a non com­pren­de­re come il com­pro­met­ter­si del­la sini­stra che pas­sa dal ros­so all’arancione e poi pro­ba­bil­men­te al gial­lo (sarà quel­lo il colo­re del “car­tel­lo-Pisa­pia”?) ver­so il bian­co del PD, bale­na spiag­gia­ta, sia un tat­ti­cis­si­mo (non-)posizionamento atten­di­sta da ceto poli­ti­co che le per­so­ne non potran­no che boc­cia­re in manie­ra radi­ca­le e sonora.

Le sor­ti del­la cosid­det­ta “sini­stra” non pos­so­no d’altra par­te pas­sa­re per una com­pro­mis­sio­ne, per una auto-scon­fes­sio­ne, per un suicidio.

Ma tut­to som­ma­to, del­le sor­ti del­la sini­stra non ci inte­res­sa gran­ché: quel che ci inte­res­sa da sem­pre non è il com­pro­mes­so o il com­pro­met­ter­si, ma il com­par­te­ci­pa­re e con­cor­re­re, con meno ceto poli­ti­co pos­si­bi­le e tut­te le per­so­ne libe­re inte­res­sa­te, a pro­ble­mi a solu­zio­ni, non a posi­zio­na­men­ti e suicidi.

Non solo è pos­si­bi­le, ma è doveroso.

Tra per­so­na e per­so­na, tra due set­ti­ma­ne e sempre.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.