Terremoto a Durazzo: l’Albania tra la tragedia e la solidarietà

L’Albania è il Paese balcanico con più legami storici con l’Italia, dove è maggiormente diffusa la lingua italiana, e dove i rapporti economici e commerciali con il nostro Paese si realizzano da tempo immemorabile. È un Paese in pieno boom economico con un livello di istruzione superiore alla media UE e ampi spazi per investimenti in vari settori, dove operano anche 2400 imprese italiane. 

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Il ter­re­mo­to di magni­tu­do 6,4 del 26 novem­bre 2019 ha col­pi­to nel cuo­re del­la not­te e ha mes­so in ginoc­chio un pae­se che dopo innu­me­re­vo­li dif­fi­col­tà eco­no­mi­che e socia­li lavo­ra duro aspi­ran­do all’Europa. 

È sali­to a 49 il bilan­cio dei mor­ti, gli ulti­mi quat­tro cor­pi ritro­va­ti sono sta­ti estrat­ti dai Vigi­li del Fuo­co ita­lia­ni e sono quel­li di una mam­ma con i suoi tre bam­bi­ni, vol­to di que­sta ter­ri­bi­le tra­ge­dia. Sono 45 le per­so­ne trat­te in sal­vo e 750 i feri­ti. Le con­ti­nue scos­se, inve­ce, non per­met­to­no anco­ra di fare il bilan­cio dei dan­ni. Il con­so­le alba­ne­se Adrian Haskaj, com­mos­so, ha det­to da Bari: “Tut­ta l’Italia è in pie­di, come un fra­tel­lo. Ci foste sta­ti voi lì a Duraz­zo avre­ste sicu­ra­men­te sal­va­to tan­te vite”.

L’Albania è il Pae­se bal­ca­ni­co con più lega­mi sto­ri­ci con l’Italia, dove è mag­gior­men­te dif­fu­sa la lin­gua ita­lia­na, e dove i rap­por­ti eco­no­mi­ci e com­mer­cia­li con il nostro Pae­se si rea­liz­za­no da tem­po imme­mo­ra­bi­le. È un Pae­se in pie­no boom eco­no­mi­co con un livel­lo di istru­zio­ne supe­rio­re alla media UE e ampi spa­zi per inve­sti­men­ti in vari set­to­ri, dove ope­ra­no anche 2400 impre­se italiane. 

Oltre ai rap­por­ti sto­ri­ci, Alba­nia e Ita­lia con­di­vi­do­no la stes­sa faglia tet­to­ni­ca. Per que­sto la vici­nan­za ita­lia­na, che sa bene cosa vuol dire affron­ta­re for­ti ter­re­mo­ti, in que­sti gior­ni è sta­ta imme­dia­ta e i Vigi­li del Fuo­co e le for­ze del­la Pro­te­zio­ne Civi­le lavo­ra­no inin­ter­rot­ta­men­te da gior­ni cer­can­do di limi­ta­re i danni. 

Lo stes­so Pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca, Ser­gio Mat­ta­rel­la, ha pron­ta­men­te chia­ma­to le auto­ri­tà alba­ne­si per espri­me­re vici­nan­za alla popo­la­zio­ne e prov­ve­de­re con gli aiu­ti necessari.

Il ter­re­mo­to di que­sti gior­ni ha col­pi­to Duraz­zo, la secon­da cit­tà per gran­dez­za in Alba­nia, uno dei cuo­ri del­lo svi­lup­po del Pae­se. Inu­ti­le dire che l’economia del­la cit­tà è para­liz­za­ta e Duraz­zo è in que­sti gior­ni una cit­tà fan­ta­sma; i suoi cit­ta­di­ni ela­bo­ra­no il lut­to lon­ta­ni dal­le pro­prie case, rifu­gian­do­si in altre cit­tà dell’Albania e del Kosovo. 

Intan­to nei pae­si del­la peri­fe­ria di Duraz­zo gli sfol­la­ti han­no anco­ra urgen­te biso­gno di beni pri­ma­ri come acqua, pane o coper­te per fare fron­te al freddo. 

C’è da sot­to­li­nea­re inol­tre, che gli alba­ne­si sono un popo­lo for­te­men­te lega­to alla pro­pria ter­ra. L’Al­ba­nia stes­sa ha lot­ta­to e sof­fer­to tan­to per que­sto ter­ri­to­rio del qua­le in que­sti gior­ni avreb­be dovu­to festeg­gia­re l’in­di­pen­den­za. Tut­ta­via, da que­sta tra­ge­dia il sen­ti­men­to di soli­da­rie­tà e duro lavo­ro che carat­te­riz­za il popo­lo alba­ne­se ha chia­ma­to a sé mol­tis­si­mi aiu­ti pro­ve­nien­ti dai pae­si vici­ni. Ita­lia­ni, Tur­chi, Sviz­ze­ri lavo­ra­no fian­co a fian­co alle for­ze alba­ne­si che non ha i mez­zi neces­sa­ri per far fron­te ad un disa­stro di tale por­ta­ta. Koso­va­ri e ser­bi non man­ca­no all’appello lavo­ran­do insie­me e supe­ran­do le avver­si­tà cau­sa­te dal­la guer­ra. La soli­da­rie­tà ha com­mos­so l’intero Pae­se, è sta­ta uno spi­ra­glio di luce in que­sti momen­ti così bui. La comu­ni­tà cit­ta­di­na e gli impren­di­to­ri loca­li han­no aper­to le pro­prie case o alber­ghi per dare allog­gio agli sfol­la­ti e mol­ti risto­ran­ti han­no lavo­ra­to duro facen­do fron­te alla pau­ra per pro­cu­ra­re da man­gia­re a chi ne ha avu­to bisogno. 

Ora, però, ini­zia la par­te più dif­fi­ci­le: la rico­stru­zio­ne del ter­ri­to­rio. Non man­che­rà il sen­so di comu­ni­tà e il corag­gio in Alba­nia ma le risor­se sono scar­se, soprat­tut­to per un pae­se che negli ulti­mi anni ha spe­so ogni sua ener­gia per lo svi­lup­po e ora si ritro­va sen­za risor­se e mez­zi per aiu­ta­re i suoi cittadini. 

Per que­sto moti­vo fac­cia­mo appel­lo alla comu­ni­tà ita­lia­na di non dimen­ti­ca­re il dolo­re che una cala­mi­tà natu­ra­le può cau­sa­re e a unir­si alla già gran­de soli­da­rie­tà, aiu­tan­do a rico­strui­re il futu­ro dei fra­tel­li e del­le sorel­le alba­ne­si che non scor­de­ran­no i gran­dis­si­mi aiu­ti che stan­no ricevendo.

Si può con­tri­bui­re al pri­mo soc­cor­so e alla rico­stru­zio­ne effet­tuan­do una dona­zio­ne alla rac­col­ta fon­di orga­niz­za­ta dal­la fon­da­zio­ne Fun­d­ja­vë Ndry­she.

Clicca qui per contribuire alla raccolta fondi

 

Jes­si Kume[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.