Salvini e l’eterna baggianata della Sharia in Gran Bretagna

#
Cogliendo lo spunto offerto dall’inaugurazione di una moschea, Matteo Salvini è tornato a raccontare agli italiani che in Gran Bretagna c’è la Sharia, con i tribunali islamici al posto dei tribunali inglesi.

“La questione culturale di fondo è se l’Islam, l’applicazione letterale del dettato di Maometto, oggi è compatibile con i nostri valori, con la nostra libertà e con la nostra Costituzione? Ho fortissimi dubbi”… Non vorrei far la fine della Gran Bretagna, che ha i tribunali islamici al posto dei tribunali inglesi”. E a chi sostiene che tenere aperte le moschee consenta un maggior controllo sui fedeli, ha risposto: “Io dico che così si insediano meglio sul territorio”.

Ovviamente in Gran Bretagna non c’è la Sharia, non è in vigore e non ha soppiantato le leggi britanniche. Come in molti altri paesi, anche in Italia, la legge britannica consente ai cittadini di risolvere alcune questioni e liti al di fuori dei tribunali. Si tratta di una forma di arbitrato di rimessa alla scelta delle parti, che deferiscono la decisione di comune accordo a un arbitro, impegnandosi poi a rispettarla.

Lo stesso accade per «la Sharia» in Gran Bretagna, dove la legge concede appunto di deferire la decisione su alcune cause, prevalentemente di diritto di famiglia a un giudice «islamico» con dei  limiti che sono quelli classici per tutti i paesi. Prima di tutto l’adesione dev’essere volontaria, se marito e moglie sono d’accordo a divorziare di fronte a un giudice «islamico» possono farlo, uno solo dei coniugi non può. Che è il motivo per cui si chiama «giurisdizione volontaria». C’è inoltre che la sentenza deve rispettare le leggi britannica, un giudice «islamico» che emetta una sentenza contraria a qualche legge britannica, emette un provvedimento nullo.

L’accesso a questo istituto è simile a quello concesso in Italia alla Sacra Rota, che può anche decidere di annullare ab origine il matrimonio religioso seguendo il codice canonico e non le leggi dello stato, ma poi deve sottostare a un vaglio di legittimità perché le sentenze della Sacra Rota devono rispettare le leggi e i principi vigenti in Italia, pena la loro irrilevanza e l’impossibilità di assurgere ad atti con validità ed effetti riconosciuti dallo stato anche sul matrimonio civile.

È quindi profondamente sbagliato, una vera e propria menzogna, affermare che in Gran Bretagna sia in vigore la Sharia o che i tribunali britannici siano sostituiti da quelli «islamici». In Gran Bretagna la Sharia può essere chiamata in causa solo su richiesta delle parti, quando lo consente la legge britannica e solo quando non sia in contrasto con le norme britanniche, che conservano saldamente supremazia ed esclusività, proprie delle leggi di un paese nel quale la laicità delle istituzioni e dei tribunali non è mai stata messa in discussione

 

  • 22
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati