Vicofaro: lo sgombero non cancella i problemi, ma i diritti

È uni­ver­sal­men­te noto che per com­pren­de­re e giu­di­ca­re un avve­ni­men­to è neces­sa­rio cono­sce­re la sto­ria che lo ha pre­ce­du­to. Per que­sto, se voglia­mo pre­ve­de­re gli effet­ti e valu­ta­re l’ef­fi­ca­cia del­l’or­di­nan­za di sgom­be­ro del Cen­tro di acco­glien­za di Vico­fa­ro emes­sa dal Sin­da­co di Pisto­ia lo scor­so 21 luglio, è oppor­tu­no rico­strui­re la cro­ni­sto­ria di una vicen­da che si è ripe­tu­ta pres­so­ché ugua­le negli anni, con anda­men­to cicli­co, così da appa­ri­re surreale.

Par­tia­mo dal­l’i­ni­zio: il CAS (Cen­tro di Acco­glien­za Straor­di­na­ria), isti­tui­to dal­la Pre­fet­tu­ra di Pisto­ia il 1° apri­le 2016 pres­so le par­roc­chie di San­ta Maria Mag­gio­re a Vico­fa­ro e di Rami­ni e asse­gna­to in gestio­ne all’associazione “Vir­gi­lio Cit­tà Futu­ra”, con il par­ro­co, don Mas­si­mo Bian­ca­la­ni in veste di respon­sa­bi­le. Come tut­ti i CAS, fino al taglio del bud­get decre­ta­to dal Mini­stro Sal­vi­ni, quel­lo di Vico­fa­ro e Rami­ni ave­va un finan­zia­men­to di 35 € al gior­no per migran­te e, gra­zie alla som­ma com­ples­si­va pro­ve­nien­te dal Mini­ste­ro degli Inter­ni, don Mas­si­mo deci­se di acco­glie­re altri migran­ti che aves­se­ro bus­sa­to alla sua por­ta, dal momen­to che, sen­za un tet­to, sareb­be­ro rima­sti a bivac­ca­re sul­le stra­de, crean­do disa­gi alla popo­la­zio­ne e dive­nen­do pos­si­bi­li pre­de del­la cri­mi­na­li­tà organizzata. 

Nei con­fron­ti del­le due strut­tu­re subi­to ini­zia­ro­no le pro­te­ste dei resi­den­ti del­le due zone, i con­trol­li a tap­pe­to del­le for­ze dell’ordine, le mul­te per man­ca­ta comu­ni­ca­zio­ne di ospi­ta­li­tà fuo­ri dal pro­gram­ma del CAS, le denun­ce per spac­cio nei con­fron­ti di alcu­ni richie­den­ti asi­lo. Que­sto avven­ne, in par­ti­co­la­re, dopo l’a­per­tu­ra del­la Piz­ze­ria del Rifu­gia­to e del labo­ra­to­rio di cuci­to, frut­to dei cor­si di for­ma­zio­ne pro­fes­sio­na­le tenu­ti da volon­ta­ri del centro. 

Arri­vò, infi­ne, il 14 feb­bra­io 2018, quan­do una veri­fi­ca effet­tua­ta dal­la Poli­zia Muni­ci­pa­le evi­den­ziò nei loca­li del­la par­roc­chia di Vico­fa­ro con­di­zio­ni igie­ni­co-sani­ta­rie pre­ca­rie, facen­do par­ti­re i con­trol­li tec­ni­ci sull’agibilità del­la strut­tu­ra e la chiu­su­ra del­la pizzeria.

Fu l’av­vio del­la per­se­cu­zio­ne , come affer­ma don Bian­ca­la­ni, da par­te di isti­tu­zio­ni che sono appar­se pre­va­len­te­men­te inte­res­sa­te a con­tra­sta­re il siste­ma di acco­glien­za di Vico­fa­ro, oppo­nen­do­gli un muro di buro­cra­zia fat­to di rin­no­vi di per­mes­si di sog­gior­no, cer­ti­fi­ca­ti di resi­den­za e code inter­mi­na­bi­li davan­ti alla Que­stu­ra, accom­pa­gna­to da annun­ci o ordi­nan­ze di chiu­su­ra per ragio­ni igie­ni­co-sani­ta­rie; que­sto, però, sen­za l’of­fer­ta di rea­li pos­si­bi­li­tà di una col­lo­ca­zio­ne alter­na­ti­va e di una miglio­re inclu­sio­ne socia­le per i rifugiati.

La pri­ma ordi­nan­za di ces­sa­zio­ne del­l’at­ti­vi­tà, fir­ma­ta dal Sin­da­co Toma­si a segui­to del con­trol­lo di una task-for­ce for­ma­ta da Que­stu­ra, Asl, Poli­zia Muni­ci­pa­le e Vigi­li del Fuo­co, risa­le al set­tem­bre 2018, quan­do fu riscon­tra­ta la ini­do­nei­tà del­la strut­tu­ra ad ospi­ta­re le cir­ca 70 per­so­ne lì accol­te. Il TAR, a cui don Bian­ca­la­ni ricor­se imme­dia­ta­men­te, sospe­se l’or­di­nan­za di sgom­be­ro, che per­ciò non fu mai applicata. 

La tem­po­ra­nea chiu­su­ra del Cen­tro e del­la stes­sa chie­sa si veri­fi­cò nel­l’ot­to­bre 2020, in pie­na emer­gen­za Covid-19, in segui­to a un’or­di­nan­za regio­na­le fir­ma­ta da Enri­co Ros­si, che vie­ta­va l’ac­ces­so ai loca­li del­la par­roc­chia e alle sue per­ti­nen­ze fino alla ces­sa­zio­ne del­l’e­mer­gen­za pan­de­mi­ca. Una par­te degli ospi­ti ven­ne tra­sfe­ri­ta in alber­ghi di Mon­te­ca­ti­ni, altri, i più fra­gi­li, rima­se­ro all’in­ter­no del­la strut­tu­ra, tran­sen­na­ta e pre­si­dia­ta dal­le for­ze del­l’or­di­ne. L’in­ten­to dichia­ra­to del­l’or­di­nan­za era quel­lo di decon­ge­stio­na­re Vico­fa­ro, tra­sfe­ren­do suc­ces­si­va­men­te un nume­ro con­si­sten­te di migran­ti, divi­si in pic­co­li grup­pi, in strut­tu­re di pro­prie­tà del­l’A­sl Tosca­na Cen­tro, o in loca­li mes­si a dispo­si­zio­ne dal­la Dio­ce­si di Pisto­ia a tito­lo gra­tui­to. Come ulti­ma azio­ne del suo gover­no, essen­do a fine man­da­to, Ros­si con­vo­cò un tavo­lo inte­ri­sti­tu­zio­na­le a cui ven­ne­ro invi­ta­ti l’A­SL, il Sin­da­co di Pisto­ia, il Pre­fet­to, la Dio­ce­si e l’as­so­cia­zio­ne Vir­gi­lio Cit­tà Futu­ra. In quel­la occa­sio­ne, il Pre­si­den­te chie­se all’A­SL di fis­sa­re il nume­ro mas­si­mo di per­so­ne che pote­va­no esse­re ospi­ta­te a Vico­fa­ro (nume­ro che ven­ne sta­bi­li­to in 20 rifu­gia­ti) e fu pat­tui­to che don Bian­ca­la­ni avreb­be costi­tui­to un comi­ta­to di sor­ve­glian­za del­l’in­te­ra ope­ra­zio­ne e che avreb­be pre­sen­ta­to alla Regio­ne un pro­prio pro­get­to di accoglienza.

Suc­ces­si­va­men­te, nel­l’a­go­sto 2021, la Regio­ne emi­se un ban­do di gara per la sele­zio­ne del sog­get­to del Ter­zo Set­to­re che avreb­be gesti­to la sor­ve­glian­za, l’as­si­sten­za degli ospi­ti e la puli­zia dei loca­li, stan­zian­do 200.000 € per 5 mesi, ma la gara andò deser­ta e il pro­get­to non ebbe segui­to. Intan­to, usci­ti dagli alber­ghi Covid, i migran­ti era­no rien­tra­ti alla che­ti­chel­la a Vico­fa­ro, dove rico­min­cia­ro­no ad arri­va­re nuo­vi migran­ti sen­za tet­to, fino a rag­giun­ge­re gli attua­li 164: un nume­ro inso­ste­ni­bi­le, come affer­ma lo stes­so par­ro­co, che da anni chie­de aiu­to alle isti­tu­zio­ni per decon­ge­stio­na­re il Cen­tro e miglio­ra­re, oltre alla situa­zio­ne del quar­tie­re, la qua­li­tà del­l’e­si­sten­za di colo­ro che han­no tro­va­to un rifu­gio in par­roc­chia, come in un “ospe­da­le da cam­po”, in atte­sa di una miglio­re sistemazione.

È del 13 luglio scor­so la noti­zia del­lo stan­zia­men­to da par­te del­la Regio­ne di 30.000 €, asse­gna­ti alla Socie­tà del­la Salu­te (Pre­si­den­te la vice sin­da­ca Anna Maria Cele­sti) per decon­ge­stio­na­re Vico­fa­ro, ini­zian­do da una map­pa­tu­ra del­le pre­sen­ze. Lo stan­zia­men­to regio­na­le, che avreb­be per­mes­so alla SDS di met­te­re a ban­do l’incarico di “Cen­si­re le pre­sen­ze, indi­vi­dua­re le esi­gen­ze e tro­va­re solu­zio­ni ido­nee”, pote­va con­fi­gu­rar­si come una ripar­ten­za, sia pure dal­lo start, del pro­get­to di Enri­co Ros­si. Que­sto se pochis­si­mi gior­ni dopo non fos­se sta­ta resa pub­bli­ca la dra­co­nia­na ordi­nan­za di sgom­be­ro fir­ma­ta dal Sin­da­co come ulti­mo (ma non l’ul­ti­mo) capi­to­lo di una vicen­da sur­rea­le, da tea­tro del­l’as­sur­do, che dimo­stra pla­sti­ca­men­te come la poli­ti­ca e le isti­tu­zio­ni sia­no lon­ta­ne dal­la real­tà e dal­la vita del­le persone. 

A con­clu­sio­ne di que­sta pano­ra­mi­ca di quan­to è acca­du­to negli ulti­mi set­te anni, l’approssimarsi del­le Ele­zio­ni Euro­pee e, suc­ces­si­va­men­te, del­le Regio­na­li ci fa teme­re che l’ordinanza di sgom­be­ro del 21 luglio, moti­va­ta da ragio­ni igie­ni­co-sani­ta­rie aggra­va­te dal peri­co­lo del­la dif­fu­sio­ne del­la tuber­co­lo­si, costi­tui­sca solo il più recen­te, ma non cer­to l’ultimo atto del­la sto­ria infi­ni­ta di Vico­fa­ro, che non si risol­ve­rà sen­za che la poli­ti­ca pren­da atto che le migra­zio­ni degli ulti­mi decen­ni costi­tui­sco­no un feno­me­no inar­re­sta­bi­le e strut­tu­ra­le, da gover­na­re alla luce del­la Costi­tu­zio­ne e non mol­ti­pli­can­do i CPR, o pagan­do pro­fu­ma­ta­men­te i dit­ta­to­ri dei Pae­si afri­ca­ni di ulti­mo appro­do per­ché respin­ga­no i migran­ti, o li chiu­da­no in lager dove vio­len­ze, tor­tu­re e ucci­sio­ni sono all’ordine del giorno. 

Nel nostro Pae­se la prin­ci­pa­le cau­sa di quel­lo che vie­ne deno­mi­na­to “peri­co­lo migran­ti”, è costi­tui­ta dal­la leg­ge Bos­si-Fini, che deve neces­sa­ria­men­te esse­re abo­li­ta e sosti­tui­ta da un Testo Uni­co che affron­ti ogni aspet­to del feno­me­no migra­to­rio accom­pa­gnan­do­lo con spe­ci­fi­ci decre­ti attua­ti­vi. Sug­ge­ria­mo, in pro­po­si­to, ai Par­la­men­ta­ri del­l’op­po­si­zio­ne di leg­ge­re la Pro­po­sta di Leg­ge dei depu­ta­ti Mae­stri, Civa­ti, Bri­gno­ne, Pasto­ri­no e altri, depo­si­ta­ta alla Came­ra il 15 giu­gno 2017, con­cer­nen­te “Modi­fi­che alla disci­pli­na in mate­ria di immi­gra­zio­ne e con­di­zio­ne del­lo stra­nie­ro…”. Sicu­ra­men­te vi tro­ve­ran­no spun­ti inte­res­san­ti per la loro azio­ne di legi­sla­to­ri inten­zio­na­ti a con­tra­sta­re in manie­ra pro­po­si­ti­va le poli­ti­che del gover­no più raz­zi­sta e xeno­fo­bo del­la sto­ria repubblicana.

Ai Con­si­glie­ri regio­na­li di mag­gio­ran­za e, in par­ti­co­la­re, al pre­si­den­te Gia­ni, chie­dia­mo inve­ce l’ap­pli­ca­zio­ne (nei con­fron­ti di Vico­fa­ro in pri­mis), del­la leg­ge regio­na­le n. 45, del luglio 2019, “Dispo­si­zio­ni per la tute­la dei biso­gni essen­zia­li del­la per­so­na uma­na” e dei dirit­ti invio­la­bi­li di ogni per­so­na …per­ma­nen­te sul ter­ri­to­rio regio­na­le, anche straniera. 

In base a que­ste dispo­si­zio­ni, tut­ti gli esse­ri uma­ni dimo­ran­ti sul ter­ri­to­rio del­la Tosca­na, stra­nie­ri e non, han­no pari dirit­to di acce­de­re alle cure medi­che essen­zia­li, all’alimentazione, a pre­sta­zio­ni socio-assi­sten­zia­li come una dimo­ra tem­po­ra­nea, all’istruzione obbli­ga­to­ria e ai ser­vi­zi per l’infanzia. Que­sti dirit­ti ven­go­no espli­ci­ta­men­te rico­no­sciu­ti anche a chi è pri­vo di per­mes­so di soggiorno.

Se que­sto docu­men­to nor­ma­ti­vo non fos­se solo un elen­co di buo­ne inten­zio­ni o, peg­gio anco­ra, un bell’esercizio di reto­ri­ca, dal 2019 ad oggi l’e­spe­rien­za del Cen­tro di acco­glien­za di Vico­fa­ro non sareb­be dege­ne­ra­ta a cau­sa di un affol­la­men­to spro­po­si­ta­to, met­ten­do in peri­co­lo la sicu­rez­za e la salu­te pub­bli­ca, come dichia­ra la recen­te ordi­nan­za di sgom­be­ro, ma sareb­be sta­ta con­si­de­ra­ta e valo­riz­za­ta per quel­lo che l’ha carat­te­riz­za­ta fin dal­l’i­ni­zio: una rara e corag­gio­sa espe­rien­za di cari­tà evan­ge­li­ca e di appli­ca­zio­ne del dove­re costi­tu­zio­nale di solidarietà.

Pisto­ia Possibile

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.