Sul contante meglio il bastone e la carota

Finalmente si torna a parlare di limitare l’uso del contante nei pagamenti in Italia, paese in cui l’evasione fiscale è endemica, quasi irrisolvibile. Ricordiamoci che il gettito perso per la sola evasione al dettaglio e nei consumi intermedi è stimato in circa 25 miliardi di euro ogni anno.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Final­men­te si tor­na a par­la­re di limi­ta­re l’uso del con­tan­te nei paga­men­ti in Ita­lia, pae­se in cui l’evasione fisca­le è ende­mi­ca, qua­si irri­sol­vi­bi­le. Ricor­dia­mo­ci che il get­ti­to per­so per la sola eva­sio­ne al det­ta­glio e nei con­su­mi inter­me­di è sti­ma­to in cir­ca 25 miliar­di di euro ogni anno.

Nel 2016, con la Leg­ge di Sta­bi­li­tà, il limi­te ai paga­men­ti in con­tan­ti veni­va fis­sa­to a 3mila euro, ben più del­la soglia pre­ce­den­te, che era pari a mil­le euro. L’esito di que­sta deci­sio­ne è sta­to un aumen­to dei paga­men­ti in con­tan­ti che, stan­do alle rile­va­zio­ni del­la Bce rac­col­te nel rap­por­to Stu­dy on the use of cash by hou­se­holds del novem­bre 2017 – con dati aggior­na­ti al 2016, sono pas­sa­ti da quo­ta 83% del 2012 all’85,9%. Tut­to ciò suc­ce­de men­tre nel mon­do i paga­men­ti elet­tro­ni­ci sono la rego­la e si stan­no dif­fon­den­do i paga­men­ti digi­ta­li effet­tua­ti tra­mi­te i devi­ce tele­fo­ni­ci, median­te le appli­ca­zio­ni. Come già altri­men­ti scrit­to, sul tele­fo­ni­no nei pros­si­mi 10 anni tran­si­te­rà alme­no il 20% di tut­ti i paga­men­ti effet­tua­ti nel nostro pae­se. Que­sto feno­me­no emer­gen­te dovreb­be sug­ge­ri­re l’urgenza di agi­re sul­la cyber­se­cu­ri­ty, sia nel­le tran­sa­zio­ni effet­ti­ve di dena­ro digi­ta­le, sia nel­la gestio­ne dei dati, a tut­ti i livel­li: per­so­ne fisi­che, pro­fes­sio­ni­sti, impre­se. Per assi­cu­ra­re la pie­na trac­cia­bi­li­tà ser­ve una infra­strut­tu­ra sicu­ra, se voglia­mo dav­ve­ro agi­re sul­le tran­sa­zio­ni inter­me­die e stroz­za­re le fon­ti di approv­vi­gio­na­men­to del­le atti­vi­tà cri­mi­na­li non­ché dell’economia som­mer­sa in sen­so più ampio.

Per ora il dibat­ti­to si è con­cen­tra­to fra due diver­se pro­po­ste espres­se da Con­fin­du­stria. Da un lato c’è chi pre­fe­ri­sce pena­liz­za­re l’uso del con­tan­te, a par­ti­re dal suo pre­lie­vo pres­so gli ATM o agli spor­tel­li, appor­tan­do un incre­men­to ai costi del­le com­mis­sio­ni. I cri­ti­ci di que­sta misu­ra dico­no che così si fa un favo­re alle ban­che. Que­sta misu­ra non può per­tan­to esse­re suf­fi­cien­te, se iso­la­ta. Deve cioè esse­re affian­ca­ta dal­la tota­le esen­zio­ne dal­le com­mis­sio­ni nei paga­men­ti con car­ta e nei paga­men­ti digi­ta­li alme­no sino alla cifra di 50 euro. Quin­di, da un lato le ban­che incre­men­ta­no gli introi­ti del­le com­mis­sio­ni, dall’altro le perdono.

C’è chi inve­ce vor­reb­be intro­dur­re un incen­ti­vo ai paga­men­ti digi­ta­li espres­so in un cre­di­to fisca­le pari al 2%, tut­ta­via la pro­po­sta ha dei risvol­ti un po’ inquie­tan­ti, in quan­to non sono chia­re le rica­du­te nei ter­mi­ni di rac­col­ta dati sul­le tran­sa­zio­ni mede­si­me e sul­la pri­va­cy del con­tri­buen­te. Di fat­to sareb­be l’esten­sio­ne del siste­ma del­la tes­se­ra sani­ta­ria, già in esse­re per le detra­zio­ni fisca­li attri­bui­te alle spe­se sani­ta­rie e per far­ma­ci, ma lo Sta­to sareb­be così in gra­do di trac­cia­re tut­te le scel­te di spe­sa dell’individuo.

Entram­be le misu­re van­no nel­la dire­zio­ne cor­ret­ta, ma a nostro modo di vede­re è neces­sa­rio anche abbas­sa­re il limi­te alla tran­sa­zio­ne in con­tan­ti a 500 euro.

Nes­su­no sino­ra ha avan­za­to ipo­te­si su come inter­ve­ni­re per ridur­re i costi dei POS a cari­co degli eser­cen­ti, i qua­li devo­no sob­bar­car­si il costo di instal­la­zio­ne (è un costo una tan­tum, l’acquisto dell’hardware e la spe­sa per l’installazione a domi­ci­lio), pari a cir­ca 80 euro; il cano­ne men­si­le (una som­ma fis­sa che oscil­la fra 10 e 24 euro al mese, per una media di 16 euro) paga­ta dall’esercente per il como­da­to d’uso del POS; la com­mis­sio­ne aggiun­ti­va per ban­co­mat (in media cir­ca 24 cen­te­si­mi che alcu­ni isti­tu­ti ban­ca­ri fan­no paga­re per cia­scu­na tran­sa­zio­ne ban­co­mat effet­tua­ta); infi­ne, le già cita­te com­mis­sio­ni per­cen­tua­li che l’esercente deve paga­re sul valo­re del­la tran­sa­zio­ne. Sono sta­te fis­sa­te dal Rego­la­men­to UE n.751/2015 (artt. 3 e 4) nel­la misu­ra del­lo 0,2% in caso di tran­sa­zio­ne ban­co­mat; del­lo 0,3%, in caso di tran­sa­zio­ne con car­ta di credito.

Come det­to in pre­ce­den­za, le com­mis­sio­ni pos­so­no esse­re ridot­te dra­sti­ca­men­te o azze­ra­te in vir­tù di quan­to dispo­sto dal­lo stes­so rego­la­men­to (artt. 3 e 4).

Dal lato dei costi di acqui­sto e instal­la­zio­ne, sul mer­ca­to sono già pre­sen­ti offer­te con for­ti ridu­zio­ni di costo e sen­za cano­ne e com­mis­sio­ni aggiun­ti­ve: si trat­ta di let­to­ri di ban­de magne­ti­che e di soft­ware capa­ci di tra­sfor­ma­re i dati iden­ti­fi­ca­ti­vi del­la car­ta di cre­di­to in segna­le audio. I ter­mi­na­li Mobi­le Pos, che impie­ga­no appli­ca­zio­ni su smart­pho­ne rap­pre­sen­ta­no già oggi solu­zio­ni alter­na­ti­ve al Pos tradizionale.

L’obiettivo del deci­so­re poli­ti­co deve esse­re quel­lo di sta­bi­li­re un requi­si­to di mini­ma per l’erogazione del ser­vi­zio, che dovreb­be per­ciò esse­re limi­ta­to alla ven­di­ta da par­te dell’istituto di Cre­di­to dell’hardware e del ser­vi­zio di instal­la­zio­ne. Qual­sia­si altra offer­ta che pre­ve­da il paga­men­to di cano­ni o di com­mis­sio­ni aggiun­ti­ve, dovrà esse­re con­trat­tual­men­te giu­sti­fi­ca­ta da un ser­vi­zio cor­ri­spet­ti­vo.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?