Tiriamoci fuori dal fango

Nell’estate del fan­go e dopo ciò che è acca­du­to ieri è anco­ra più impor­tan­te la cam­pa­gna #anti­fa che Pos­si­bi­le pro­muo­ve sul web e non solo.

Un grup­po Face­book per mobi­li­tar­si, un lavo­ro accu­ra­to di con­tro­in­for­ma­zio­ne, la pre­sa di paro­la e di posi­zio­ne in un momen­to in cui sale il tas­so di raz­zi­smo, di ses­si­smo, di vio­len­za, che non è mai solo verbale.

Una cam­pa­gna fat­ta non solo di con­tra­sto, neces­sa­rio e impre­scin­di­bi­le, del­le schi­fez­ze che sem­bra­no attra­ver­sa­re tut­ti gli schie­ra­men­ti poli­ti­ci, ma anche di pro­po­ste e di solu­zio­ni, per far sal­ta­re lo sche­ma del­la guer­ra tra pove­ri, all’insegna del­la qua­le chi non sta bene se la pren­de con chi sta peg­gio, pen­san­do così di risol­ve­re i problemi.

Pro­po­ste per un’accoglienza rigo­ro­sa, come quel­le che abbia­mo avan­za­to in que­sti anni. Un testo uni­co per l’immigrazione, che supe­ri l’incertezza del­le leg­gi in vigo­re, in mol­ti casi cri­mi­no­ge­na e del tut­to ina­de­gua­te: sono le leg­gi del­la destra che il gover­no del­le lar­ghe inte­se non ha inte­so cambiare.

Pro­po­ste per un soste­gno alla pover­tà che diven­ti una stra­te­gia socia­le di ampio spet­tro, per il riscat­to degli ulti­mi. Pro­po­ste per tro­va­re risor­se — ingen­ti — per la casa, per dar­la a chi non ce l’ha e per soste­ne­re chi non rie­sce più a paga­re il pro­prio mutuo.

Pro­po­ste per un mer­ca­to del lavo­ro in cui non è più accet­ta­bi­le che si lavo­ri per pochi euro, mol­to spes­so in nero o in gri­gio, in cui la mano­do­pe­ra è con­si­de­ra­ta una mer­ce e la mer­ce meno pre­zio­sa, che si può con­ti­nua­men­te svalutare.

Pro­po­ste per ridur­re il cari­co e il cuneo fisca­li, a fron­te di un impe­gno per il con­tra­sto dell’evasione — che è sorel­la del lavo­ro nero — e di una rivi­si­ta­zio­ne del­la pro­gres­si­vi­tà fisca­le.

Sono pro­po­ste che tro­va­te già nel «Mani­fe­sto» di Pos­si­bi­le e che — sole — pos­so­no con­tri­bui­re a ridur­re le disua­gua­glian­ze, a eli­mi­na­re i mol­ti ele­men­ti di con­cor­ren­za slea­le che il siste­ma eco­no­mi­co ita­lia­no cono­sce, a ren­de­re la nostra socie­tà più giu­sta. Per tut­te e per tutti.

Mani­fe­sta­te­vi anche voi. Ne abbia­mo biso­gno tut­ti quanti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.