Si puo fare… Politica

#

Può accadere che in un piccolo paesino della Sicilia, dove il confronto politico sembrava ridotto a logiche e problematiche locali e i Consigli Comunali ridimensionati ad appendice della macchina amministrativa e burocratica con approvazione di regolamenti e adeguamenti ISTAT, prese d’atto e attività ispettive sull’operato dell’Amministrazione, svuotati del fervore della dialettica tra i diversi orizzonti politici, può accadere, inaspettatamente, un Consiglio Comunale diverso da quello a cui ci eravamo abituati.

Cosi qualche sera fa, a Canicattini Bagni, in provincia di Siracusa, si è assistito ad un consesso pubblico la cui discussione sui punti all’ordine del giorno ha prodotto uno scambio di idee e valori che sapevano di Politica: dall’adesione al “Patto dei Sindaci” per la riduzione del 40% di CO2 entro il 2030, all’adozione della “Nuova carta dei diritti della Bambina” a tutela dei diritti dell’infanzia, sino all’adesione alla “Carta di Avviso Pubblico”, il codice etico che individua in che modo gli amministratori locali possono declinare quotidianamente i principi di trasparenza, imparzialità, disciplina e onore contenuti nella nostra Costituzione, ed infine l’approvazione della mozione che critica gli aspetti del Decreto Sicurezza in materia di immigrazione; questi temi hanno fornito lo spunto per uno scambio di visioni sulla concezione della vita che vorremmo per la nostra Comunità.

La stessa mozione non si è limitata ad evidenziare le criticità dell’applicazione di parte del decreto nei territori, ma ha descritto, a partire dalla testimonianza diretta, il sistema di accoglienza SPRAR, ad oggi il miglior modello che conosciamo, con obblighi di rendicontazione più elevati rispetto ad altri modelli e che garantisce inclusione grazie all’ospitalità diffusa, arginando le grandi concentrazioni di migranti nelle metropoli. Ed è proprio il modello Canicattini Bagni, più volte meritevole di riconoscimenti da parte del Ministero per qualità del servizio, a dimostrare che la buona accoglienza si può fare, affidandosi alle buone prassi e alle procedure intransigenti.

Così in tempi oscuri come quello attuale, dove sembra che la subcultura della paura e dell’odio abbia il sopravvento, può accadere che molti Comuni denuncino a testa alta il carattere disumano del Decreto Sicurezza e si facciano invece promotori di una paideia che trae linfa vitale dai principi di democrazia, uguaglianza, solidarietà e rispetto dei diritti fondamentali della Persona.

Allo stesso modo, in un piccolo paesino siciliano, serrato tra l’individualismo e il settarismo, può accadere di confrontarsi su temi come il rispetto di genere, l’ambiente, la legalità, i diritti umani, gettando i semi per una società più giusta per tutte e tutti, ed accorgersi che si può fare… Politica!

 

Luisa Chiarandà

  • 109
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati