Una cosa sbagliatissima ma almeno sincera

Gianni Cuperlo dice che il referendum non è solo un plebiscito su Renzi ma è addirittura il congresso del Pd. Che dopo nel Pd se vincono i sì ci sarà solo Renzi.

Una cosa abominevole dal punto di vista costituzionale (ci si chiede tra l’altro perché Cuperlo e altri della minoranza dem abbiano prima sottovalutato, poi sostenuto, poi comunque votato una riforma del genere) perché un referendum costituzionale dovrebbe precedere sia qualsiasi considerazione sul governo sia – a maggior ragione – qualsiasi dibattito tra correnti all’interno di un partito che è promotore di una posizione assoluta per il sì.

Una posizione talmente sbagliata che – nel tempo paradossale e devastato in cui viviamo – è corretta nell’analisi: analisi tardiva e a ritroso, diremmo noi, che l’abbiamo fatta due anni fa, ma veritiera nell’indicare quanto sia velleitario discutere di Pd al netto o dopo il referendum.

Una bella scoperta, insomma. Che ci piace registrare, nella speranza (per noi più alta) che vincano i no. Perché lo ricordiamo, si tratta della Costituzione e non del futuro politico del leader bullo e delle minoranze del quousquetandem. Di sostanza, e non di posizionamenti. Di chiarezza circa l’impianto democratico, e non di sfide personali.

 

P.S.: Cuperlo, si noti en passant, non dice come voterà. Sarebbe carino saperlo, perché sappiamo che Bersani e i suoi voteranno sì, come hanno fatto in aula, alla Camera e in Senato.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati