Salvini e l’eterna baggianata della Sharia in Gran Bretagna

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Cogliendo lo spun­to offer­to dal­l’i­nau­gu­ra­zio­ne di una moschea, Mat­teo Sal­vi­ni è tor­na­to a rac­con­ta­re agli ita­lia­ni che in Gran Bre­ta­gna c’è la Sha­ria, con i tri­bu­na­li isla­mi­ci al posto dei tri­bu­na­li inglesi.

“La que­stio­ne cul­tu­ra­le di fon­do è se l’I­slam, l’ap­pli­ca­zio­ne let­te­ra­le del det­ta­to di Mao­met­to, oggi è com­pa­ti­bi­le con i nostri valo­ri, con la nostra liber­tà e con la nostra Costi­tu­zio­ne? Ho for­tis­si­mi dub­bi”… Non vor­rei far la fine del­la Gran Bre­ta­gna, che ha i tri­bu­na­li isla­mi­ci al posto dei tri­bu­na­li ingle­si”. E a chi sostie­ne che tene­re aper­te le moschee con­sen­ta un mag­gior con­trol­lo sui fede­li, ha rispo­sto: “Io dico che così si inse­dia­no meglio sul territorio”.

Ovvia­men­te in Gran Bre­ta­gna non c’è la Sha­ria, non è in vigo­re e non ha sop­pian­ta­to le leg­gi bri­tan­ni­che. Come in mol­ti altri pae­si, anche in Ita­lia, la leg­ge bri­tan­ni­ca con­sen­te ai cit­ta­di­ni di risol­ve­re alcu­ne que­stio­ni e liti al di fuo­ri dei tri­bu­na­li. Si trat­ta di una for­ma di arbi­tra­to di rimes­sa alla scel­ta del­le par­ti, che defe­ri­sco­no la deci­sio­ne di comu­ne accor­do a un arbi­tro, impe­gnan­do­si poi a rispettarla.

Lo stes­so acca­de per «la Sha­ria» in Gran Bre­ta­gna, dove la leg­ge con­ce­de appun­to di defe­ri­re la deci­sio­ne su alcu­ne cau­se, pre­va­len­te­men­te di dirit­to di fami­glia a un giu­di­ce «isla­mi­co» con dei  limi­ti che sono quel­li clas­si­ci per tut­ti i pae­si. Pri­ma di tut­to l’a­de­sio­ne dev’es­se­re volon­ta­ria, se mari­to e moglie sono d’ac­cor­do a divor­zia­re di fron­te a un giu­di­ce «isla­mi­co» pos­so­no far­lo, uno solo dei coniu­gi non può. Che è il moti­vo per cui si chia­ma «giu­ri­sdi­zio­ne volon­ta­ria». C’è inol­tre che la sen­ten­za deve rispet­ta­re le leg­gi bri­tan­ni­ca, un giu­di­ce «isla­mi­co» che emet­ta una sen­ten­za con­tra­ria a qual­che leg­ge bri­tan­ni­ca, emet­te un prov­ve­di­men­to nullo.

L’ac­ces­so a que­sto isti­tu­to è simi­le a quel­lo con­ces­so in Ita­lia alla Sacra Rota, che può anche deci­de­re di annul­la­re ab ori­gi­ne il matri­mo­nio reli­gio­so seguen­do il codi­ce cano­ni­co e non le leg­gi del­lo sta­to, ma poi deve sot­to­sta­re a un vaglio di legit­ti­mi­tà per­ché le sen­ten­ze del­la Sacra Rota devo­no rispet­ta­re le leg­gi e i prin­ci­pi vigen­ti in Ita­lia, pena la loro irri­le­van­za e l’im­pos­si­bi­li­tà di assur­ge­re ad atti con vali­di­tà ed effet­ti rico­no­sciu­ti dal­lo sta­to anche sul matri­mo­nio civile.

È quin­di pro­fon­da­men­te sba­glia­to, una vera e pro­pria men­zo­gna, affer­ma­re che in Gran Bre­ta­gna sia in vigo­re la Sha­ria o che i tri­bu­na­li bri­tan­ni­ci sia­no sosti­tui­ti da quel­li «isla­mi­ci». In Gran Bre­ta­gna la Sha­ria può esse­re chia­ma­ta in cau­sa solo su richie­sta del­le par­ti, quan­do lo con­sen­te la leg­ge bri­tan­ni­ca e solo quan­do non sia in con­tra­sto con le nor­me bri­tan­ni­che, che con­ser­va­no sal­da­men­te supre­ma­zia ed esclu­si­vi­tà, pro­prie del­le leg­gi di un pae­se nel qua­le la lai­ci­tà del­le isti­tu­zio­ni e dei tri­bu­na­li non è mai sta­ta mes­sa in discussione

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.