Scontri tra Guardia costiera libica e Ong: quali responsabilità italiane?

Per la prima volta, grazie alla presenza delle Ong, abbiamo informazioni di primissima mano su cosa avviene nel Mediterraneo centrale come conseguenze dello sciagurato accordo sottoscritto tra il governo Italiano e il Governo di Riconciliazione Nazionale Libico

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Un’in­ter­ro­ga­zio­ne al Mini­stro Min­ni­ti, per chie­der­gli con­to di quan­to abbia­mo ascol­ta­to ieri da Gen­na­ro Giu­det­ti, volon­ta­rio del­la Ong Sea Watch che ha assi­sti­to, lo scor­so 6 novem­bre, a un vero e pro­prio sabo­tag­gio del­le ope­ra­zio­ni di sal­va­tag­gio gesti­te da Sea Watch (su man­da­to del­la Guar­dia costie­ra ita­lia­na e in acque inter­na­zio­na­li) con­dot­to dal­la Guar­dia costie­ra libi­ca. Un sabo­tag­gio che è costa­to la vita a diver­se per­so­ne e che sicu­ra­men­te sot­to­por­rà a vio­len­ze e trat­ta­men­ti inu­ma­ni i 47 migran­ti che la Guar­dia costie­ra libi­ca ha ricon­dot­to, anche attra­ver­so l’u­so del­la for­za, nel pae­se dal qua­le fug­gi­va­no, e cioè la Libia.

Per la pri­ma vol­ta, gra­zie alla pre­sen­za del­le Ong, abbia­mo infor­ma­zio­ni di pri­mis­si­ma mano su cosa avvie­ne nel Medi­ter­ra­neo cen­tra­le come con­se­guen­ze del­lo scia­gu­ra­to accor­do sot­to­scrit­to tra il gover­no Ita­lia­no e il Gover­no di Ricon­ci­lia­zio­ne Nazio­na­le Libi­co, un accor­do mai rati­fi­ca­to dal­le Came­re (come pre­vi­sto dal­l’ar­ti­co­lo 80 del­la Costi­tu­zio­ne) e che — soprat­tut­to — ha dele­ga­to alla Guar­dia costie­ra libi­ca il respin­gi­men­to di migran­ti e rifu­gia­ti in fuga dal­la Libia, ricon­dot­ti nei cen­tri di deten­zio­ne libi­ci dai qua­li mol­ti di loro fug­go­no. Nume­ro­se inchie­ste gior­na­li­sti­che han­no inol­tre docu­men­ta­to sovrap­po­si­zio­ni tra la Guar­dia costie­ra libi­ca e mili­zie atti­ve nel traf­fi­co di esse­ri uma­ni e nel­la gestio­ne dei cen­tri di deten­zio­ne per migran­ti. Cen­tri nei qua­li i migran­ti sono sot­to­po­sti a pri­va­zio­ne del­la liber­tà in manie­ra indi­scri­mi­na­ta, tor­tu­re, vio­len­ze, stu­pri, ucci­sio­ni oltre che esse­re ogget­to di un vero e pro­prio mer­ca­to di schia­vi.

Ci sono respon­sa­bi­li­tà ita­lia­ne. L’I­ta­lia, infat­ti, ha adde­stra­to allie­vi del­la Guar­dia Costie­ra e del­la Mari­na Libi­ca, oltre ad aver desti­na­to (come denun­cia­to da ASGI) 2,5 milio­ni di euro del Fon­do Afri­ca (un fon­do desti­na­to alla coo­pe­ra­zio­ne) al tra­spor­to e alla siste­ma­zio­ne di moto­ve­det­te in dota­zio­ne all’apparato mili­ta­re libico.

Tut­to ciò nono­stan­te l’articolo 10 del­la Costi­tu­zio­ne san­ci­sca che «l’or­di­na­men­to giu­ri­di­co ita­lia­no si con­for­ma alle nor­me del dirit­to inter­na­zio­na­le gene­ral­men­te rico­no­sciu­te» e che «lo stra­nie­ro, al qua­le sia impe­di­to nel suo pae­se l’ef­fet­ti­vo eser­ci­zio del­le liber­tà demo­cra­ti­che garan­ti­te dal­la Costi­tu­zio­ne ita­lia­na, ha dirit­to d’a­si­lo nel ter­ri­to­rio del­la Repub­bli­ca». L’Italia, quin­di, è tenu­ta al rispet­to dei prin­ci­pi di dirit­to inter­na­zio­na­le secon­do i qua­li «nes­su­no può esse­re sot­to­po­sto a tor­tu­ra né a pene o trat­ta­men­ti inu­ma­ni o degra­dan­ti» (art. 3 CEDU) e nes­su­no sta­to può nep­pu­re espel­le­re o respin­ge­re «in qual­sia­si modo, un rifu­gia­to ver­so i con­fi­ni di ter­ri­to­ri in cui la sua vita o la sua liber­tà sareb­be­ro minac­cia­te» (Con­ven­zio­ne di Gine­vra, art. 33).

Dati que­sti fat­ti abbia­mo chie­sto a Min­ni­ti se non riten­ga neces­sa­rio inter­ve­ni­re per revo­ca­re il Memo­ran­dum di inte­sa tra Ita­lia e Libia per pro­muo­ve­re una svol­ta nel­le rela­zio­ni tra i due pae­si che ten­ga con­to del rispet­to dei dirit­ti uma­ni, che risul­ta­no vio­la­ti dal­le for­ze di poli­zia libi­che adde­stra­te e sup­por­ta­te su man­da­to e con risor­se stan­zia­te del gover­no Ita­lia­no. Infi­ne, pre­ten­dia­mo garan­zie sul fat­to che i sol­di ita­lia­ni non fini­sca­no nel­le tasche del­le milizie. 

Ricor­dia­mo al Mini­stro che gio­car­si la car­ta del­la dimi­nu­zio­ne degli sbar­chi è trop­po faci­le, se il costo da paga­re è il man­ca­to rispet­to dei dirit­ti uma­ni e il sot­to­por­re con­sa­pe­vol­men­te per­so­ne in fuga a vio­len­ze e torture.

 

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?