Science, not silence! A supporto della cultura scientifica

Oggi in tut­to il mon­do si cele­bra la #Mar­ch­For­Scien­ce, una mani­fe­sta­zio­ne glo­ba­le a soste­gno del­la scien­za e del suo ruo­lo posi­ti­vo nel­la nostra socie­tà. Ne appro­fit­tia­mo per pub­bli­ca­re il con­tri­bu­to che il Pro­fes­sor Gui­do Sil­ve­stri ha invia­to da Atlan­ta alla Costi­tuen­te del­le idee di Possibile.

Cre­do che la nostra socie­tà abbia un biso­gno for­te di scien­za, un biso­gno qua­si dispe­ra­to, di una scien­za che risol­va i nostri pro­ble­mi pra­ti­ci, quin­di miglio­ra­re la salu­te per scon­fig­ge­re le malat­tie, ma anche com­bat­te­re l’in­qui­na­men­to e i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci che pos­so­no dan­neg­gia­re così gra­ve­men­te le nostre con­di­zio­ni di vita.

Cre­do inol­tre che la nostra socie­tà abbia biso­gno di una scien­za che ci aiu­ti non solo a vive­re meglio e più a lun­go, ma anche a pen­sa­re meglio, a ragio­na­re meglio, a cre­sce­re meglio sia come per­so­ne che come socie­tà, ricor­dan­do­ci che la scien­za ha come sco­po pra­ti­co il miglio­ra­men­to del­le nostre con­di­zio­ni di vita, ma anche di dar­ci un meto­do di lavo­ro che è fat­to di ogget­ti­vi­tà, di uni­ver­sa­li­tà, di one­stà e tra­spa­ren­za.

Per­ché la scien­za dà dei mes­sag­gi che sono gli stes­si dap­per­tut­to, in qua­lun­que luo­go, in qua­lun­que situa­zio­ne e per qua­lun­que per­so­na. La scien­za non ha pre­con­cet­ti di alcun tipo, nè poli­ti­ci, nè ideo­lo­gi­ci, nè reli­gio­si, ma solo ipo­te­si, espe­ri­men­ti, risul­ta­ti e teo­rie. In que­sto sen­so abbia­mo biso­gno di una scien­za for­te e di una scien­za libera.
La liber­tà del­la scien­za è un con­cet­to ampio e com­ples­so. che sfug­ge ad alcu­ne for­me di con­trol­lo che io amo defi­ni­re “pseu­do-eti­che” come ad esem­pio quel­le ope­ra­te da colo­ro che voglio­no sop­pri­me­re la spe­ri­men­ta­zio­ne sul­le cel­lu­le sta­mi­na­li, o sugli ani­ma­li o la ricer­ca sul­l’in­qui­na­men­to ambien­ta­le osteg­gia­ta dal­le gran­di lob­bies per par­ti­co­la­ri inte­res­si economici.

E’ mol­to impor­tan­te quin­di che la nostra socie­tà difen­da la scien­za da que­sti attac­chi che soven­te nasco­no da una sor­ta di fal­sa scien­za, di pseu­do-scien­za più o meno ideo­lo­giz­za­ta che al con­tra­rio del­la scien­za vera e pro­pria par­te da un’i­dea, da un risul­ta­to fina­le e fa di tut­to con ogni mez­zo per arri­va­re a quel risultato.
Un esem­pio di que­ste teo­rie pseu­do-scien­ti­fi­che è rap­pre­sen­ta­to da quei grup­pi che nega­no l’u­ti­li­tà dei vac­ci­ni, o quel­li che affer­ma­no che l’Aids non è cau­sa­to dal virus HIV.
Altri grup­pi pseu­do-scien­ti­fi­ci met­to­no in discus­sio­ne i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci o pro­pa­gan­da­no cure anch’es­se pseu­do-scien­ti­fi­che come l’o­meo­pa­tia, la cura Di Bel­la e la cura Sta­mi­na e l’I­ta­lia è sta­ta sem­pre sto­ri­ca­men­te vul­ne­ra­bi­le a que­sti attacchi.
La scien­za deve però esse­re anche libe­ra da stru­men­ta­liz­za­zio­ni poli­ti­che di ogni sor­ta dal momen­to che la scien­za non è nè di destra nè di sini­stra, quin­di pro­teg­ge­re la liber­tà del­la scien­za è un tema di impor­tan­za fon­da­men­ta­le e dev’es­se­re un tema asso­lu­ta­men­te bi-par­ti­san, un tema che tut­te le for­za poli­ti­che dovreb­be­ro far loro. Riguar­do a que­sto mi fa mol­to pia­ce­re la part­ner­ship che si è svi­lup­pa­ta tra Pos­si­bi­le e l’as­so­cia­zio­ne Luca Coscio­ni di cui sono mem­bro del Con­si­glio generale.

La scien­za ha però anche biso­gno di sup­por­to e per sup­por­to inten­do quin­di finan­zia­men­ti, per­ché la scien­za richie­de fon­di, richie­de risor­se per poter pro­gre­di­re e que­sto è un sup­por­to che da un pun­to di vista poli­ti­co non può che esse­re tra­sver­sa­le tra le for­ze poli­ti­che, per­ché la scien­za ten­de a miglio­ra­re il benes­se­re di ognu­no aldi­là del­le appar­te­nen­ze poli­ti­che o pratitiche.
Un esem­pio secon­do me mol­to atti­nen­te a que­sto argo­men­to e il “21st cen­tu­ry cure act” che il con­gres­so ame­ri­ca­no ha appro­va­to nel Dicem­bre 2016 con il 96% dei voti.
Sedi­ci miliar­di di dol­la­ri stan­zia­ti per le cure con­tro can­cro, alz­hei­mer, mor­bo di Par­kin­son, malat­tie infet­ti­ve ecc…
Demo­cra­ti­ci e repub­bli­ca­ni han­no quin­di vota­to insie­me que­sta pro­po­sta, cosa rara in que­sti tem­pi in cui la poli­ti­ca ame­ri­ca­na è for­te­men­te polarizzata.

Oltre ai sol­di però la scien­za ha biso­gno di gran­de sup­por­to mora­le e cul­tu­ra­le che deve veni­re dal­la socie­tà nel suo insie­me e quin­di coin­vol­ge­re la scuo­la, l’u­ni­ver­si­tà, i mez­zi di comu­ni­ca­zio­ne, gli ambien­ti del­la cosid­det­ta cul­tu­ra uma­ni­sti­ca e natu­ral­men­te tut­te le for­ze politiche.
Dal pun­to di vista poli­ti­ca e socia­le biso­gna sem­pre ricor­da­re che la scien­za è uno stru­men­to fon­da­men­ta­le per difen­de­re i dirit­ti dei più debo­li, dei pove­ri, dei mala­ti, degli anzia­ni, dei disa­bi­li e degli immigrati.
La scien­za aiu­ta da sem­pre i più debo­li, que­sto è un dato di fat­to teo­ri­co e storico.
Non c’è nien­te nel­la sto­ria del­l’u­ma­ni­tà che ha aiu­ta­to i più debo­li più del­la scienza.
La scien­za è sta­ta la più gran­de arma che l’uo­mo ha inven­ta­to per ridur­re il dolo­re e la sof­fe­ren­za nel nostro pianeta.
In que­sto sen­so la scien­za ha por­ta­to una straor­di­na­ria demo­cra­tiz­za­zio­ne del­l’u­ma­ni­tà e nel con­cet­to di pro­te­zio­ne dei più debo­li entra­no di buon dirit­to le tema­ti­che del Fine Vita dal momen­to che la per­so­na for­se più debo­le in asso­lu­to è la per­so­na che sof­fre in modo ter­mi­na­le, il mala­to ter­mi­na­le in pun­to di mor­te o il mala­to che ha una sof­fe­ren­za che non può esse­re ridot­ta e che si con­clu­de­rà sol­tan­to con il decesso.

In que­sta tema­ti­ca estre­ma­men­te com­ples­sa mi pia­ce ricor­da­re come ci sia una gran­de affi­ni­tà di posi­zio­ni tra Pos­si­bi­le e l’As­so­cia­zio­ne Coscio­ni di cui fac­cio parte.
Spe­ran­do che ci sia sem­pre più un’in­te­ra­zio­ne posi­ti­va tra Pos­si­bi­le, un grup­po che seguo con gran­de inte­res­se e l’As­so­cia­zio­ne Coscio­ni sui temi del­la liber­tà del­la scien­za, del sup­por­to alla cul­tu­ra scien­ti­fi­ca e anche sui temi del fine vita e di come la scien­za può esse­re usa­ta per ridur­re la sof­fe­ren­za uma­na in que­ste situa­zio­ni estre­ma­men­te gravi.

Gui­do Silvestri

Il Dot­tor Sil­ve­stri è un Geor­gia Research Allian­ce Emi­nent Scho­lar in Pato­lo­gia Com­pa­ra­ta, è Pro­fes­so­re in Pato­lo­gia e Medi­ci­na di Labo­ra­to­rio alla Emo­ry Uni­ver­si­ty School of Medi­ci­ne, ed è a capo del Dipar­ti­men­to di Micro­bio­lo­gia e Immu­no­lo­gia al Yer­kes Natio­nal Pri­ma­te Research Center. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.