A settembre torniamo a scuola o torniamo alla fase 1?

Nell’attesa, una cosa è certa: anche per il rientro a scuola, come chiediamo da settimane per tutto il resto, non si potrà prescindere da un uso capillare dei tamponi per testare le persone e isolare quelle positive al Coronavirus. Sono indispensabili, soprattutto alla luce del fatto che riaprire le scuole significherà movimentare ogni giorno dodici milioni di persone, tra studenti, personale e famiglie.    

Ieri, nel cor­so di un’intervista su Sky Tg 24, la Mini­stra all’Istruzione Azzo­li­na ha annun­cia­to a sor­pre­sa (del­lo stes­so Par­la­men­to) lo sce­na­rio più pro­ba­bi­le allo stu­dio del­la Task For­ce per la ripre­sa del­la scuo­la da set­tem­bre. Non dop­pi tur­ni, ha spe­ci­fi­ca­to, ma clas­si divi­se: tre gior­ni una metà di alun­ni saran­no fisi­ca­men­te in aula e l’altra metà col­le­ga­ta onli­ne, gli altri tre gior­ni si scam­bie­ran­no. Det­ta così, la pro­po­sta non fun­zio­na, per una serie di que­stio­ni che la Mini­stra dovreb­be cono­sce­re bene, da docen­te. La pri­ma è che è impos­si­bi­le inte­ra­gi­re con un grup­po in pre­sen­za e con­tem­po­ra­nea­men­te con quel­lo a casa: inse­gnan­ti mul­ti­ta­sking sì, ma qui si esa­ge­ra. La didat­ti­ca a distan­za non può esse­re limi­ta­ta alla frui­zio­ne pas­si­va di una lezio­ne ad altri, non può esclu­de­re doman­de e appro­fon­di­men­ti dei sin­go­li. Sen­nò è come guar­da­re un film, con com­pa­gni e inse­gnan­ti come pro­ta­go­ni­sti. Nem­me­no alter­na­re i grup­pi a gior­ni fun­zio­na, se pen­sia­mo agli inse­gnan­ti con una o due ore per clas­se, ma a que­sto, nel caso, è il mino­re dei pro­ble­mi, si può ovvia­re con alter­nan­ze set­ti­ma­na­li. La DAD deve pre­ve­de­re, per esse­re effi­ca­ce,  una diver­sa pre­pa­ra­zio­ne del­le lezio­ni e dei mate­ria­li: non è sovrap­po­ni­bi­le alla didat­ti­ca in pre­sen­za né per i con­te­nu­ti né per i tem­pi che sono più bre­vi. E a pro­po­si­to di tem­pi, non è pen­sa­bi­le che il grup­po a casa stia davan­ti a uno scher­mo 5/ 6 ore al gior­no, sareb­be dele­te­rio sia per la salu­te che per gli appren­di­men­ti. Da non tra­scu­ra­re, poi, la que­stio­ne del­le tele­ca­me­re in clas­se: non sono con­sen­ti­te, lo abbia­mo spie­ga­to tut­ti insie­me a Sal­vi­ni quan­do par­la­va di “sicu­rez­za” a modo suo, e nem­me­no in emer­gen­za si può igno­ra­re la deli­ca­tis­si­ma  que­stio­ne lega­ta alle ripre­se di inse­gnan­ti e di mino­ri,  alcu­ni con disa­bi­li­tà o com­por­ta­men­ti desue­ti che diver­reb­be­ro ogget­to di giu­di­zio del­le fami­glie. La solu­zio­ne non è faci­le da tro­va­re, ma l’impressione è che si con­ti­nui a pro­get­ta­re come se fos­si­mo anco­ra nel­la pri­ma fase di emer­gen­za e non doves­si­mo deci­de­re, inve­ce, come sarà la scuo­la ita­lia­na per un las­so di tem­po medio — lun­go. Cre­dia­mo si deb­ba ragio­na­re su due pia­ni: quel­lo peda­go­gi­co e quel­lo dell’efficacia didat­ti­ca, entram­bi all’insegna del­la sicu­rez­za sani­ta­ria. For­se allo­ra la pri­ma cosa da fare è distin­gue­re gli alun­ni e le alun­ne per fascia d’età e per ordi­ne e gra­do di istru­zio­ne, non si pos­so­no imma­gi­na­re le stes­se solu­zio­ni per bam­bi­ne e bam­bi­ni del­la scuo­la d’infanzia e pri­ma­ria e per stu­den­ti del­le scuo­la secon­da­ria di pri­mo e secon­do gra­do. La mini­stra sem­bra ave­re in men­te solo solu­zio­ni adat­te a stu­den­ti gran­di, auto­no­mi nel meto­do di stu­dio e nell’utilizzo degli stru­men­ti tec­no­lo­gi­ci: man­ca total­men­te una pro­spet­ti­va per i più pic­co­li che in que­sti mesi, se han­no avu­to la for­tu­na di ave­re un con­tat­to con la scuo­la, lo han­no fat­to con l’assistenza con­ti­nua del­la fami­glia. E non si par­la affat­to di stu­den­ti con disa­bi­li­tà, per i qua­li occor­re pre­ve­de­re solu­zio­ni effi­ca­ci che con­sen­ta­no di rea­liz­za­re i pia­ni edu­ca­ti­vi pre­vi­sti per cia­scu­no. Bam­bi­ne e bam­bi­ni  han­no la neces­si­tà di costrui­re rela­zio­ni con adul­ti e com­pa­gni a scuo­la, per­ché la fisi­ci­tà è par­te inte­gran­te del­la for­ma­zio­ne del­la per­so­na. Per far­li tor­na­re a scuo­la a set­tem­bre, però, le scuo­le già oggi dovreb­be­ro pul­lu­la­re di adul­ti che pro­get­ta­no spa­zi, rica­va­no e spo­sta­no aule, anche per pic­co­li grup­pi. Pro­fes­sio­ni­sti dell’edilizia e del­la scuo­la che lavo­ra­no insie­me a rap­pre­sen­tan­ti degli enti loca­li. Ci sono tan­ti spa­zi cit­ta­di­ni da ria­dat­ta­re per fare scuo­la: van­no cen­si­ti, siste­ma­ti e mes­si a nor­ma per acco­glie­re le atti­vi­tà didat­ti­che. La costru­zio­ne di modu­li pre­fab­bri­ca­ti è un’altra pos­si­bi­le stra­da da per­cor­re­re, come tan­te vol­te è acca­du­to in tem­pi record in occa­sio­ne dei ter­re­mo­ti e come si sta facen­do in que­ste set­ti­ma­ne sul pia­no sani­ta­rio con gli ospe­da­li da cam­po. Il reclu­ta­men­to degli inse­gnan­ti —  e ne ser­vi­ran­no tan­tis­si­mi, spe­cie se si ren­de­rà neces­sa­rio pro­se­gui­re anche solo in par­te con la DAD per i più gran­di e per pre­ve­de­re la com­pre­sen­za per i più pic­co­li —  deve rispon­de­re a cri­te­ri d’emergenza, così come è sta­to per quel­lo dei medi­ci. Un con­cor­so con pro­ve in pre­sen­za, duran­te la pan­de­mia, non è pen­sa­bi­le, né per il rischio sani­ta­rio che com­por­te­reb­be far muo­ve­re 300000 can­di­da­ti su e giù per il Pae­se, né per i tem­pi ristret­ti che non con­sen­ti­reb­be­ro di ave­re in cat­te­dra gli inse­gnan­ti a set­tem­bre. Data l’emergenza occor­re digi­ta­liz­za­re la pro­ce­du­ra per le gra­dua­to­rie d’Istituto sen­za per­de­re altre set­ti­ma­ne pre­zio­se e rive­de­re i ban­di con­cor­sua­li, pre­ve­den­do­li per tito­li ed esa­mi, con for­ma­zio­ne in iti­ne­re ed esa­me ora­le a fine anno di pro­va. C’è biso­gno di tan­ti inse­gnan­ti, dice­va­mo, ma per assu­mer­li ci voglio­no risor­se. Secon­do la Cisl Scuo­la, assu­me­re a tem­po deter­mi­na­to per 10 mesi il per­so­na­le neces­sa­rio per l’organico di scuo­la d’infanzia e pri­ma­ria coste­reb­be 3 miliar­di, a cui aggiun­ge­re i costi del per­so­na­le ATA e gli altri ordi­ni di scuo­la. Ci augu­ria­mo che i tavo­li di esper­ti rispon­da­no al più pre­sto chia­ren­do alcu­ni aspet­ti che oggi risul­ta­no in con­trad­di­zio­ne: men­tre il pre­si­den­te del­la task for­ce Patri­zio Bian­chi par­la di clas­si di 10- 12 alun­ni, la Mini­stra ha det­to chia­ra­men­te che non pre­ve­de un rad­dop­pio degli orga­ni­ci. Nell’attesa, una cosa è cer­ta: anche per il rien­tro a scuo­la, come chie­dia­mo da set­ti­ma­ne per tut­to il resto, non si potrà pre­scin­de­re da un uso capil­la­re dei tam­po­ni per testa­re le per­so­ne e iso­la­re quel­le posi­ti­ve al Coro­na­vi­rus. Sono indi­spen­sa­bi­li, soprat­tut­to alla luce del fat­to che ria­pri­re le scuo­le signi­fi­che­rà movi­men­ta­re ogni gior­no dodi­ci milio­ni di per­so­ne, tra stu­den­ti, per­so­na­le e fami­glie.    

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.