Un paese per donne, contro il disegno regressivo del World Congress of Families

C’è un dise­gno vio­len­to e regres­si­vo che riguar­da tut­te noi.

È il dise­gno di chi imma­gi­na le don­ne solo in due modi: chiu­se in casa, o nel­le case chiu­se, come abbia­mo scrit­to com­men­tan­do la recen­te pro­po­sta del­la Lega.

È il dise­gno di chi, sedu­to a un tavo­lo a sti­la­re il “con­trat­to di gover­no”, non ha mai par­la­to di “don­ne”, ma solo di “madri”.

È il dise­gno di chi, scri­ven­do la mano­vra eco­no­mi­ca, non ha avu­to alcun inte­res­se a inse­ri­re una visio­ne che tenes­se con­to dei dirit­ti del­le don­ne, inter­ve­nen­do anzi in manie­ra sur­rea­le con­tro di loro: dal respin­gi­men­to del­la tam­pon tax (che ha lascia­to l’Iva sui pro­dot­ti per l’igiene fem­mi­ni­le al 22%, come fos­se­ro beni di lus­so) alla man­can­za di una stra­te­gia per la lot­ta alla dispa­ri­tà sala­ria­le e per rimuo­ve­re la discri­mi­na­zio­ne che fa sì — anco­ra oggi — mol­to più faci­le che a fare car­rie­ra sia­no gli uomini.

È un dise­gno che si vede nel­la ste­su­ra e nel model­lo cul­tu­ra­le che sta die­tro al DDL Pil­lon: un dise­gno di leg­ge che vuo­le stra­vol­ge­re il dirit­to di fami­glia, sen­za tene­re con­to del­le tre­men­de dispa­ri­tà di gene­re che anco­ra oggi ci sono in que­sto pae­se, anzi, pena­liz­zan­do ulte­rior­men­te il coniu­ge “debo­le” (che i dati ci dico­no esse­re oggi anco­ra qua­si sem­pre la don­na). Un dise­gno di leg­ge che va cesti­na­to, non miglio­ra­to, per­ché par­te da una base ideo­lo­gi­ca sba­glia­ta e oscurantista.

È un dise­gno che non si fer­ma solo alle don­ne, ma ha nel miri­no tan­te sog­get­ti­vi­tà: le per­so­ne LGBTI+ e le fami­glie arco­ba­le­no, la cui stes­sa esi­sten­za vie­ne nega­ta, nel ten­ta­ti­vo sub­do­lo e peri­co­lo­so di scre­di­ta­re l’omogenitorialità.

È un dise­gno che ha tro­va­to un ter­re­no fer­ti­le a Vero­na, in quel labo­ra­to­rio dei lega­mi tra la Lega e la destra più estre­ma (per­si­no più estre­ma del­la Lega), che muo­ve l’at­tac­co ai dirit­ti del­le don­ne, a par­ti­re dal­le mozio­ni che limi­ta­no il dirit­to all’interruzione volon­ta­ria di gra­vi­dan­za (una del­le qua­li appro­va­ta il 6 otto­bre scor­so) e che si mani­fe­ste­rà anco­ra, dal 29 mar­zo al 31, con l’organizzazione del World Con­gress of Fami­lies. Il dise­gno qui è mon­dia­le, con­cen­tra­to e spa­ra­to in fac­cia al pub­bli­co, in una mani­fe­sta­zio­ne che riu­ni­rà nel­la stes­sa cit­tà e intor­no allo stes­so tavo­lo varie asso­cia­zio­ni pro-life e anti-LGB­TI+, e che ha otte­nu­to il patro­ci­nio del­la pro­vin­cia di Vero­na, del­la Regio­ne Vene­to, del Mini­ste­ro del­la Fami­glia e del­la Pre­si­den­za del Con­si­glio dei Mini­stri.

È un dise­gno che non è cer­to nato oggi, tes­su­to da varie orga­niz­za­zio­ni, rami­fi­ca­te e col­le­ga­te dai diver­si ango­li del mon­do: orga­niz­za­zio­ni rus­se e fami­glie ben note in Ita­lia per la loro atti­vi­tà poli­ti­ca neo­fa­sci­sta, da anni, asso­cia­zio­ni ame­ri­ca­ne ultra con­ser­va­tri­ci. Lo ha spie­ga­to bene un arti­co­lo di Jen­ni­fer Guer­ra, su The Vision:

C’è una rete che col­le­ga il World Con­gress of Fami­lies con la Rus­sia di Putin, i grup­pi pro life e l’estrema destra euro­pea, Ita­lia com­pre­sa. Da dove pren­de i sol­di il WCF per orga­niz­za­re tut­te que­ste atti­vi­tà? Secon­do un’inchiesta dell’Human Rights Cam­pai­gn, la lob­by sta­tu­ni­ten­se ha un bud­get annua­le di 216 milio­ni di dol­la­ri. 200mila arri­va­no dall’Howard Cen­ter. […] La mag­gior par­te dei fon­di arri­ve­reb­be­ro da quel­lo che da sem­pre è il pri­mo allea­to dell’organizzazione, la Russia. […]

Dal 2011, l’attività di lob­by­ing del WCF ha comin­cia­to a inter­ve­ni­re in modo pesan­te nel­la poli­ti­ca rus­sa, gra­zie all’intercessione pro­prio di quell’Alexey Komov che due anni dopo sarà a Tori­no ad applau­di­re l’elezione di Sal­vi­ni a segre­ta­rio del­la Lega nord. […]

Ale­xey Komov è al sol­do di Kon­stan­tin Malo­feev, un miliar­da­rio fon­da­to­re del fon­do d’investimento Mar­shall Capi­tal Part­ners e socio del­la più gran­de com­pa­gnia tele­fo­ni­ca del Pae­se, Roste­le­com (uno dei prin­ci­pa­li spon­sor del­le Olim­pia­di inver­na­li di Sochi nel 2014, quel­le del rischio boi­cot­tag­giodovu­to anche alla leg­ge anti-gay russa). […]

La cha­ri­ty di Malo­feev, la fon­da­zio­ne San Basi­lio Magno, ha un bud­get di oltre 40 milio­ni di dol­la­ri (la più ric­ca in Rus­sia) ed è tra i prin­ci­pa­li finan­zia­to­ri di Citi­zen­Go, l’associazione pro life fon­da­ta dall’ex fran­chi­sta spa­gno­lo Igna­cio Arsua­ga, che in Ita­lia ave­va fat­to par­la­re di sé per i mani­fe­sti in cui para­go­na­va l’aborto al fem­mi­ni­ci­dio. Ci arriveremo. […]

Sono tre le asso­cia­zio­ni ita­lia­ne che fan­no par­te di Citi­zen­Go: Gene­ra­zio­ne Fami­glia, Comi­ta­to Difen­dia­mo i Nostri Figli e Pro­Vi­ta Onlus. Por­ta­vo­ce di Pro­Vi­ta Onlus è Ales­san­dro Fio­re, figlio del capo di For­za Nuo­va Rober­to Fio­re. Potreb­be esse­re sol­tan­to una casua­li­tà, ma la con­nes­sio­ne tra i rus­si (e in par­ti­co­la­re Komov) e la fami­glia Fio­re è con­cla­ma­ta.”

Con­tro que­sto dise­gno Pos­si­bi­le met­te­rà in cam­po il suo DNA fem­mi­ni­sta: per­ché i dirit­ti del­le don­ne non sono una que­stio­ne mar­gi­na­le, come anco­ra da tan­ti vie­ne trat­ta­ta, o un capi­to­lo in un pro­gram­ma (il pri­mo a fini­re in cas­set­to quan­do l’o­pe­ra­zio­ne di pin­k­wa­shing è  com­piu­ta) ma una mis­sio­ne cul­tu­ra­le e una stra­te­gia essen­zia­le, che attra­ver­sa tut­ta la nostra pro­po­sta poli­ti­ca. E tut­ti i temi: lavo­ro, salu­te, demo­cra­zia, dirit­ti civi­li e sociali.

Con­tro que­sto dise­gno con­ti­nue­re­mo a lot­ta­re per­ché le nostre pro­po­ste (dal­la spe­sa “alla pari” alla pro­mo­zio­ne di una stra­te­gia anti­di­scri­mi­na­to­ria nei con­fron­ti di chi deci­de di intra­pren­de­re il per­cor­so dell’interruzione volon­ta­ria di gra­vi­dan­za, pas­san­do per l’educazione alle dif­fe­ren­ze) diven­ti­no patri­mo­nio di tut­te e tut­ti. E con­ti­nue­re­mo a mobi­li­tar­ci, a ini­zia­re dal­lo scio­pe­ro glo­ba­le tran­sfem­mi­ni­sta dell’8 mar­zo, pro­se­guen­do fino al World Con­gress of Fami­lies di Vero­na e andan­do oltre, per­ché “l’ot­to con­ti­nua” tut­to l’anno.

Per costrui­re insie­me #unpae­se­per­don­ne, un pae­se più giu­sto.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.