“La guerra commerciale più grande della storia”: a che punto siamo con la digitalizzazione della PA

Quello dei servizi digitali è davvero un tema centrale la cui portata in Italia sfugge. Eppure è ormai chiaro che nello scenario globale i dati nel XXI secolo hanno la stessa valenza del petrolio nel ventesimo

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Biso­gna cre­der­ci nel­la Pub­bli­ca ammi­ni­stra­zio­ne. Pia­no Trien­na­le per l’Informatica nel­la Pub­bli­ca ammi­ni­stra­zio­ne 2017 – 2019: il docu­men­to — rea­liz­za­to dall’Agenzia per l’Italia Digi­ta­le e dal Team per la Tra­sfor­ma­zio­ne Digi­ta­le – che per la pri­ma vol­ta indi­ca il model­lo di rife­ri­men­to del­la digi­ta­liz­za­zio­ne del­la PA, non lo fa. La que­stio­ne che emer­ge dal Pia­no, che per la con­di­zio­ne digi­ta­le in cui ver­sa il pae­se abbi­so­gna di ben oltre i tre anni attual­men­te pre­vi­sti, è che sem­bra si sia rot­to il pat­to tra PA e Mer­ca­to. L’assunto di par­ten­za è: la PA loca­le non ce la fa, il mer­ca­to la può sosti­tui­re. Ma non il mer­ca­to fat­to di pic­co­le soft­ware hou­se che buro­cra­tiz­za­no. I pro­ble­mi li risol­vo­no i gran­di player: Ama­zon (gio­va for­se ricor­da­re che Die­go Pia­cen­ti­ni, 55 anni, di cui 13 in Apple e 16 in Ama­zon, è Com­mis­sa­rio straor­di­na­rio per l’at­tua­zio­ne del­l’A­gen­da Digi­ta­le. Attual­men­te è anco­ra dipen­den­te Ama­zon), Face­book, Goo­gle, Apple, Micro­soft, IBM,… La sen­sa­zio­ne è che noi si rega­li il petro­lio a chi lo raf­fi­na e i sol­di, sto­ri­ca­men­te, li fa pro­prio chi il petro­lio lo raf­fi­na. Eppu­re ci sono PA che han­no rea­liz­za­to eccel­len­ze, è il caso per esem­pio di INAIL, INPS, Agen­zia del­le Entra­te.

La digi­ta­liz­za­zio­ne è una emer­gen­za nazio­na­le che nel­la PA si cer­ca di com­bat­te­re in modo assur­do, a inva­rian­za finan­zia­ria. E che sia un emer­gen­za è reso ogget­ti­vo dal DESI 2017 (Digi­tal Eco­no­my and Socie­ty Index 2017) in cui l’I­ta­lia è al 25esimo posto. “Per quan­to riguar­da l’u­ti­liz­zo del­le tec­no­lo­gie digi­ta­li da par­te del­le impre­se e l’e­ro­ga­zio­ne di ser­vi­zi pub­bli­ci onli­ne – si leg­ge nel­la descri­zio­ne a cor­re­do degli indi­ci — l’I­ta­lia si avvi­ci­na alla media. Rispet­to all’an­no scor­so ha fat­to pro­gres­si in mate­ria di con­net­ti­vi­tà, in par­ti­co­la­re gra­zie al miglio­ra­men­to del­l’ac­ces­so alle reti NGA (Next Gene­ra­tion Access: è la nuo­va gene­ra­zio­ne di acce­si, vale a dire acces­si distri­bui­ti su una rete in fibra otti­ca (FTTH o VDSL) : dai 20 mega di un’AD­SL fino a 100 mega). Tut­ta­via, gli scar­si risul­ta­ti in ter­mi­ni di com­pe­ten­ze digi­ta­li rischia­no di fre­na­re l’ul­te­rio­re svi­lup­po del­l’e­co­no­mia e del­la socie­tà digi­ta­li”. Nell’uso di inter­net: “le atti­vi­tà onli­ne – pro­se­gue — effet­tua­te dagli inter­nau­ti ita­lia­ni sono di mol­to infe­rio­ri alla media del­l’UE. L’I­ta­lia si col­lo­ca al 27esimo posto su 28”. Male fac­cia­mo anche nei Ser­vi­zi pub­bli­ci digi­ta­li in cui: “l’I­ta­lia regi­stra buo­ni risul­ta­ti per quan­to riguar­da l’e­ro­ga­zio­ne onli­ne dei ser­vi­zi pub­bli­ci (com­ple­ta­men­to di ser­vi­zi onli­ne) e i dati aper­ti (open data), ma pre­sen­ta uno dei livel­li più bas­si di uti­liz­zo dei ser­vi­zi di e‑government in Euro­pa”. Sia­mo infat­ti 25esimi su 28 e in discesa.

«L’u­ni­ca cosa fat­ta ad oggi — spie­ga Andrea Lisi, Avvo­ca­to e Pre­si­den­te Asso­cia­zio­ne Nazio­na­le per Ope­ra­to­ri e Respon­sa­bi­li del­la Con­ser­va­zio­ne Digi­ta­le (Anorc) Pro­fes­sio­ni — è l’en­ne­si­ma modi­fi­ca al vec­chio Codi­ce del­l’am­mi­ni­stra­zio­ne digi­ta­le. Modi­fi­ca che — pro­po­si­to di tra­spa­ren­za tan­to sban­die­ra­ta — è sta­ta par­to­ri­ta a por­te tenu­te ben chiu­se e già com­men­ta­ta come una “rivo­lu­zio­ne” dagli auto­ri del­la stes­sa pri­ma anco­ra che il testo sia reso dispo­ni­bi­le e  pub­bli­ca­to in Gaz­zet­ta Uffi­cia­le. Stia­mo facen­do di tut­to in veri­tà per bloc­car­la la digi­ta­liz­za­zio­ne (quel­la seria e rea­le) nel nostro Pae­se».

In que­sto sce­na­rio ci sono alcu­ni pro­get­ti sim­bo­lo che foto­gra­fa­no le nostre dif­fi­col­tà e dei qua­li biso­gne­reb­be chie­de­re conto.

Il pri­mo è l’Ana­gra­fe Nazio­na­le del­la Popo­la­zio­ne Resi­den­te (ANPR), la ban­ca dati nazio­na­le nel­la qua­le far con­flui­re i dati ana­gra­fi­ci di tut­ti i resi­den­ti in Ita­lia e degli ita­lia­ni resi­den­ti all’estero, che dove­va esse­re rea­liz­za­to entro il 2014. Nel 2017 si sco­pre che solo il comu­ne di Bagna­ca­val­lo ave­va ade­ri­to. Da mar­zo sono ripre­se le migra­zio­ni ver­so ANPR e oggi, rispet­to agli oltre 8.000, sono atti­vi sull’Anagrafe Nazio­na­le del­la Popo­la­zio­ne Resi­den­te solo 10 Comu­ni: 230.000 abitanti…

Inte­res­san­te anche il caso del Siste­ma Infor­ma­ti­vo Agri­co­lo Nazio­na­le (SIAN), la ban­ca dati del set­to­re agri­co­lo e fore­sta­le, che costan­do 85 milio­ni di euro l’anno è già giun­to a 780 in 10 anni. Ad oggi nes­su­no può valu­ta­re cosa è sta­to fat­to, al pun­to che ades­so Con­sip lo ha divi­so in 4 lot­ti il cui pri­mo è il moni­to­rag­gio del nuo­vo pro­get­to. Que­sto Data­ba­se è una infra­strut­tu­ra fon­da­men­ta­le la cui assen­za fa per­de­re con­tri­bu­ti comu­ni­ta­ri su agri­col­tu­ra e dis­se­sto idrogeologico.

Altro caso ecla­tan­te è quel­lo lega­to alla ali­men­ta­zio­ne dei dati rela­ti­vi alla gestio­ne degli arri­vi dei migran­ti. Ad oggi sono pro­dot­ti con fogli Excel zep­pi di dati spor­chi sui qua­li vie­ne fat­ta una suc­ces­si­va lavo­ra­zio­ne manua­le che pro­du­ce la man­can­za di dati just in time.

In tut­to ciò, nono­stan­te l’articolo 17 del­lo sfor­tu­na­to Codi­ce del­la Ammi­ni­stra­zio­ne Digi­ta­le, che cam­bia ogni 3–6 mesi, l’ul­ti­ma del­le qua­li l’11 dicem­bre, man­ca evi­den­te­men­te chi svol­ge il com­pi­to di pun­go­lo e moni­to­rag­gio. E’ evi­den­te che non basta la “Com­mis­sio­ne Par­la­men­ta­re di Inchie­sta sul livel­lo di digi­ta­liz­za­zio­ne e inno­va­zio­ne del­le pub­bli­che ammi­ni­stra­zio­ni e sugli inve­sti­men­ti com­ples­si­vi riguar­dan­ti il set­to­re del­le tec­no­lo­gie del­l’in­for­ma­zio­ne e del­la comu­ni­ca­zio­ne”, è neces­sa­rio asse­gna­re mag­gio­ri pote­ri a Con­sip e all’ANAC.

Anche in que­sta leg­ge di bilan­cio con­ti­nua a sfug­gi­re quan­to i ser­vi­zi digi­ta­li sia­no fon­da­men­ta­li per la cre­sci­ta del pae­se: solo l’ul­ti­ma mani­fe­sta­zio­ne del defi­cit di sen­si­bi­li­tà nazio­na­le sul tema. Signi­fi­ca­ti­vo, in que­sto sen­so, è un esem­pio desun­to da “Indu­stria 4.0” che non pre­ve­de l’assegnazione di van­tag­gi fisca­li per le azien­de che met­to­no i pro­pri dati sul cloud, ma a quel­le che lo for­ni­sco­no il cloud. For­se per­ché la rap­pre­sen­tan­za degli indu­stria­li del set­to­re è fat­ta solo da quel­le gran­di aziende.

Quel­lo dei ser­vi­zi digi­ta­li è dav­ve­ro un tema cen­tra­le la cui por­ta­ta in Ita­lia sfug­ge. Eppu­re è ormai chia­ro che nel­lo sce­na­rio glo­ba­le i dati nel XXI seco­lo han­no la stes­sa valen­za del petro­lio nel ven­te­si­mo, così come le Big Four nel­la eco­no­mia mon­dia­le oggi sono domi­nan­ti quan­to lo era­no le Set­te Sorel­le all’epoca. Oggi, infat­ti, esi­sto­no enti­tà che pren­do­no il pos­ses­so del nostro sen­ti­re, con­ge­la­to attra­ver­so i com­por­ta­men­ti che rea­liz­zia­mo uti­liz­zan­do i nostri devi­ces. E quin­di al pun­to (ini­zia­le) in cui sia­mo, quan­to è pere­gri­no l’in­ter­ro­ga­ti­vo di Raf­fae­le Bar­be­rio, pre­si­den­te di Pri­va­cy Ita­lia: “Ma non è que­sta la guer­ra com­mer­cia­le più gran­de del­la storia?”.

Arman­do Mira­bel­la[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.