Tornare a casa: un diritto anche per i siciliani

Pubblichiamo la lettera di Antonio, che è diventata una petizione che potete sottoscrivere qui, dando voce a chi, come molti fuorisede per studio o lavoro, è in difficoltà nel rientrare a casa, nonostante voglia farlo rispettando la sicurezza propria e altrui e nelle modalità e tempistiche consentite dai decreti. 

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Pub­bli­chia­mo la let­te­ra di Anto­nio, che è diven­ta­ta una peti­zio­ne che pote­te sot­to­scri­ve­re qui, dan­do voce a chi, come mol­ti fuo­ri­se­de per stu­dio o lavo­ro, è in dif­fi­col­tà nel rien­tra­re a casa, nono­stan­te voglia far­lo rispet­tan­do la sicu­rez­za pro­pria e altrui e nel­le moda­li­tà e tem­pi­sti­che con­sen­ti­te dai decreti. 

 

TORNARE A CASA È UN DIRITTO PER TUTTI

Gen­ti­le pre­si­den­te del Con­si­glio, gen­ti­le pre­si­den­te di Regio­ne e gen­ti­li ministri,

mi chia­mo Anto­nio Alta­mo­re e sono uno stu­den­te resi­den­te a Gram­mi­che­le, in pro­vin­cia di Cata­nia. Scri­vo a nome di mol­ti sici­lia­ni che pur­trop­po si tro­va­no nel­la mia stes­sa situa­zio­ne e che spe­ro deci­de­ran­no di fir­ma­re que­sta lettera.

Mi tro­vo attual­men­te a Tori­no, fuo­ri dal mio domi­ci­lio (Mila­no), dal 6 mar­zo. Sono rima­sto qui per sen­so di respon­sa­bi­li­tà, pur aven­do avu­to la pos­si­bi­li­tà di rien­tra­re nel comu­ne di resi­den­za con­tri­buen­do al pri­mo flus­so incon­trol­la­to di per­so­ne dal Nord al Sud, quan­do la situa­zio­ne sull’effettiva dif­fu­sio­ne del­la pan­de­mia non era anco­ra chiara.

Dopo il nuo­vo decre­to mini­ste­ria­le, in cui è data la pos­si­bi­li­tà di tor­na­re al domi­ci­lio o alla resi­den­za, ero pron­to a par­ti­re. Dap­pri­ma ave­vo pre­no­ta­to un volo Rya­nair per data 9 mag­gio, che è sta­to can­cel­la­to. Quin­di mi sono affret­ta­to a pre­no­ta­re un bus Flix­bus per il 4 mag­gio, trat­ta can­cel­la­ta dopo le paro­le di Musu­me­ci sul­la pro­ro­ga del­le limi­ta­zio­ni di traf­fi­co ver­so la Sici­lia fino al 17 mag­gio (con­fer­ma­ta dal­l’or­di­nan­za n.18 del 30 apri­le 2020).

Scri­vo per un pro­ble­ma che riguar­da miglia­ia di sici­lia­ni: per­ché non è data la pos­si­bi­li­tà di tor­na­re pres­so la pro­pria resi­den­za? In que­sto momen­to non vi sono solu­zio­ni vali­de per il ritor­no in Sici­lia, nean­che per chi ha moti­vi di salu­te o urgen­te neces­si­tà. Il decre­to nazio­na­le è chia­ro. Per­ché non è garan­ti­ta la pos­si­bi­li­tà di spo­star­ti all’interno del ter­ri­to­rio nazio­na­le come pre­vi­sto dal­la leg­ge attual­men­te in vigo­re? Non ci è data la pos­si­bi­li­tà di tor­na­re in sicu­rez­za, se non affit­tan­do una mac­chi­na, con costi che non tut­ti pos­so­no soste­ne­re. Inol­tre, aspet­tan­do anco­ra, si riman­da il pro­ble­ma, che si ripre­sen­te­rà non appe­na ver­rà deci­sa la ria­per­tu­ra del­la Regio­ne. Ci sono miglia­ia di sici­lia­ni che non pos­so­no più aspet­ta­re. Abbia­mo aspet­ta­to fino­ra, atte­nen­do­ci alle rego­le. Temia­mo che il 18 mag­gio pos­sa ripre­sen­tar­si la stes­sa pro­ble­ma­ti­ca di que­ste ore, con una nuo­va pro­ro­ga del­le limi­ta­zio­ni, o che ven­ga­no can­cel­la­ti – come già suc­ces­so – i voli pre­no­ta­bi­li per date suc­ces­si­ve al 17 mag­gio. Tor­na­re a casa, in sicu­rez­za, è un nostro diritto.

In sin­te­si, la nostra richie­sta è la seguen­te: vor­rem­mo che fos­se rispet­ta­to il decre­to nazio­na­le in vigo­re dal 4 mag­gio, che riguar­da la pos­si­bi­li­tà di rien­tro in sicu­rez­za pres­so la pro­pria resi­den­za o il pro­prio domi­ci­lio.

Vi rin­gra­zio per il vostro tem­po e per la vostra gen­ti­le atten­zio­ne. Con­fi­do in una rispo­sta e por­go cor­dia­li saluti,

Tori­no, 01/05/2020.

[LEGGI E FIRMA LA PETIZIONE LANCIATA DA ANTONIO]

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.