Sciopero del calcio: gli occhi dello sport femminile puntati sulla Spagna

Si tratta di uno sciopero senza precedenti nel mondo del calcio, tutto il calcio femminile sta osservando che effetti avrà questo che è un vero e proprio sciopero ad oltranza finchè non sia raggiunto un accordo che soddisfi le rappresentanti (quasi 200) dei club di Prima divisione dell'Assemblea dell'Associazione delle calciatrici spagnole (AFE)

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Sabato è ini­zia­to lo scio­pe­ro del­le cal­cia­tri­ci del cam­pio­na­to fem­mi­ni­le spa­gno­lo. La pri­ma par­ti­ta in pro­gram­ma (Espa­nyol-Gra­na­dil­la), dopo l’i­ni­zio del­lo scio­pe­ro, non ha visto il pal­lo­ne roto­la­re sul cam­po di gio­co, solo la capi­ta­na bian­coaz­zur­ra Palo­ma Fer­nán­dez si è pre­sen­ta­ta per spie­ga­re la situa­zio­ne, le altre cal­cia­tri­ci non han­no rispo­sto alla con­vo­ca­zio­ne, la squa­dra del Gra­na­dil­la diret­ta­men­te non ha pre­so l’ae­reo per rag­giun­ge­re Bar­cel­lo­na. La ter­na arbi­tra­le, dopo 33 minu­ti di atte­sa rispet­to all’o­ra­rio pre­vi­sto per l’i­ni­zio del match, ha con­sta­to che le due squa­dre non si sono pre­sen­ta­te. La Fede­ra­zio­ne (RFEF) con­sa­pe­vo­le del­la situa­zio­ne non ha sospe­so la gior­na­ta di cam­pio­na­to. Lo scio­pe­ro era sta­to annun­cia­to da tem­po, ades­so le cal­cia­tri­ci voglio­no (e pen­sa­no di meri­ta­re) un tavo­lo con la Fede­ra­zio­ne per discu­te­re e rag­giun­ge­re un accor­do sui con­trat­ti e sui pro­pri dirit­ti.

Si trat­ta di uno scio­pe­ro sen­za pre­ce­den­ti nel mon­do del cal­cio, tut­to il cal­cio fem­mi­ni­le sta osser­van­do che effet­ti avrà que­sto che è un vero e pro­prio scio­pe­ro ad oltran­za fin­chè non sia rag­giun­to un accor­do che sod­di­sfi le rap­pre­sen­tan­ti (qua­si 200) dei club di Pri­ma divi­sio­ne del­l’As­sem­blea del­l’As­so­cia­zio­ne del­le cal­cia­tri­ci spa­gno­le (AFE). La mag­gio­ran­za appog­gia con­vin­ta­men­te lo scio­pe­ro, una mino­ran­za lo appog­gia sen­za esser­ne del tut­to con­vin­ta (anche se tut­te con­ven­go­no sul­la neces­si­tà di cam­bia­re le loro con­di­zio­ni lavo­ra­ti­ve, come ha det­to Bea Par­ra, una del­le poche cal­cia­tri­ci ad aver espres­so qual­che per­ples­si­tà) e una pic­co­lis­si­ma mino­ran­za è contraria.

Il timo­re di que­st’ul­ti­me riguar­da la pos­si­bi­li­tà che gli ade­gua­men­ti con­trat­tua­li e sala­ria­li pos­sa lascia­re i club sen­za risor­se in poco tem­po veden­do così mol­te cal­cia­tri­ci rima­ne­re sen­za contratto.

La media­zio­ne del Gover­no tra­mi­te la Dire­zio­ne Gene­ra­le del Lavo­ro è risul­ta­ta infruttuosa.

Nel­lo spe­ci­fi­co i temi che le cal­cia­tri­ci voglio­no met­te­re sul tavo­lo sono i seguenti:

  • 16.000 Euro di sala­rio mini­mo all’an­no, con una par­zia­li­tà del 75% del­la gior­na­ta lavorativa
  • 4.000 Euro di com­pen­sa­zio­ne per le gio­ca­tri­ci a tem­po par­zia­le infe­rio­re al 75%
  • Con­trat­ti in vigo­re dal 1 luglio al 30 giugno
  • 35 ore set­ti­ma­na­li di lavo­ro in media per semestre
  • 30 gior­ni di ferie
  • Coper­tu­ra assi­cu­ra­ti­va in caso di mor­te o inva­li­di­tà permanente
  • 100% del sala­rio in caso di inca­pa­ci­tà tem­po­ra­nea (gli infortuni)
  • Rico­no­sci­men­to di anzia­ni­tà nel sala­rio del 5% ogni due anni
  • Pro­to­col­lo per le gio­ca­tri­ci incin­ta, per la mater­ni­tà, l’al­lat­ta­men­to e per la pre­ven­zio­ne del­le mole­stie sul posto di lavoro

Biso­gna ricor­da­re che nel cal­cio fem­mi­ni­le spa­gno­lo, nono­stan­te i pro­gres­si degli ulti­mi anni, non c’è anco­ra il pro­fes­sio­ni­smo e solo dal­la sta­gio­ne 2016–17 le cal­cia­tri­ci godo­no del­la pre­vi­den­za socia­le, pagan­do i con­tri­bu­ti pen­sio­ni­sti­ci, pro­tet­te dal­lo Sta­tu­to dei Lavoratori.

Media­ti­ca­men­te il loro scio­pe­ro è pas­sa­to sot­to trac­cia, sono sta­ti pochis­si­mi i col­le­ghi maschi ad appog­gia­re que­sta scel­ta, fra i più in vista il fran­ce­se Antoi­ne Grie­z­mann, Lucas Perez, Bor­ja Igle­sias ed ex come Xavi Hernandez.

In Spa­gna come qui da noi, dopo il Mon­dia­le, è cre­sciu­ta la con­sa­pe­vo­lez­za nel valo­re aggiun­to del movi­men­to, sono aumen­ta­te le iscri­zio­ni nel­le squa­dre del­le pic­co­le cal­cia­tri­ci, è mes­so alle cor­de il dilet­tan­ti­smo in cui sono mar­gi­na­te ampie fet­te di sport fem­mi­ni­le (in Ita­lia a nes­su­na disci­pli­na spor­ti­va fem­mi­ni­le è rico­no­sciu­to il pro­fes­sio­ni­smo, così vuo­le la Leg­ge n.91 del 23 mar­zo 1981). Pos­si­bi­le si bat­te da anni per la modi­fi­ca di que­sta leg­ge, in mate­ria di pro­mo­zio­ne del­la pari­tà tra i ses­si nel­lo sport pro­fes­sio­ni­sti­co, per la pari­tà sala­ria­le fra lavo­ra­to­ri e lavo­ra­tri­ci. Il Gen­der Pay Gap, la Tam­pon Tax sono sta­ti alcu­ni dei temi che abbia­mo cer­ca­to di met­te­re al cen­tro del dibat­ti­to poli­ti­co, riu­scen­do­ci solo in par­te, ma biso­gna insi­ste­re, dob­bia­mo far­ci tro­va­re pron­ti per quan­do arri­ve­rà il momen­to favo­re­vo­le, anche se più che aspet­tar­lo stia­mo pro­van­do ad anticiparlo.

Ste­fa­no Artusi[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.