Scusate, ma noi non ci stiamo

Poniamo che questo papà e questa bambina vogliano venire in Italia. Lo devono fare con mezzi di fortuna, affidandosi a criminali, sottoponendosi a ricatti inaccettabili, pagando cifre esorbitanti, evitando polizie che possono anche essere poco corrette e leali (quando non letteralmente violente), affrontando mare e muri, pernottando all’aperto e spostandosi di notte, nell’ombra.

Lo devono fare subendo violenze fisiche e psicologiche quotidiane e rischiando quotidianamente la morte.

Lo devono fare vedendo morire i propri compagni di viaggio al loro fianco, col costante timore di essere i prossimi.

Questo è il mondo in cui viviamo. E scusate, ma noi non ci stiamo.

Non solo rimaniamo umani, ma pretendiamo da noi stessi e dalla comunità internazionale che il volto di quella bambina (che non è nascosto, nella foto, come si fa con le bambine occidentali) possa tornare a brillare luminoso, che possa andare a scuola, conoscere i nostri figli e decidere che cosa fare: se vivere con noi o se ricostruire, insieme a noi e al resto della comunità internazionale, il suo paese.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati