Senza bandiere di partito, con Non una di meno

Possibile aderisce alla manifestazione senza nessun simbolo di partito, rispettando il lavoro di mesi, la preparazione teorica e politica di chi ha animato questa bellissima protesta. A cui intende mischiarsi, con le tante donne che vi parteciperanno.
#

La manifestazione di Verona di sabato 30 marzo è promossa da Nonunadimeno ma tutti cercano visibilità.

Cgil con i palloncini per una presenza “grande e visibile” dello stesso sindacato che si è peraltro sempre dimostrato freddo verso lo sciopero dell’8 marzo, partecipazione chiamata a gran voce da Susanna Camusso.

Il Pd propone un dresscode da casalinga (!) con guanti domestici e colori che si distinguano dal fucsia di Nonunadimeno, per qualificare e distinguere il proprio spezzone. Non sia mai.

Possibile aderisce alla manifestazione senza nessun simbolo di partito, rispettando il lavoro di mesi, la preparazione teorica e politica di chi ha animato questa bellissima protesta. A cui intende mischiarsi, con le tante donne che vi parteciperanno.

In più come già in passato Possibile ribadisce la propria volontà di fare proprio il piano antiviolenza di Nonunadimeno e la sua piattaforma, perché non è la parata ad interessare ma i contenuti di un lavoro condiviso, elaborato, orizzontale. Per noi la politica si fa così.

Beatrice Brignone, segretaria di Possibile

  • 72
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati