È ora di portare il Clima in cima alle priorità. E di votarlo.

Quan­do, la mat­ti­na del 4 mag­gio 2014, Seni­gal­lia si ritro­vò coper­ta da acqua e fan­go, dis­se­ro che era sta­ta una tra­gi­ca fata­li­tà, un even­to impre­ve­di­bi­le, una bom­ba d’acqua ano­ma­la, qual­co­sa che avvie­ne ogni 70/80 anni. Quei 70/80 anni tra­scor­se­ro più velo­ci del pre­vi­sto e il 15 set­tem­bre del 2022 Seni­gal­lia fu di nuo­vo som­mer­sa da acqua e fan­go, con dimen­sio­ni anco­ra più ampie e devastanti.

Nel frat­tem­po non c’è sta­ta par­te d’Italia che non abbia cono­sciu­to la for­za distrut­tri­ce del­la natu­ra e l’impotenza dell’uomo di fron­te ad essa.

Cosa si è fat­to? Nulla. 

Dete­sto la nar­ra­zio­ne degli “ange­li del fan­go” che pun­tual­men­te arri­va dopo la tra­ci­ma­zio­ne: quel­la dei gio­va­ni che col sor­ri­so sul viso e la pala in mano arri­va­no ad aiu­ta­re le vit­ti­me, non del­la Natu­ra, ma del (poco) Sapiens.

E non per­ché abbia qual­co­sa con­tro la gene­ro­si­tà dei ragaz­zi e del­le ragaz­ze, che pun­tual­men­te dimo­stra­no di esse­re mol­to meglio di come li rac­con­ta­no. La dete­sto per­ché si vuo­le cer­ca­re un lie­to fine che non c’è e di cui non si vede nean­che l’ombra. La dete­sto per­ché si disto­glie l’attenzione dal­le respon­sa­bi­li­tà, dai ritar­di dei soc­cor­si, dal­lo Sta­to lon­ta­no, dagli ammi­ni­stra­to­ri con respon­sa­bi­li­tà più gran­di di loro, dal­la tra­ge­dia imma­ne che si river­sa sul­le fami­glie, dal­la dispe­ra­zio­ne che spes­so non vede fine, dal­la tota­le soli­tu­di­ne in cui si ver­rà lascia­ti una vol­ta che i gio­va­ni col sor­ri­so sul viso e la pala in mano saran­no tor­na­ti a casa, i riflet­to­ri si saran­no spen­ti e ci si fin­ge­rà di stu­pir­si del nuo­vo “feno­me­no raro e impre­ve­di­bi­le” che col­pi­rà da un’altra parte.

Nel frat­tem­po c’è chi con­ti­nua a fare lo spi­ri­to­so, chi con­ti­nua a nega­re i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci, a dirot­ta­re fon­di su altre “prio­ri­tà”, a riman­da­re deci­sio­ni che non sono più rimandabili.

E men­tre c’è chi par­la di “nor­ma­le cal­do esti­vo, lo zero ter­mi­co, cioè l’altitudine alla qua­le la tem­pe­ra­tu­ra nel­la libe­ra atmo­sfe­ra è di 0°C, in Ita­lia ha rag­giun­to un nuo­vo record: se nel­le Alpi nor­mal­men­te il gra­do zero in esta­te si rag­giun­ge a quo­ta 3800 metri, l’altra not­te è sta­to rag­giun­to a 5328 metri. Signi­fi­ca che per arri­va­re a tro­va­re la tem­pe­ra­tu­ra di zero gra­di Cel­sius, quin­di il ghiac­cio (quei ghiac­ciai che veni­va­no con­si­de­ra­ti “peren­ni”), biso­gna sali­re 1800 metri più in su. Vuol dire che al di sot­to di 5328 metri è trop­po cal­do e si scio­glie tut­to. E già sap­pia­mo qua­li sono le tra­gi­che con­se­guen­ze del­lo scio­gli­men­to dei ghiac­ciai dai crol­li e le fra­ne, all’innalzamento del livel­lo dei mari. E in un Pae­se come l’Italia, in fat­to di ter­ri­to­ri mon­tuo­si e costie­ri, fare gli spi­ri­to­si, nega­re l’emergenza cli­ma­ti­ca o ridi­co­liz­zar­la è da criminali. 

Soste­ne­re for­ze poli­ti­che che smi­nui­sco­no la por­ta­ta dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci vuol dire ren­der­si com­pli­ci di uno Sta­to che sta deli­be­ra­ta­men­te met­ten­do a rischio la vita dei pro­pri cit­ta­di­ni e cit­ta­di­ne. Quel­la “sicu­rez­za a casa nostra”, che tan­to pia­ce alle for­ze di destra, vie­ne sman­tel­la­ta in pochi minu­ti dal­la for­za dell’acqua. Quei “con­fi­ni da pro­teg­ge­re” non esi­ste­ran­no più. 

E men­tre le for­ze poli­ti­che non han­no il corag­gio di pren­de­re le deci­sio­ni neces­sa­rie, i costi del non fare nien­te sono tut­ti a cari­co del­le per­so­ne, che devo­no rial­zar­si da sole, con fon­di sem­pre insuf­fi­cien­ti e tar­di­vi e, spes­so, mal distri­bui­ti dopo com­pli­ca­te e cer­vel­lo­ti­che pro­ce­du­re buro­cra­ti­che. Viven­do con la pau­ra che l’incubo rico­min­ci ogni vol­ta che pio­ve. O se non pio­ve abba­stan­za. O se arri­va la gran­di­ne gran­de come pal­li­na da ten­nis a rom­pe­re tut­to. O il ven­to che diven­ta tempesta.

Non c’è nul­la che ormai si può dire impre­ve­di­bi­le. E in cima alle faci­li pre­vi­sio­ni c’è la cer­tez­za che le cose peg­gio­re­ran­no fino al pun­to di non ritor­no se con­ti­nue­re­mo a far deci­de­re chi non deci­de, in Ita­lia, in Euro­pa, nel Mondo. 

Pri­ma dell’inizio del­la pros­si­ma esta­te si rin­no­ve­rà il Par­la­men­to Euro­peo. Non pos­sia­mo per­met­ter­ci che le for­ze che nega­no i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci assu­ma­no la gui­da di un’Istituzione così cen­tra­le per la vita di tut­te e tut­ti noi. Dob­bia­mo sen­tir­ci chia­ma­ti a mobi­li­tar­ci per con­tra­sta­re la peri­co­lo­sa onda nega­zio­ni­sta che si dif­fon­de. Già da subi­to. Fare rete tra noi e chi fa altret­tan­to negli altri Pae­si Euro­pei. Strin­ge­re allean­ze, met­ter­ci la fac­cia, la testa, il cuo­re. Ne va del futu­ro nostro e, soprat­tut­to, del­le gio­va­ni generazioni. 

Chi vuo­le dare una mano si fac­cia avan­ti, por­ti le sue idee e la sua dispo­ni­bi­li­tà a can­di­dar­si e a soste­ne­re poli­ti­che cli­ma­ti­che deci­se e corag­gio­se. Non è più tem­po di dele­ga­re a chi non sa e non rie­sce a pren­de­re le deci­sio­ni neces­sa­rie. È ora di por­ta­re il Cli­ma in cima alle prio­ri­tà. E di votarlo.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.