Scontri tra Guardia costiera libica e Ong: quali responsabilità italiane?

Per la prima volta, grazie alla presenza delle Ong, abbiamo informazioni di primissima mano su cosa avviene nel Mediterraneo centrale come conseguenze dello sciagurato accordo sottoscritto tra il governo Italiano e il Governo di Riconciliazione Nazionale Libico

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Un’in­ter­ro­ga­zio­ne al Mini­stro Min­ni­ti, per chie­der­gli con­to di quan­to abbia­mo ascol­ta­to ieri da Gen­na­ro Giu­det­ti, volon­ta­rio del­la Ong Sea Watch che ha assi­sti­to, lo scor­so 6 novem­bre, a un vero e pro­prio sabo­tag­gio del­le ope­ra­zio­ni di sal­va­tag­gio gesti­te da Sea Watch (su man­da­to del­la Guar­dia costie­ra ita­lia­na e in acque inter­na­zio­na­li) con­dot­to dal­la Guar­dia costie­ra libi­ca. Un sabo­tag­gio che è costa­to la vita a diver­se per­so­ne e che sicu­ra­men­te sot­to­por­rà a vio­len­ze e trat­ta­men­ti inu­ma­ni i 47 migran­ti che la Guar­dia costie­ra libi­ca ha ricon­dot­to, anche attra­ver­so l’u­so del­la for­za, nel pae­se dal qua­le fug­gi­va­no, e cioè la Libia.

Per la pri­ma vol­ta, gra­zie alla pre­sen­za del­le Ong, abbia­mo infor­ma­zio­ni di pri­mis­si­ma mano su cosa avvie­ne nel Medi­ter­ra­neo cen­tra­le come con­se­guen­ze del­lo scia­gu­ra­to accor­do sot­to­scrit­to tra il gover­no Ita­lia­no e il Gover­no di Ricon­ci­lia­zio­ne Nazio­na­le Libi­co, un accor­do mai rati­fi­ca­to dal­le Came­re (come pre­vi­sto dal­l’ar­ti­co­lo 80 del­la Costi­tu­zio­ne) e che — soprat­tut­to — ha dele­ga­to alla Guar­dia costie­ra libi­ca il respin­gi­men­to di migran­ti e rifu­gia­ti in fuga dal­la Libia, ricon­dot­ti nei cen­tri di deten­zio­ne libi­ci dai qua­li mol­ti di loro fug­go­no. Nume­ro­se inchie­ste gior­na­li­sti­che han­no inol­tre docu­men­ta­to sovrap­po­si­zio­ni tra la Guar­dia costie­ra libi­ca e mili­zie atti­ve nel traf­fi­co di esse­ri uma­ni e nel­la gestio­ne dei cen­tri di deten­zio­ne per migran­ti. Cen­tri nei qua­li i migran­ti sono sot­to­po­sti a pri­va­zio­ne del­la liber­tà in manie­ra indi­scri­mi­na­ta, tor­tu­re, vio­len­ze, stu­pri, ucci­sio­ni oltre che esse­re ogget­to di un vero e pro­prio mer­ca­to di schia­vi.

Ci sono respon­sa­bi­li­tà ita­lia­ne. L’I­ta­lia, infat­ti, ha adde­stra­to allie­vi del­la Guar­dia Costie­ra e del­la Mari­na Libi­ca, oltre ad aver desti­na­to (come denun­cia­to da ASGI) 2,5 milio­ni di euro del Fon­do Afri­ca (un fon­do desti­na­to alla coo­pe­ra­zio­ne) al tra­spor­to e alla siste­ma­zio­ne di moto­ve­det­te in dota­zio­ne all’apparato mili­ta­re libico.

Tut­to ciò nono­stan­te l’articolo 10 del­la Costi­tu­zio­ne san­ci­sca che «l’or­di­na­men­to giu­ri­di­co ita­lia­no si con­for­ma alle nor­me del dirit­to inter­na­zio­na­le gene­ral­men­te rico­no­sciu­te» e che «lo stra­nie­ro, al qua­le sia impe­di­to nel suo pae­se l’ef­fet­ti­vo eser­ci­zio del­le liber­tà demo­cra­ti­che garan­ti­te dal­la Costi­tu­zio­ne ita­lia­na, ha dirit­to d’a­si­lo nel ter­ri­to­rio del­la Repub­bli­ca». L’Italia, quin­di, è tenu­ta al rispet­to dei prin­ci­pi di dirit­to inter­na­zio­na­le secon­do i qua­li «nes­su­no può esse­re sot­to­po­sto a tor­tu­ra né a pene o trat­ta­men­ti inu­ma­ni o degra­dan­ti» (art. 3 CEDU) e nes­su­no sta­to può nep­pu­re espel­le­re o respin­ge­re «in qual­sia­si modo, un rifu­gia­to ver­so i con­fi­ni di ter­ri­to­ri in cui la sua vita o la sua liber­tà sareb­be­ro minac­cia­te» (Con­ven­zio­ne di Gine­vra, art. 33).

Dati que­sti fat­ti abbia­mo chie­sto a Min­ni­ti se non riten­ga neces­sa­rio inter­ve­ni­re per revo­ca­re il Memo­ran­dum di inte­sa tra Ita­lia e Libia per pro­muo­ve­re una svol­ta nel­le rela­zio­ni tra i due pae­si che ten­ga con­to del rispet­to dei dirit­ti uma­ni, che risul­ta­no vio­la­ti dal­le for­ze di poli­zia libi­che adde­stra­te e sup­por­ta­te su man­da­to e con risor­se stan­zia­te del gover­no Ita­lia­no. Infi­ne, pre­ten­dia­mo garan­zie sul fat­to che i sol­di ita­lia­ni non fini­sca­no nel­le tasche del­le milizie. 

Ricor­dia­mo al Mini­stro che gio­car­si la car­ta del­la dimi­nu­zio­ne degli sbar­chi è trop­po faci­le, se il costo da paga­re è il man­ca­to rispet­to dei dirit­ti uma­ni e il sot­to­por­re con­sa­pe­vol­men­te per­so­ne in fuga a vio­len­ze e torture.

 

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.