Un sistema costruito per consentire lo sfruttamento dei lavoratori

C’è una catena del disvalore e dello sfruttamento; c’è un giocare a trovare una forza lavoro sempre più economica, che non crea problemi, che puoi ricattare

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Quan­do par­lia­mo di lavo­ra­to­ri migran­ti, o stra­nie­ri, o extra­co­mu­ni­ta­ri, con i docu­men­ti o sen­za i docu­men­ti, par­lia­mo in pri­mo luo­go di lavo­ra­to­ri. Lo ha spie­ga­to benis­si­mo ieri Gur­mu­kh Sin­gh, pre­si­den­te del­la comu­ni­tà india­na del Lazio, rac­con­tan­do per l’ennesima vol­ta le con­di­zio­ni estre­me di sfrut­ta­men­to a cui sono sot­to­po­sti i brac­cian­ti nel­le cam­pa­gne del Pon­ti­no. E sono gli stes­si brac­cian­ti che tro­via­mo a tut­te le lati­tu­di­ni del­la nostra penisola.

Paghe da fame, una cor­sa sem­pre più al ribas­so costrui­ta sfrut­tan­do e ricat­tan­do per­so­ne sen­za docu­men­ti o ospi­ti di cen­tri di (cat­ti­va) acco­glien­za, con­di­zio­ni del tut­to inac­cet­ta­bili. Un vero e pro­prio siste­ma, come ci han­no spie­ga­to Mar­co Omiz­zo­lo e Simo­ne Andreot­ti di In Migra­zio­ne, che sem­bra qua­si crea­to appo­sta dal­le nor­me del­lo Sta­to che lo rego­la­no: un’accoglienza che non fun­zio­na e che espo­ne i lavo­ra­to­ri a dina­mi­che di sfrut­ta­men­to; una nor­ma­ti­va sull’ingresso per lavo­ro del tut­to incoe­ren­te rispet­to alla real­tà (non a caso si chia­ma anco­ra “Bos­si-Fini”); il rea­to di sog­gior­no “irre­go­la­re” che non per­met­te al lavo­ra­to­re di emer­ge­re dal­la sua con­di­zio­ne di sfrut­ta­to. È tut­to un siste­ma che per­met­te di sfruttare.

«Noi con­ti­nuia­mo a par­lar­ne con insi­sten­za, anche se mol­te vol­te ci han­no spie­ga­to che “si per­do­no voti”», ha con­clu­so Giu­sep­pe Civa­ti. «lo fac­cia­mo per­ché sia­mo con­vin­ti che da qui si capi­sca­no tut­te le con­trad­di­zio­ni che riguar­da­no non solo chi vie­ne da lon­ta­no, ma anche chi è ita­lia­no da gene­ra­zioni: tut­ti que­sti pro­ble­mi c’erano da pri­ma e sono esplo­si facen­do fare tan­ti sol­di alla mafia. La real­tà è quel­la che abbia­mo rac­con­ta­to sta­se­ra: c’è una cate­na del disva­lo­re e del­lo sfrut­ta­men­to; c’è un gio­ca­re a tro­va­re una for­za lavo­ro sem­pre più eco­no­mi­ca, che non crea pro­ble­mi, che puoi ricat­ta­re. Mi dispia­ce dav­ve­ro che ci sia­no dei defi­cien­ti, dei cre­ti­ni e dei cri­mi­na­li che con­trap­pon­go­no un lavo­ra­to­re all’altro, per­ché que­sta cosa inde­bo­li­sce tut­ti. L’aver taciu­to, nasco­sto o crea­to le con­di­zio­ni di que­sto sfrut­ta­men­to ha inde­bo­li­to tut­ti i lavo­ra­to­ri, anche quel­li che pen­sa­va­no di sta­re in un’altra loca­li­tà e a fare un altro mestiere».

Anche per que­sto moti­vo, nel­le pros­si­me set­ti­ma­ne tor­ne­re­mo sul cam­po per cen­si­re e rac­con­ta­re i peg­gio­ri casi di acco­glien­za in Ita­lia. Se vole­te aiu­tar­ci, con­tri­buen­do con segna­la­zio­ni, scri­ve­te­ci a italia@possibile.com.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.