Scuole e spese di funzionamento: le nozze con i fichi secchi

Sono Libero. E sono arrabbiato. Avrei dovuto chiamarmi diversamente, lo so. Ma non siamo qui per parlare del mio nome. Sono arrabbiato e faccio il Dirigente Scolastico. Intendo rubare un po’ del vostro tempo per parlarvi di Scuola, di quella vera, non di quella raccontata da ministri e "leaders fighetti", che, probabilmente, in una scuola pubblica non hanno mai messo piede.

Sal­ve, sono Libe­ro. E sono arrab­bia­to. Avrei dovu­to chia­mar­mi diver­sa­men­te, lo so. Ma non sia­mo qui per par­la­re del mio nome. Sono arrab­bia­to e fac­cio il Diri­gen­te Sco­la­sti­co.

Ho par­te­ci­pa­to e vin­to un con­cor­so per­ché vole­vo fare il Pre­si­de o, come pen­sa­vo io, il Pro­mo­to­re di Cul­tu­ra. Ma, in un pae­se in cui più del­la metà del­le per­so­ne pen­sa, con Tre­mon­ti, che “Con la cul­tu­ra non si man­gia”, ave­vo poche chan­ces. Così oggi mi ritro­vo Diri­gen­te Sco­la­sti­co. Devo assi­cu­ra­re anzi­tut­to legit­ti­mi­tà, effi­ca­cia, effi­cien­za, tra­spa­ren­za e, solo alla fine, qua­li­tà al ser­vi­zio che il mio Isti­tu­to offre.

Inten­do ruba­re un po’ del vostro tem­po per par­lar­vi di Scuo­la, di quel­la vera, non di quel­la rac­con­ta­ta da mini­stri e “lea­ders fighet­ti”, che, pro­ba­bil­men­te, in una scuo­la pub­bli­ca non han­no mai mes­so piede.

Oggi comin­cia­mo dai finan­zia­men­ti del Mini­ste­ro per le spe­se di fun­zio­na­men­to.

Diri­go una Scuo­la che ope­ra su 4 Comu­ni, che com­pren­de 11 ples­si, con 700 stu­den­ti e qua­si 200 tra docen­ti, ammi­ni­stra­ti­vi e ausi­lia­ri. Beh, secon­do il Mini­ste­ro que­sta comu­ni­tà di per­so­ne, che tra­scor­re in un edi­fi­cio sco­la­sti­co gran par­te del­la gior­na­ta, dovreb­be fun­zio­na­re con poco più di 12.000 euro all’anno. Qual­co­sa come 13 euro a persona.

Con que­sti sol­di io dovrei paga­re gran par­te del­la car­ta igie­ni­ca, del sapo­ne, del mate­ria­le di puli­zia. Ma anche la car­ta e l’inchiostro per le 11 foto­co­pia­tri­ci che, ovvia­men­te e giu­sta­men­te, lavo­ra­no in ogni ples­so a pie­no regi­me. Dovrei fare la manu­ten­zio­ne dei vari labo­ra­to­ri, del­le aule infor­ma­ti­che, del­le stam­pan­ti, degli impian­ti di wi-fi. Dovrei garan­ti­re gli arre­di (i Comu­ni non han­no sol­di per que­ste cose; le Pro­vin­ce non han­no sol­di e basta) e i sus­si­di didat­ti­ci neces­sa­ri. Dovrei paga­re i regi­stri (anche quel­lo elet­tro­ni­co ha un costo); dovrei, mi dico­no, acqui­sta­re i firewall necessari…

Ora io vi chie­do: ma lo sape­te quan­to costa, ad esem­pio, il toner di una foto­co­pia­tri­ce? Ecco, se lo sape­te sia­te­ne con­ten­ti: sape­te qual­co­sa in più di un mini­stro del­la Repub­bli­ca. Se non lo sape­te non cruc­cia­te­vi trop­po, non toc­ca a voi cono­sce­re cer­te cose.

Negli ulti­mi die­ci anni, a par­ti­re dal Mini­ste­ro Gel­mi­ni, la Scuo­la ha subi­to tagli sel­vag­gi, tut­ti giu­sti­fi­ca­ti dal­la logi­ca Tre­mon­ti di cui sopra, logi­ca che quel Mini­stro abbrac­ciò in pie­no. Infat­ti, in un momen­to di indi­gna­zio­ne dovu­ta alla pro­te­sta per i tagli, l’Onorevole Gel­mi­ni ebbe a dire: “E’ incre­di­bi­le: in Ita­lia ci sono più bidel­li che Cara­bi­nie­ri. Non è neces­sa­rio puli­re tut­ti i gior­ni!” (non sareb­be neces­sa­rio, inve­ce, aggiun­ge­re altro, per giu­di­ca­re un tito­la­re del Dica­ste­ro dell’Istruzione …). Così si sono taglia­ti 150.000 posti di lavo­ro; il Fon­do di Isti­tu­to per l’offerta for­ma­ti­va è sta­to taglia­to del 70%; il finan­zia­men­to del­le spe­se per il fun­zio­na­men­to è sta­to taglia­to del 60%. Altro esem­pio: un alun­no diver­sa­men­te abi­le, o con un distur­bo dell’apprendimento, del mio isti­tu­to rice­ve qual­co­sa come 3 euro l’anno per sus­si­di didattici.

Ma il gover­no Ren­zi i sol­di sul­la Scuo­la li ha mes­si: sol­di veri. Solo che sono ser­vi­ti per fare altre cose, del­le qua­li avre­mo modo di par­la­re in altre pun­ta­te di que­sta sto­ria. Non sono ser­vi­ti sicu­ra­men­te per met­te­re le Scuo­le nel­le con­di­zio­ni di fun­zio­na­re. Sem­pli­ce­men­te di fun­zio­na­re. L’importante è sta­to dare spa­zio a slo­gans e altre ame­ni­tà. “Per la car­ta igie­ni­ca e per tut­to il resto ognu­no si arran­gi”, avran­no pensato.

Noi ita­lia­ni, for­tu­na­ta­men­te, sia­mo abi­tua­ti ad arran­giar­ci (abi­tua­ti all’ignavia dei nostri poli­ti­ci). Chi lavo­ra nel­la Scuo­la lo è di più. Per­ché è dispo­sto a tut­to pur di non dover dire di no all’utenza, cioè a stu­den­ti e fami­glie. Le qua­li han­no capi­to l’antifona e han­no pre­so a col­la­bo­ra­re all’opera di “arran­gia­men­to” che, sola, per­met­te all’istituzione Scuo­la di con­ti­nua­re ad anda­re avan­ti, nono­stan­te poli­ti­ci e mini­stri che, di essa, non san­no asso­lu­ta­men­te niente.

Eppu­re que­sto mon­do è cru­cia­le: vi lavo­ra­no qua­si un milio­ne e mez­zo di per­so­ne; acco­glie otto milio­ni di stu­den­ti e coin­vol­ge milio­ni e milio­ni di famiglie.

Ebbe­ne: stu­den­ti, ope­ra­to­ri e fami­glie, a me pare, non sono più dispo­ni­bi­li a far­si pren­de­re in giro. Sono stan­chi di paro­le “alte” e di poli­ti­ca “bas­sa”.

Il mon­do del­la Scuo­la, ad esem­pio, il 4 Dicem­bre ha vota­to. E ha dimo­stra­to che non è dispo­ni­bi­le a fir­ma­re altre cam­bia­li in bian­co, a nes­su­no. Men che meno a Mini­stri e Mini­stre che, sem­pli­ce­men­te, non lo conoscono.

Libe­ro

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.