Se non sai dove vai torna da dove vieni

L’Africa è colpita, il contagio è arrivato. La globalizzazione che porta la tecnologia nel continente meno tecnologizzato ci trasmette anche la malattia, il virus, il rischio di morte, la disfatta economica.

L’Africa è col­pi­ta, il con­ta­gio è arri­va­to. La glo­ba­liz­za­zio­ne che por­ta la tec­no­lo­gia nel con­ti­nen­te meno tec­no­lo­giz­za­to ci tra­smet­te anche la malat­tia, il virus, il rischio di mor­te, la disfat­ta eco­no­mi­ca. Tut­to que­sto arri­va dall’Europa che ci rifiu­ta, che ci con­fi­na nei lager libi­ci, che non ascol­ta il nostro gri­do di digni­tà. Il virus arri­va con un aereo, por­ta­to da gen­te che viag­gia libe­ra­men­te, che non ha biso­gno di piro­ghe, di car­ret­te del mare, di file inter­mi­na­bi­li alle Amba­scia­te degli Sati “moder­niz­za­ti”,  e non sem­pre per cer­ca­re altro­ve una spe­ran­za e una pos­si­bi­li­tà di soprav­vi­ven­za, ma anche solo per poter visi­ta­re il mon­do, o meglio una par­te di quel mon­do alla qua­le sia­mo lega­ti da seco­li di sto­ria e non, cer­to, per nostra volon­tà. Il con­ta­gio arri­va dall’Europa e ci arri­va libe­ra­men­te nono­stan­te il Sene­gal abbia con tem­pe­sti­vi­tà, più di altre nazio­ni, atti­va­to i pro­to­col­li sani­ta­ri, quel­li, ovvia­men­te, che ci pos­sia­mo per­met­te­re; ma il virus, sub­do­lo, si nascon­de nel sor­ri­so gio­con­do del turi­sta ed in quel­lo spe­ran­zo­so dell’emigrante che tor­na per qual­che gior­no a fare visi­ta alla fami­glia (chi emi­gra non ripor­ta solo un pic­co­lo o gran­de benes­se­re ma anche tut­to quan­to tro­va lì dove vive, malat­tia com­pre­sa).  Il male, que­sta vol­ta, non è por­ta­to dagli afri­ca­ni, come tan­ti e trop­pi euro­pei cre­do­no e voglio­no far cre­de­re, arri­va pro­prio dal mon­do tec­no­lo­gi­co, dagli indi­vi­dui che si sen­to­no obbli­ga­ti a pro­teg­ger­si dal­le inva­sio­ni di popo­li e cul­tu­re, che cer­ta­men­te, nel distor­to imma­gi­na­rio col­let­ti­vo, por­ta­no le malat­tie, e le dif­fon­do­no, come la peste, nel­le luc­ci­can­ti ed opu­len­te cit­tà occi­den­ta­li.  Non tan­to più luc­ci­can­ti ed opu­len­te, cit­tà chiu­se e moni­to­ra­te e sot­to­po­ste ai con­trol­li di poli­zia, ma non per­ché il Kabo­bo di tur­no assa­le l’europeo, ma per­ché il male, anch’esso venu­to da lon­ta­no, si dif­fon­de pro­prio tra­mi­te la socia­li­tà e la socia­liz­za­zio­ne che è fon­da­men­to del­la cul­tu­ra afri­ca­na.   Sare­mo tut­ti con­fi­na­ti, agli arre­sti domi­ci­lia­ri volon­ta­ri, anche qui a Dakar, dove la gen­te fa ancor più fati­ca a resta­re tra quat­tro mura, per­ché la vita è fuo­ri, per le stra­de sot­to i bao­bab sim­bo­lo del­la “Paro­la”, alla ricer­ca con­ti­nua e spa­smo­di­ca del con­tat­to uma­no, del­la fami­glia allar­ga­ta, del­la con­di­vi­sio­ne del pasto, anche nel­lo stes­so piat­to, del­la socia­li­tà che supe­ra le bar­rie­re enti­che e cul­tu­ra­li e che ren­de libe­ri. Que­sta socia­li­tà potreb­be esse­re, se il virus attec­chi­rà anche qui, pro­prio lo stru­men­to di distru­zio­ne, anco­ra un para­dos­so: l’umanità che si estin­gue per la sua uma­ni­tà.   L’Europa fa i con­ti con il con­fi­na­men­to, quell’isolamento che noi afri­ca­ni pro­via­mo dal­la nasci­ta quan­do desi­de­ria­mo supe­ra­re i con­fi­ni nazio­na­li. Non pos­sia­mo usci­re per­ché la nostra liber­tà arri­va fino al visto di ingres­so o al rischio di un viag­gio per mare, sen­za saper nuo­ta­re, o nel deser­to, dove i nuo­vi pre­do­ni sot­trag­go­no il bene più pre­zio­so, la digni­tà e, spes­so, la vita, per un obo­lo impor­tan­te: i rispar­mi di tut­ta una fami­glia e di tut­ta una vita.  I voli da e per l’Europa sono annul­la­ti, anco­ra un’altra restri­zio­ne di liber­tà, ma que­sta vol­ta deci­sa auto­no­ma­men­te e per difen­der­ci, a ragio­ne, dal peri­co­lo che vie­ne da fuo­ri. Ora l’Europa, quel­la che anco­ra vive in fami­glia, lad­do­ve gli indi­vi­dui pos­so­no con­ta­re su un grup­po pur ristret­to di pros­si­mi, cono­sce il con­fi­na­men­to e la restri­zio­ne. Arri­va a ritro­va­re, allo stes­so tem­po, la socia­li­tà, pur ridot­ta, ma quel­la vera, non costrui­ta sull’individualismo comu­ni­ta­ri­sta.  For­se si ritro­ve­ran­no i veri valo­ri e si sarà obbli­ga­ti, non sapen­do dove anda­re, a ritor­na­re da dove si è par­ti­ti, come dice il pro­ver­bio senegalese.

Feli­ce Barlassina

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.