Tornare a casa: un diritto anche per i siciliani

Pubblichiamo la lettera di Antonio, che è diventata una petizione che potete sottoscrivere qui, dando voce a chi, come molti fuorisede per studio o lavoro, è in difficoltà nel rientrare a casa, nonostante voglia farlo rispettando la sicurezza propria e altrui e nelle modalità e tempistiche consentite dai decreti. 

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Pub­bli­chia­mo la let­te­ra di Anto­nio, che è diven­ta­ta una peti­zio­ne che pote­te sot­to­scri­ve­re qui, dan­do voce a chi, come mol­ti fuo­ri­se­de per stu­dio o lavo­ro, è in dif­fi­col­tà nel rien­tra­re a casa, nono­stan­te voglia far­lo rispet­tan­do la sicu­rez­za pro­pria e altrui e nel­le moda­li­tà e tem­pi­sti­che con­sen­ti­te dai decreti. 

 

TORNARE A CASA È UN DIRITTO PER TUTTI

Gen­ti­le pre­si­den­te del Con­si­glio, gen­ti­le pre­si­den­te di Regio­ne e gen­ti­li ministri,

mi chia­mo Anto­nio Alta­mo­re e sono uno stu­den­te resi­den­te a Gram­mi­che­le, in pro­vin­cia di Cata­nia. Scri­vo a nome di mol­ti sici­lia­ni che pur­trop­po si tro­va­no nel­la mia stes­sa situa­zio­ne e che spe­ro deci­de­ran­no di fir­ma­re que­sta lettera.

Mi tro­vo attual­men­te a Tori­no, fuo­ri dal mio domi­ci­lio (Mila­no), dal 6 mar­zo. Sono rima­sto qui per sen­so di respon­sa­bi­li­tà, pur aven­do avu­to la pos­si­bi­li­tà di rien­tra­re nel comu­ne di resi­den­za con­tri­buen­do al pri­mo flus­so incon­trol­la­to di per­so­ne dal Nord al Sud, quan­do la situa­zio­ne sull’effettiva dif­fu­sio­ne del­la pan­de­mia non era anco­ra chiara.

Dopo il nuo­vo decre­to mini­ste­ria­le, in cui è data la pos­si­bi­li­tà di tor­na­re al domi­ci­lio o alla resi­den­za, ero pron­to a par­ti­re. Dap­pri­ma ave­vo pre­no­ta­to un volo Rya­nair per data 9 mag­gio, che è sta­to can­cel­la­to. Quin­di mi sono affret­ta­to a pre­no­ta­re un bus Flix­bus per il 4 mag­gio, trat­ta can­cel­la­ta dopo le paro­le di Musu­me­ci sul­la pro­ro­ga del­le limi­ta­zio­ni di traf­fi­co ver­so la Sici­lia fino al 17 mag­gio (con­fer­ma­ta dal­l’or­di­nan­za n.18 del 30 apri­le 2020).

Scri­vo per un pro­ble­ma che riguar­da miglia­ia di sici­lia­ni: per­ché non è data la pos­si­bi­li­tà di tor­na­re pres­so la pro­pria resi­den­za? In que­sto momen­to non vi sono solu­zio­ni vali­de per il ritor­no in Sici­lia, nean­che per chi ha moti­vi di salu­te o urgen­te neces­si­tà. Il decre­to nazio­na­le è chia­ro. Per­ché non è garan­ti­ta la pos­si­bi­li­tà di spo­star­ti all’interno del ter­ri­to­rio nazio­na­le come pre­vi­sto dal­la leg­ge attual­men­te in vigo­re? Non ci è data la pos­si­bi­li­tà di tor­na­re in sicu­rez­za, se non affit­tan­do una mac­chi­na, con costi che non tut­ti pos­so­no soste­ne­re. Inol­tre, aspet­tan­do anco­ra, si riman­da il pro­ble­ma, che si ripre­sen­te­rà non appe­na ver­rà deci­sa la ria­per­tu­ra del­la Regio­ne. Ci sono miglia­ia di sici­lia­ni che non pos­so­no più aspet­ta­re. Abbia­mo aspet­ta­to fino­ra, atte­nen­do­ci alle rego­le. Temia­mo che il 18 mag­gio pos­sa ripre­sen­tar­si la stes­sa pro­ble­ma­ti­ca di que­ste ore, con una nuo­va pro­ro­ga del­le limi­ta­zio­ni, o che ven­ga­no can­cel­la­ti – come già suc­ces­so – i voli pre­no­ta­bi­li per date suc­ces­si­ve al 17 mag­gio. Tor­na­re a casa, in sicu­rez­za, è un nostro diritto.

In sin­te­si, la nostra richie­sta è la seguen­te: vor­rem­mo che fos­se rispet­ta­to il decre­to nazio­na­le in vigo­re dal 4 mag­gio, che riguar­da la pos­si­bi­li­tà di rien­tro in sicu­rez­za pres­so la pro­pria resi­den­za o il pro­prio domi­ci­lio.

Vi rin­gra­zio per il vostro tem­po e per la vostra gen­ti­le atten­zio­ne. Con­fi­do in una rispo­sta e por­go cor­dia­li saluti,

Tori­no, 01/05/2020.

[LEGGI E FIRMA LA PETIZIONE LANCIATA DA ANTONIO]

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.