Una sinistra che si candidi a fare grandi cose

Non mi fido di quelli che non parlano mai di niente, perché potrebbero essere capaci di tutto. Quelli che parlano solo di partito, di posizionamento, di politicismi e mai delle cose da fare, e che poi nella situazione giusta voterebbero qualsiasi cosa. L'ho visto fare, ogni giorno, in questa legislatura. E ci hanno spiegato che la politica è esclusivamente compromesso tra politici, e no, non è così, diciamolo ogni volta che possiamo. Politica non è potere da condividere tra potenti, ma potere da distribuire ai cittadini.

Dico­no che sia­mo stra­ni noi, che abbia­mo un pro­get­to e un profilo.

Eppu­re vedo che ci si scin­de dal PdR ‘minac­cian­do’ di allear­si con il PdR.

Vedo chi ha vota­to sì pro­por­si come orga­niz­za­to­re di chi ha vota­to no.

Vedo chi denun­cia­va che il gover­no fos­se la foto­co­pia sen­za toner del pre­ce­den­te chie­de­re che vada avan­ti fino al 2018 come con­di­zio­ne necessaria.

Vedo che si vuo­le rifa­re il cen­tro-sini­stra dove il trat­ti­no è pun­tual­men­te un meno, per­ché l’im­por­tan­te è tener­si le mani libe­re per allear­si con la destra.

Vedo l’U­li­vo cita­to come se fos­se l’Ar­bre Magi­que che pro­fu­ma l’a­ria comun­que irre­spi­ra­bi­le di un vei­co­lo che sban­da ver­so destra.

Vedo il cam­po pro­gres­si­sta quan­do nem­me­no si rie­sco­no a fare le tele­fo­na­te. Come dire, non c’è campo.

Vedo qual­cu­no pre­oc­cu­pa­to per Alfa­no che ora deve pre­oc­cu­par­si anco­ra di più per­ché Min­ni­ti è più a destra di lui.

Non è il discor­so iro­ni­co e para­dos­sa­le di Mar­co, lo stu­den­te del Poli­tec­ni­co di Tori­no, ma è la cro­na­ca del­le ulti­me set­ti­ma­ne. E per sined­do­che degli ulti­mi anni.

Voglio esse­re chia­ro: non mi fido di quel­li che non par­la­no mai di nien­te, per­ché potreb­be­ro esse­re capa­ci di tut­to. Quel­li che par­la­no solo di par­ti­to, di posi­zio­na­men­to, di poli­ti­ci­smi e mai del­le cose da fare, e che poi nel­la situa­zio­ne giu­sta vote­reb­be­ro qual­sia­si cosa. L’ho visto fare, ogni gior­no, in que­sta legi­sla­tu­ra. E ci han­no spie­ga­to che la poli­ti­ca è esclu­si­va­men­te com­pro­mes­so tra poli­ti­ci, e no, non è così, dicia­mo­lo ogni vol­ta che pos­sia­mo. Poli­ti­ca non è pote­re da con­di­vi­de­re tra poten­ti, ma pote­re da distri­bui­re ai cittadini.

Ho l’an­ti­do­to: man­de­rei l’in­ter­ven­to di Mar­co Gri­mal­di in loop, obbli­gan­do alla visio­ne tut­ti quanti.

Pri­ma cosa: auto­no­mia, anche dal dibat­ti­to degli altri.

L’I­ta­lia ha biso­gno di una sini­stra con agen­da poli­ti­ca pro­pria. A noi ser­ve un tac­cui­no, pre­ci­so negli obiet­ti­vi e con i nume­ri a fian­co di ogni voce.

San­ders e Hamon che tut­ti cita­no non sono la sini­stra radi­ca­le, sono la sini­stra nor­ma­le: la nor­ma­le sini­stra di chi vuo­le cam­bia­re le cose, non man­te­ner­le come sono, con fal­si movi­men­ti e truc­chi da quat­tro soldi.

Orgo­glio, ci vuo­le. Non la nostal­gia dei tem­pi che furo­no. Ci vuo­le l’i­dea di com­pe­te­re come se fos­si­mo alla pari. Gli altri sono al 30% e noi sot­to il 5? Chi l’ha det­to che fini­rà così? Si azze­re­rà tut­to alle pros­si­me ele­zio­ni, lo abbia­mo capi­to, oppu­re no?

Biso­gna ave­re la stes­sa fol­lia del M5s, che poi nel­la fol­lia ha ecce­du­to e che per mil­le ragio­ni non ci ha con­vin­to né ci con­vin­ce, ma che nel 2013 ha lan­cia­to una sfi­da su que­stio­ni di cui nes­su­no si face­va cari­co. Abbia­mo la stes­sa for­za e la stes­sa determinazione?

Per que­sto non ci vuo­le un lea­der, che matu­re­rà in que­sto per­cor­so, ma 100 lea­der, 100 com­pe­ten­ze, 100 can­di­da­tu­re che sba­ra­gli­no gli avver­sa­ri. Com­pe­ti­ti­vi con tut­ti gli altri atto­ri poli­ti­ci, altro che minoritari.

Avvia­mo un espe­ri­men­to men­ta­le: fot­ter­se­ne del­l’ul­ti­ma dichia­ra­zio­ne, fare le cose che con­ta­no, pre­ci­sa­re le pro­po­ste per il futu­ro. Cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci, migra­zio­ni, robo­ti­ca, para­di­si fisca­li. Altro che provincialismi.

Una sini­stra che pro­du­ca com­pe­ten­ze per risol­ve­re pro­ble­mi, con gran­de umiltà.

Non Poli­ne­sia, come ha det­to Mus­si, meta­fo­ra che ha dato il via a una rifles­sio­ne sui pon­ti (tran­ne che sul pon­te sul­lo Stret­to), ma una costel­la­zio­ne.

Ve lo ricor­da­te Gior­da­no Bru­no, il cui anni­ver­sa­rio ricor­re in que­ste ore? Lo Spac­cio de la bestia trion­fan­te: man­dia­mo via le costel­la­zio­ni del pas­sa­to, la costel­la­zio­ne del­la pre­ca­rie­tà, il cen­tau­ro —  figu­ra mito­lo­gi­ca mez­zo di sini­stra e mez­zo di destra — , dise­gnia­mo­ne di altre.

Come Gio­ve «ch’a­vea col­mo di tan­te bestie, come di tan­ti vizii, il cie­lo, secon­do la for­ma di qua­ran­t’ot­to famo­se ima­gi­ni», deci­de di can­cel­la­re que­sti ani­ma­li fan­ta­sti­ci per sosti­tuir­li con «disper­se vir­tù».

È il dise­gno che con­ta. Ed è pla­ne­ta­rio, altro che mino­ri­ta­rio.

Un uni­co sog­get­to elet­to­ra­le del­la sini­stra che si apre alla socie­tà, che par­ta da noi, che si can­di­di a fare gran­di cose e a dare rap­pre­sen­tan­za a chi non ne ha. Per far ‘scen­de­re’ quel dise­gno sul­la ter­ra, sen­za aspet­ta­re ancora.

Con una cam­pa­gna che sia pri­ma cul­tu­ra­le ed essen­zial­men­te poli­ti­ca, piut­to­sto che mera­men­te elettorale.

Toc­ca a noi promuoverlo.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?