Se al Viminale sarà cambio di rotta lo vedremo con le decisioni che contano

Un ministro, per quanto tecnico, non potrà sottrarsi, proprio perché la materia è «di esclusiva competenza statale». Se sarà cambio di rotta o meno lo verificheremo quando sarà il tempo delle decisioni che contano
#

Non ha profili social, mai una parola fuori posto, servitrice dello Stato e conoscitrice della materia. Luciana Lamorgese, nuova ministra dell’Interno, è stata dipinta come la controparte perfetta a Matteo Salvini. Nella testa di chi l’ha individuata come la più idonea deve essere balenato un pensiero: sostituire il ministro dell’Interno più politico e appariscente che si ricordi con il suo opposto. Non solo riservata, ma anche non-politica, nel senso di tecnica.

Luciana Lamorgese vanta un curriculum di livello: già Soggetto Attuatore per l’espletamento di tutte le attività necessarie per l’individuazione, l’allestimento o la realizzazione e la gestione delle strutture di accoglienza nella Regione Veneto, poi capo di gabinetto del ministro Alfano e, quindi, prefetto di Milano, ruolo nel quale – durante la gestione Minniti – ha promosso un protocollo per l’accoglienza tra i comuni dell’area milanese, salutato positivamente da molti.

Nel suo ruolo di prefetto fece notizia la decisione di annullare alcune ordinanze emesse da sindaci del milanese, studiate per – nei fatti – impedire l’arrivo nei rispettivi comuni di richiedenti asilo e rifugiati. Secondo Lamorgese non sussistevano i presupposti di «urgenza» e «pericolo irreparabile» tali da giustificare l’iniziativa dei sindaci. E, allo stesso tempo, è tutto da dimostrare «che l’accoglienza dei migranti metta in pericolo la sicurezza e la salute pubblica». L’immigrazione, concludeva, è «una materia di esclusiva competenza statale» nella quale i sindaci non possono intervenire con le loro ordinanze».

Fin qui tutto bene, potremmo dire. Se non fosse che c’è di mezzo la politica e che un ministro, per quanto tecnico, non potrà sottrarsi, proprio perché la materia è «di esclusiva competenza statale». Se sarà cambio di rotta o meno lo verificheremo quando sarà il tempo delle decisioni che contano. E se diamo per scontato che la nuova ministra non terrà più le persone a friggere in mare, che non insulterà cittadine e cittadini più o meno famosi, che non invocherà pieni poteri o sfiderà la Magistratura durante una diretta Facebook, è molto meno scontata la sostanziale cancellazione dei decreti sicurezza, per capirci. Ong e Sprar sono due sigle delle quali bisognerà tornare a occuparsi se vogliamo riaffermare un criterio minimo di convivenza. Senza dimenticare le due bestie nere di qualsiasi governo, e cioè la riforma della cittadinanza e la riforma della Bossi-Fini.

La prova dei fatti sarà questa. Abbiamo già sperimentato la stagione del cattivismo dal volto umano, che ai decreti sicurezza bis preferiva i codici di condotta e gli accordi con la Libia. Sappiamo tutti come è andata a finire e, perciò, non possiamo che augurarci che la prossima guida del Viminale sia ispirata da un approccio culturale e politico diametralmente opposto, non solo nella forma.
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati