Chi sono gli “idonei fantasma” della “buona scuola”

Riceviamo quotidianamente numerose lettere di docenti, genitori e persone che a vario titolo lavorano nel mondo della scuola. Oggi pubblichiamo quella di Federica relativa alla situazione dei cosiddetti 'idonei fantasma'.

Rice­via­mo quo­ti­dia­na­men­te nume­ro­se let­te­re di docen­ti, geni­to­ri e per­so­ne che a vario tito­lo lavo­ra­no nel mon­do del­la scuola.

Oggi pub­bli­chia­mo quel­la di Fede­ri­ca rela­ti­va alla situa­zio­ne dei cosid­det­ti ‘ido­nei fan­ta­sma’, docen­ti che han­no supe­ra­to le pro­ve del con­cor­so del 2016 e che, a cau­sa del limi­te del 10% di ido­nei, non rien­tra­no nel­le gra­dua­to­rie uti­li per le assun­zio­ni in ruolo.

Alber­to Macrì

(Comi­ta­to Scuo­la Pos­si­bi­le Genova)

 

Gli “ido­nei fan­ta­sma”, i docen­ti abi­li­ta­ti dal­lo Sta­to che han­no supe­ra­to il con­cor­so a cat­te­dre 2016 ma che, a cau­sa del­la leg­ge 107/2015, la cosid­det­ta “buo­na scuo­la”, sono taglia­ti fuo­ri dal­le gra­dua­to­rie del con­cor­so stes­so, chie­do­no il rico­no­sci­men­to del loro meri­to e del­la loro ido­nei­tà concorsuale.

Rite­nia­mo di esse­re sta­ti ingiu­sta­men­te discri­mi­na­ti in quan­to non solo l’a­bi­li­ta­zio­ne non è più suf­fi­cien­te all’im­mis­sio­ne in ruo­lo ma a que­sto pun­to sem­bra non esser più suf­fi­cien­te nem­me­no il con­cor­so. La leg­ge dele­ga sul reclu­ta­men­to pre­ve­de per noi un nuo­vo con­cor­so. A cosa ser­ve sele­zio­na­re di nuo­vo per­so­na­le che ha già dimo­stra­to più vol­te (abi­li­ta­zio­ne e con­cor­so) le pro­prie com­pe­ten­ze e la pro­pria ido­nei­tà a rico­pri­re il ruo­lo di docente?

Oltre ad esse­re lesi i nostri dirit­ti, la scuo­la e i cit­ta­di­ni tut­ti esco­no gra­ve­men­te dan­neg­gia­ti da que­sta nor­ma che tron­ca le gra­dua­to­rie sen­za un cri­te­rio: in mol­ti casi non si copri­ran­no nem­me­no i posti mes­si a ban­do nono­stan­te vi sia­no docen­ti pre­pa­ra­ti che potreb­be­ro dare sta­bi­li­tà alla scuo­la, sen­za con­ta­re il fat­to che ban­di­re un con­cor­so per non copri­re le cat­te­dre mes­se a ban­do è un enor­me spre­co di dena­ro pubblico.

Al fine di tute­la­re la scuo­la ita­lia­na e il nostro meri­to, abbia­mo una nostra pro­po­sta che non pre­ve­de costi aggiun­ti­vi per lo Sta­to ma è sem­pli­ce­men­te una solu­zio­ne di buonsenso.

Nel­l’im­me­dia­to chiediamo:

  • l’in­se­ri­men­to a pie­no tito­lo nel­le gra­dua­to­rie di meri­to in modo da vede­re rico­no­sciu­ta la nostra ido­nei­tà al fine di copri­re tut­ti i posti vacan­ti fino al ban­do del nuo­vo concorso.
  • Un pun­teg­gio aggiun­ti­vo ai fini del­l’ag­gior­na­men­to del­le gra­dua­to­rie di isti­tu­to che dovreb­be avve­ni­re in primavera.
  • La pos­si­bi­li­tà di mobi­li­tà nazio­na­le (su base volon­ta­ria, per evi­ta­re di par­la­re di nuo­vo di docen­ti “depor­ta­ti”).
  • La pos­si­bi­li­tà, per i docen­ti in pos­ses­so di più abi­li­ta­zio­ni, di esse­re assun­ti sul­la clas­se di con­cor­so in cui risul­ta­no ido­nei, ma con uti­liz­za­zio­ne su quel­la in cui c’è più esi­gen­za (que­sta misu­ra potreb­be aiu­ta­re a copri­re le cat­te­dre di sostegno).
  • Un dop­pio cana­le, costi­tui­to da gra­dua­to­ria di meri­to 2016 e 2020, che con­sen­ti­reb­be la nostra pro­gres­si­va immis­sio­ne in ruo­lo e, al con­tem­po, per­met­te­reb­be di non bloc­ca­re i con­cor­si futu­ri, dan­do così a tut­ti l’op­por­tu­ni­tà di ten­ta­re il concorso”.

Fede­ri­ca Valentini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.