Stop finning: salvare gli squali e salvare noi stessi

Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 

di Caro­la Farci

Cer­to sia­mo tut­ti d’accordo che la gran­de prio­ri­tà del­la nostra epo­ca è la lot­ta ai cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci. Qual­cu­no scri­ve­va che pre­oc­cu­par­si di qual­sia­si altra cosa, oggi, equi­va­le a esse­re in appren­sio­ne per la lava­tri­ce che si è rot­ta men­tre nel sof­fit­to c’è un’enorme cre­pa che sta per far crol­la­re la casa. 

L’aumento del­la tem­pe­ra­tu­ra di più di un gra­do cen­ti­gra­do – che si pre­ve­de con­ti­nua­re a sali­re sino a rag­giun­ge­re, nel giro di vent’anni, 1.5 gra­di – por­ta con sé innu­me­re­vo­li con­se­guen­ze: il livel­lo dei mari sale ad una velo­ci­tà ver­ti­gi­no­sa rispet­to allo scor­so seco­lo; i ghiac­ciai si sciol­go­no; la Cor­ren­te del Gol­fo rischia di raf­fred­dar­si, lascian­do nel gelo nume­ro­si Pae­si. D’altro can­to, la deser­ti­fi­ca­zio­ne è una real­tà, le migra­zio­ni cli­ma­ti­che sono desti­na­te ad aumen­ta­re in manie­ra irre­ver­si­bi­le, crean­do pro­ba­bil­men­te impor­tan­ti con­flit­ti per le risor­se nei decen­ni a venire. 

Tut­to que­sto è rever­si­bi­le? Gli scien­zia­ti non paio­no esse­re d’accordo in meri­to. Cer­ta­men­te ognu­no di noi deve fare la sua par­te, ma esi­ge­re poli­ti­che green è diven­ta­to estre­ma­men­te urgente. 

Per que­sto una del­le pri­mis­si­me cose che pos­sia­mo fare è esi­ge­re che l’UE dica ‘stop’ al finning.

Cos’è il fin­ning? È la pra­ti­ca bru­ta­le di taglia­re le pin­ne agli squa­li, spes­so ribut­tan­do­li poi in mare muti­la­ti e quin­di impos­si­bi­li­ta­ti a respi­ra­re, nuo­ta­re, sopravvivere. 

Le pin­ne di squa­lo sono infat­ti alla base di un piat­to pre­li­ba­to, par­ti­co­lar­men­te in voga nell’Asia sud-orien­ta­le: la zup­pa di pin­ne di squa­lo. Per ave­re un’idea, un piat­to di zup­pa di pin­ne di squa­lo arri­va a costa­re anche 100 euro. Non pro­pria­men­te pro­le­ta­rio, dun­que. Eppu­re, per coc­co­la­re i pala­ti dei raf­fi­na­ti signo­ri orien­ta­li, ven­go­no ucci­si, ogni anno, cir­ca 73 milio­ni di squali.

E, seb­be­ne da noi le pin­ne di squa­lo non abbia­no alcu­no smer­cio, l’UE è uno dei mag­gio­ri ven­di­to­ri: cir­ca 3.500 ton­nel­la­te di pin­ne ven­go­no pesca­te nei nostri mari e ven­du­te ogni anno all’Asia. 

Essen­do all’apice del­la cate­na ali­men­ta­re, gli squa­li garan­ti­sco­no l’equilibrio del­la vita mari­na, evi­tan­do la sovrap­po­po­la­zio­ne di pesci medi e le rela­ti­ve con­se­guen­ze. Eppu­re si cal­co­la che, di que­sto pas­so, tra die­ci anni gli squa­li potreb­be­ro esse­re scom­par­si completamente. 

Se scom­pa­io­no gli squa­li, l’Oceano muo­re. Quel­lo stes­so Ocea­no che pro­du­ce il 50% dell’ossigeno che respi­ria­mo, e assor­be il 25% dell’anidride car­bo­ni­ca che emet­tia­mo. Se muo­re l’Oceano, moria­mo noi. 

Non ci resta, dun­que, che sal­va­re gli squali. 

Per que­sto è neces­sa­rio vota­re la cam­pa­gna Stop Fin­ning — Stop the Tra­de (#Sto­p­Fin­nin­gEU) che, sfrut­tan­do lo stru­men­to uffi­cia­le UE del­l’i­ni­zia­ti­va dei cit­ta­di­ni euro­pei, per­met­te­rà di por­ta­re in discus­sio­ne in Com­mis­sio­ne Euro­pea la pro­po­sta di proi­bi­re il com­mer­cio di pin­ne di squa­lo in Euro­pa. Per­ché l’i­ni­zia­ti­va abbia suc­ces­so però è neces­sa­rio arri­va­re ad un milio­ne di voti entro gen­na­io 2022 e a 55.000 voti in Italia.

Pro­teg­ge­re gli squa­li non è solo una lot­ta eti­ca per evi­ta­re un mas­sa­cro ad un ani­ma­le in via d’estinzione. È anche una guer­ra per la soprav­vi­ven­za: la nostra.

Qua sot­to il link per firmare: 

Home

Men­tre per ave­re mag­gio­ri informazioni:

Home

Ogni sin­go­lo voto conta!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.