Stop finning: salvare gli squali e salvare noi stessi

Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 

di Caro­la Farci

Cer­to sia­mo tut­ti d’accordo che la gran­de prio­ri­tà del­la nostra epo­ca è la lot­ta ai cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci. Qual­cu­no scri­ve­va che pre­oc­cu­par­si di qual­sia­si altra cosa, oggi, equi­va­le a esse­re in appren­sio­ne per la lava­tri­ce che si è rot­ta men­tre nel sof­fit­to c’è un’enorme cre­pa che sta per far crol­la­re la casa. 

L’aumento del­la tem­pe­ra­tu­ra di più di un gra­do cen­ti­gra­do – che si pre­ve­de con­ti­nua­re a sali­re sino a rag­giun­ge­re, nel giro di vent’anni, 1.5 gra­di – por­ta con sé innu­me­re­vo­li con­se­guen­ze: il livel­lo dei mari sale ad una velo­ci­tà ver­ti­gi­no­sa rispet­to allo scor­so seco­lo; i ghiac­ciai si sciol­go­no; la Cor­ren­te del Gol­fo rischia di raf­fred­dar­si, lascian­do nel gelo nume­ro­si Pae­si. D’altro can­to, la deser­ti­fi­ca­zio­ne è una real­tà, le migra­zio­ni cli­ma­ti­che sono desti­na­te ad aumen­ta­re in manie­ra irre­ver­si­bi­le, crean­do pro­ba­bil­men­te impor­tan­ti con­flit­ti per le risor­se nei decen­ni a venire. 

Tut­to que­sto è rever­si­bi­le? Gli scien­zia­ti non paio­no esse­re d’accordo in meri­to. Cer­ta­men­te ognu­no di noi deve fare la sua par­te, ma esi­ge­re poli­ti­che green è diven­ta­to estre­ma­men­te urgente. 

Per que­sto una del­le pri­mis­si­me cose che pos­sia­mo fare è esi­ge­re che l’UE dica ‘stop’ al finning.

Cos’è il fin­ning? È la pra­ti­ca bru­ta­le di taglia­re le pin­ne agli squa­li, spes­so ribut­tan­do­li poi in mare muti­la­ti e quin­di impos­si­bi­li­ta­ti a respi­ra­re, nuo­ta­re, sopravvivere. 

Le pin­ne di squa­lo sono infat­ti alla base di un piat­to pre­li­ba­to, par­ti­co­lar­men­te in voga nell’Asia sud-orien­ta­le: la zup­pa di pin­ne di squa­lo. Per ave­re un’idea, un piat­to di zup­pa di pin­ne di squa­lo arri­va a costa­re anche 100 euro. Non pro­pria­men­te pro­le­ta­rio, dun­que. Eppu­re, per coc­co­la­re i pala­ti dei raf­fi­na­ti signo­ri orien­ta­li, ven­go­no ucci­si, ogni anno, cir­ca 73 milio­ni di squali.

E, seb­be­ne da noi le pin­ne di squa­lo non abbia­no alcu­no smer­cio, l’UE è uno dei mag­gio­ri ven­di­to­ri: cir­ca 3.500 ton­nel­la­te di pin­ne ven­go­no pesca­te nei nostri mari e ven­du­te ogni anno all’Asia. 

Essen­do all’apice del­la cate­na ali­men­ta­re, gli squa­li garan­ti­sco­no l’equilibrio del­la vita mari­na, evi­tan­do la sovrap­po­po­la­zio­ne di pesci medi e le rela­ti­ve con­se­guen­ze. Eppu­re si cal­co­la che, di que­sto pas­so, tra die­ci anni gli squa­li potreb­be­ro esse­re scom­par­si completamente. 

Se scom­pa­io­no gli squa­li, l’Oceano muo­re. Quel­lo stes­so Ocea­no che pro­du­ce il 50% dell’ossigeno che respi­ria­mo, e assor­be il 25% dell’anidride car­bo­ni­ca che emet­tia­mo. Se muo­re l’Oceano, moria­mo noi. 

Non ci resta, dun­que, che sal­va­re gli squali. 

Per que­sto è neces­sa­rio vota­re la cam­pa­gna Stop Fin­ning — Stop the Tra­de (#Sto­p­Fin­nin­gEU) che, sfrut­tan­do lo stru­men­to uffi­cia­le UE del­l’i­ni­zia­ti­va dei cit­ta­di­ni euro­pei, per­met­te­rà di por­ta­re in discus­sio­ne in Com­mis­sio­ne Euro­pea la pro­po­sta di proi­bi­re il com­mer­cio di pin­ne di squa­lo in Euro­pa. Per­ché l’i­ni­zia­ti­va abbia suc­ces­so però è neces­sa­rio arri­va­re ad un milio­ne di voti entro gen­na­io 2022 e a 55.000 voti in Italia.

Pro­teg­ge­re gli squa­li non è solo una lot­ta eti­ca per evi­ta­re un mas­sa­cro ad un ani­ma­le in via d’estinzione. È anche una guer­ra per la soprav­vi­ven­za: la nostra.

Qua sot­to il link per firmare: 

Home

Men­tre per ave­re mag­gio­ri informazioni:

Home

Ogni sin­go­lo voto conta!

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.