Le «E» per la giustizia civile

Quello della giustizia civile dovrebbe essere uno dei primi temi di una campagna elettorale

[vc_row][vc_column][vc_column_text]E come elettorale.

Per quan­to pos­sa sem­bra­re un argo­men­to tec­ni­co e resi­dua­le, che mai occu­pa le pri­me pagi­ne dei gior­na­li, spes­so inva­se (anche a spro­po­si­to) dal­le que­stio­ni che riguar­da­no il dirit­to pena­le, quel­lo del­la giu­sti­zia civi­le dovreb­be esse­re uno dei pri­mi temi di una cam­pa­gna elet­to­ra­le.

Que­sto acca­de per­ché si ten­de a pen­sa­re che sia una que­stio­ne “pri­va­ta”, che coin­vol­ge per­so­ne fisi­che o giu­ri­di­che in modo qua­si casua­le, quan­do “capi­ta” un con­ten­zio­so, come se non ci riguar­das­se dal pun­to di vista del­la comu­ni­tà ma come singoli.

In real­tà, al di là del fat­to che tut­ti, pri­ma o poi, come cit­ta­di­ni, abbia­mo a che fare con la giu­sti­zia civi­le, il nostro coin­vol­gi­men­to come comu­ni­tà è mol­to più ampio e rilevante.

E come economica.

Secon­do tut­ti gli stu­di che cicli­ca­men­te ven­go­no pub­bli­ca­ti, la giu­sti­zia civi­le è uno dei fat­to­ri più rimar­che­vo­li fra quel­li che disin­cen­ti­va­no gli inve­sti­men­ti nel nostro Paese.

Per­chè è evi­den­te che se ci voglio­no anni, a vol­te deci­ne, per defi­ni­re un con­ten­zio­so, in pochi fra i gran­di inve­sti­to­ri este­ri rischia­no di bloc­ca­re risor­se eco­no­mi­che ingen­ti in atte­sa di quel­la definizione.

Eppu­re, nono­stan­te que­sti stu­di, la giu­sti­zia civi­le con­ti­nua ad esse­re trat­ta­ta come un tema mar­gi­na­le, e si legi­fe­ra in mate­ria con la tec­ni­ca del­la vesti­zio­ne a cipol­la, aggiun­gen­do capi d’abbigliamento che si som­ma­no l’uno all’altro fino a para­liz­za­re l’indossatore.

Pri­ma di tut­to, quin­di, la giu­sti­zia civi­le deve esse­re un argo­men­to eco­no­mi­co tan­to quan­to è argo­men­to stret­ta­men­te giu­ri­di­co, per­ché, banal­men­te, cito l’ultimo stu­dio dispo­ni­bi­le, la sua len­tez­za ci costa la bel­lez­za di cir­ca 2,5 pun­ti per­cen­tua­li di PIL.

E come efficiente.

Una vol­ta mes­sa fra le prio­ri­tà, dovrem­mo ave­re il corag­gio di ren­de­re la giu­sti­zia civi­le dav­ve­ro efficiente.

Pri­ma di tut­to inve­sten­do come si inve­ste o si dovreb­be inve­sti­re nell’economia, come si inve­ste o si dovreb­be inve­sti­re nel mon­do del lavo­ro, per­ché la giu­sti­zia civi­le potreb­be dav­ve­ro esse­re la start up più van­tag­gio­sa che si pos­sa imma­gi­na­re.

Da un pun­to di vista nor­ma­ti­vo, la pro­spet­ti­va che può real­men­te cam­bia­re le cose con­si­ste­reb­be nell’ispirarsi al model­lo “tede­sco” come è acca­du­to in Spa­gna pochi anni fa.

In que­sto model­lo il pro­ces­so si con­cen­tra nel­la pri­ma udien­za (che da noi è un pas­sag­gio qua­si inu­ti­le e mol­to for­ma­le) dove i pro­ta­go­ni­sti sono obbli­ga­ti a met­te­re tut­te le loro car­te in tavo­la: docu­men­ti, testi­mo­ni, tesi giuridiche.

A que­sto pun­to, il giu­di­ce, che già ha potu­to visio­na­re le car­te e le ha stu­dia­te, può deci­de­re subito.

Oppu­re può fis­sa­re un’altra udien­za per sen­ti­re testi­mo­ni, o con­su­len­ti, in asso­lu­ta auto­no­mia, e deci­de­re la cau­sa dopo aver fat­to discu­te­re le par­ti sull’istruttoria acquisita.

Si trat­ta di un siste­ma che cer­ta­men­te valo­riz­za il ruo­lo sia dei magi­stra­ti che degli avvo­ca­ti, con­cen­tran­do il pro­ces­so ed evi­tan­do la disper­sio­ne del­le tesi in atti lon­ta­ni nel tem­po, che fan­no per­de­re la niti­dez­za del­la controversia.

E come elet­tro­ni­ca ed ecologica.

In atte­sa di una rifor­ma orga­ni­ca su cui lavo­ra­re dal pri­mo gior­no del­la nuo­va legi­sla­tu­ra, soprat­tut­to stan­zian­do come det­to i fon­di neces­sa­ri, ci sono cor­ret­ti­vi che potreb­be­ro esse­re appli­ca­ti subi­to e che, incen­ti­van­do le novi­tà posi­ti­ve già in esse­re, ridur­reb­be­ro ulte­rior­men­te costi e tem­pi.

Ad esem­pio l’uso del­la posta elet­tro­ni­ca cer­ti­fi­ca­ta (PEC) nell’ambito del pro­ces­so tele­ma­ti­co potreb­be esse­re este­so a tut­te le udien­ze in cui la pre­sen­za del­le par­ti è super­flua, come nel 90% dei casi per la pri­ma udien­za, per quel­la inter­me­dia dove il giu­di­ce deci­de sul­le istan­ze istrut­to­rie, per l’ultima, quel­la di pre­ci­sa­zio­ne del­le con­clu­sio­ni, per gli affi­da­men­ti dei que­si­ti ai con­su­len­ti tecnici.

L’aspetto eco­lo­gi­co non è banale, se solo si riu­scis­se ad evi­ta­re lo spo­sta­men­to di miglia­ia di avvo­ca­ti ogni gior­no nei vari tri­bu­na­li, non solo a livel­lo urba­no ma a vol­te in cit­tà diver­se e lontane.

E sem­pre dal pun­to di vista eco­lo­gi­co, quan­ta car­ta si potreb­be rispar­mia­re incen­ti­van­do l’uso del­la sola copia elet­tro­ni­ca, e maga­ri con­vin­cen­do i giu­di­ci a non chie­de­re la copia di cor­te­sia car­ta­cea quan­do l’obbligo pre­ve­de il depo­si­to tele­ma­ti­co, ren­den­do­lo di fat­to inutile?

E come equa.

Sem­bra anche que­sto un pas­sag­gio bana­le, visto che esi­ste un noto prin­ci­pio costi­tu­zio­na­le che defi­ni­sce tut­ti i cit­ta­di­ni ugua­li davan­ti alla leg­ge, eppu­re l’equità non è solo nel­le sen­ten­ze ma anche nel modo in cui ven­go­no trat­ta­ti, uma­na­men­te ed eco­no­mi­ca­men­te, quel­li che le pro­nun­zia­no.

Par­lo dei magi­stra­ti ono­ra­ri che, pur trat­tan­do spes­so que­stio­ni iden­ti­che ai magi­stra­ti di ruo­lo, sono di fat­to dei pre­ca­ri sen­za rea­le rico­no­sci­men­to eco­no­mi­co e pro­fes­sio­na­le, anche a segui­to del­le ulti­me riforme.

È una que­stio­ne che non può esse­re igno­ra­ta e che deve por­ta­re ad una solu­zio­ne capa­ce di dare da un lato ade­gua­to rico­no­sci­men­to al lavo­ro svol­to, sen­za tra­mu­tar­si in un aggi­ra­men­to del­le nor­me con­cor­sua­li di acces­so alla magi­stra­tu­ra di carriera.

Una solu­zio­ne potreb­be esse­re l’inserimento sta­bi­le dei magi­stra­ti ono­ra­ri in un dif­fe­ren­te ruo­lo ad esau­ri­men­to, all’interno del peri­me­tro ben defi­ni­to dell’Ufficio del pro­ces­so per lo svol­gi­men­to di atti­vi­tà giu­ri­sdi­zio­na­li dele­ga­te, così con­cre­tiz­zan­do il model­lo dell’ufficio del pro­ces­so fino­ra solo nomi­nal­men­te intro­dot­to nell’ordinamento.

Ma una giu­sti­zia equa signi­fi­ca anche una giu­sti­zia che com­por­ti una spe­sa infe­rio­re per il cit­ta­dino, inver­ten­do il siste­ma attua­le secon­do il qua­le si sono aumen­ta­ti a dismi­su­ra gli impor­ti del con­tri­bu­to uni­fi­ca­to (la “tas­sa” pro­gres­si­va che biso­gna ver­sa­re all’erario per ini­zia­re un giu­di­zio a secon­da del valo­re) facen­do spen­de­re di più solo per disin­cen­ti­va­re le ini­zia­ti­ve giu­di­zia­rie, così dan­neg­gian­do chi è costret­to a frui­re del­la giu­sti­zia civi­le e dene­gan­do giu­sti­zia a chi non se la può per­met­te­re, per­ché supe­ra il limi­te del gra­tui­to patro­ci­nio, e così rischian­do di vio­la­re l’art. 24 del­la Costituzione.

Si potreb­be ini­zia­re subi­to esten­den­do la nor­ma­ti­va dei giu­di­zi avan­ti il Giu­di­ce di pace, dove il con­tri­bu­to si paga solo in pros­si­mi­tà dell’udienza con l’effettiva iscri­zio­ne a ruo­lo del­la cau­sa, anche per le cau­se in Tri­bu­na­le, dove inve­ce si paga dopo pochi gior­ni dal­la noti­fi­ca dell’atto introduttivo.

In que­sto modo tut­te le cau­se defi­ni­te dal­le par­ti pri­ma del­la pri­ma udien­za non avreb­be­ro costi vivi (anche per­ché nes­sun magi­stra­to ha per­so tem­po leg­gen­do gli atti fin­ché la cau­sa non ini­zia davvero).

E for­se sareb­be anche il caso di eli­mi­na­re l’obbligatorietà del­la pre­ven­ti­va media­con­ci­lia­zio­ne nei casi in cui per­ma­ne, e del­la nego­zia­zio­ne assi­sti­ta, che si sono dimo­stra­te del tut­to inu­ti­li alla effet­ti­va defla­zio­ne del con­ten­zio­so, man­te­nen­do­le come facol­ta­ti­ve, oppu­re come obbli­ga­to­rie solo su ordi­ne del giu­di­ce in casi di effet­ti­va pos­si­bi­li­tà di definizione.

E come eccomi. 

Io ci sono, lavo­ria­mo insie­me per­ché ne vale la pena.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.