Si puo fare… Politica

Può acca­de­re che in un pic­co­lo pae­si­no del­la Sici­lia, dove il con­fron­to poli­ti­co sem­bra­va ridot­to a logi­che e pro­ble­ma­ti­che loca­li e i Con­si­gli Comu­na­li ridi­men­sio­na­ti ad appen­di­ce del­la mac­chi­na ammi­ni­stra­ti­va e buro­cra­ti­ca con appro­va­zio­ne di rego­la­men­ti e ade­gua­men­ti ISTAT, pre­se d’atto e atti­vi­tà ispet­ti­ve sull’operato dell’Amministrazione, svuo­ta­ti del fer­vo­re del­la dia­let­ti­ca tra i diver­si oriz­zon­ti poli­ti­ci, può acca­de­re, ina­spet­ta­ta­men­te, un Con­si­glio Comu­na­le diver­so da quel­lo a cui ci era­va­mo abi­tua­ti.

Cosi qual­che sera fa, a Cani­cat­ti­ni Bagni, in pro­vin­cia di Sira­cu­sa, si è assi­sti­to ad un con­ses­so pub­bli­co la cui discus­sio­ne sui pun­ti all’ordine del gior­no ha pro­dot­to uno scam­bio di idee e valo­ri che sape­va­no di Poli­ti­ca: dall’adesione al “Pat­to dei Sin­da­ci” per la ridu­zio­ne del 40% di CO2 entro il 2030, all’adozione del­la “Nuo­va car­ta dei dirit­ti del­la Bam­bi­na” a tute­la dei dirit­ti dell’infanzia, sino all’adesione alla “Car­ta di Avvi­so Pub­bli­co”, il codi­ce eti­co che indi­vi­dua in che modo gli ammi­ni­stra­to­ri loca­li pos­so­no decli­na­re quo­ti­dia­na­men­te i prin­ci­pi di tra­spa­ren­za, impar­zia­li­tà, disci­pli­na e ono­re con­te­nu­ti nel­la nostra Costi­tu­zio­ne, ed infi­ne l’approvazione del­la mozio­ne che cri­ti­ca gli aspet­ti del Decre­to Sicu­rez­za in mate­ria di immi­gra­zio­ne; que­sti temi han­no for­ni­to lo spun­to per uno scam­bio di visio­ni sul­la con­ce­zio­ne del­la vita che vor­rem­mo per la nostra Comunità.

La stes­sa mozio­ne non si è limi­ta­ta ad evi­den­zia­re le cri­ti­ci­tà dell’applicazione di par­te del decre­to nei ter­ri­to­ri, ma ha descrit­to, a par­ti­re dal­la testi­mo­nian­za diret­ta, il siste­ma di acco­glien­za SPRAR, ad oggi il miglior model­lo che cono­scia­mo, con obbli­ghi di ren­di­con­ta­zio­ne più ele­va­ti rispet­to ad altri model­li e che garan­ti­sce inclu­sio­ne gra­zie all’ospitalità dif­fu­sa, argi­nan­do le gran­di con­cen­tra­zio­ni di migran­ti nel­le metro­po­li. Ed è pro­prio il model­lo Cani­cat­ti­ni Bagni, più vol­te meri­te­vo­le di rico­no­sci­men­ti da par­te del Mini­ste­ro per qua­li­tà del ser­vi­zio, a dimo­stra­re che la buo­na acco­glien­za si può fare, affi­dan­do­si alle buo­ne pras­si e alle pro­ce­du­re intran­si­gen­ti.

Così in tem­pi oscu­ri come quel­lo attua­le, dove sem­bra che la sub­cul­tu­ra del­la pau­ra e dell’odio abbia il soprav­ven­to, può acca­de­re che mol­ti Comu­ni denun­ci­no a testa alta il carat­te­re disu­ma­no del Decre­to Sicu­rez­za e si fac­cia­no inve­ce pro­mo­to­ri di una pai­deia che trae lin­fa vita­le dai prin­ci­pi di demo­cra­zia, ugua­glian­za, soli­da­rie­tà e rispet­to dei dirit­ti fon­da­men­ta­li del­la Per­so­na.

Allo stes­so modo, in un pic­co­lo pae­si­no sici­lia­no, ser­ra­to tra l’individualismo e il set­ta­ri­smo, può acca­de­re di con­fron­tar­si su temi come il rispet­to di gene­re, l’ambiente, la lega­li­tà, i dirit­ti uma­ni, get­tan­do i semi per una socie­tà più giu­sta per tut­te e tut­ti, ed accor­ger­si che si può fare… Politica!

 

Lui­sa Chiarandà

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.